Juventus, Khedira rimane: Sarri ha bisogno della sua esperienza

Juventus, Khedira rimane: Sarri ha bisogno della sua esperienza

Khedira è tornato al gol sabato contro l’Atletico Madrid e punta a conquistare la fiducia del neo allenatore della Juventus, Maurizio Sarri.

di Patrizia Monaco

SFIDA LA REDAZIONE DI FANTAMAGAZINE SU MAGIC
Crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport!

Alla fine della scorsa stagione, la peggiore da quando è arrivato a Torino, sembrava che Sami Khedira fosse destinato alla partenza. Eppure adesso, quando mancano pochi giorni all’inizio del campionato, il suo nome rientra tra quelli su cui Maurizio Sarri potrà fare maggiore affidamento nei prossimi mesi.

Chi conosce il calciatore e ha avuto modo di seguirlo nel corso della sua carriera sa bene che le sue caratteristiche di gioco e di movimento non corrispondono del tutto all’idea dell’allenatore che fa soprattutto della velocità il proprio pilastro centrale.

Sotto la guida di Massimiliano Allegri, infatti, Khedira si prestava benissimo allo schema che prevedeva una linea difensiva molto bassa ed una chiusura degli spazi. Con il nuovo tecnico il tedesco dovrà essere capace di adattarsi quanto prima ad un gioco che punta sul comando nella metà campo avversaria, con una linea difensiva decisamente più alta. La sua velocità di lettura e la sua esperienza lasciano comunque pensare che l’impresa possa essere tutt’altro che ardua, poiché il mister sa di poter contare su di lui soprattutto nelle gare in cui bisognerà donare più equilibrio all’intera squadra. A questo punto, il centrocampo della Juventus potrebbe essere sfoltito con la partenza di Matuidi che rispetto al tedesco ha sicuramente più mercato e potrebbe partire per una cifra che si aggira intorno ai 10-15 milioni di euro.

KHEDIRA RIPARTE DAL GOL CONTRO L’ATLETICO

Quello che potrebbe preoccupare, soprattutto in ottica fantacalcio, è invece l’aspetto legato alla condizione fisica di Khedira. Il tedesco, infatti, non è assolutamente nuovo ad acciacchi ed infortuni che non gli hanno permesso di giocare sempre con continuità, come visto nell’ultimo anno durante il quale, tra problemi di cuore e di ginocchio, ha disputato appena 10 partite, mettendo comunque a segno 2 gol (fantamedia di 6,75). La stagione precedente, invece, i gol sono stati ben 9 per un totale di 25 presenze (fantamedia di 7,66), e questo testimonia quanto, se messo nelle condizioni giuste, il calciatore classe 1987 possa rappresentare un ottimo elemento al fanta.

Sabato sera, contro l’Atletico Madrid, è tornato a giocare titolare dopo quattro mesi, riuscendo addirittura a timbrare il cartellino approfittando di una palla vagante al limite dell’aria, azione che ci ricorda quanto possa essere letale con i suoi inserimenti improvvisi. In vista del nuovo campionato bisogna però considerare che Khedira non rappresenterà la prima scelta di Sarri ma potrà dire la sua se acquistato a centrocampo in coppia con centrocampisti bianconeri più titolari rispetto a lui.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy