Cairo, frenata su Verdi: “Non abbiamo accordo con Napoli”

Il presidente del Torino commenta le prossime mosse di mercato del club che è alla ricerca di un innesto di qualità, di un secondo portiere e di un terzino sinistro.

di Mario Ruggiero, @MarioRuggi
cairo-torino

SFIDA LA REDAZIONE DI FANTAMAGAZINE SU MAGIC
Crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport!


Al termine di Torino-Wolverhampton, terminata con la vittoria del club inglese, ha parlato anche il presidente del sodalizio piemonte Urbano Cairo. Queste le dichiarazioni raccolte dai colleghi di Toronews.

Sulla trattativa che vede il passaggio di Simone Verdi in granata e sulla mancata possibilità di rinforzare la rosa già a luglio:  “Rinforzo di qualità a luglio? Non era possibile, non c’era il profilo di cui abbiamo bisogno. Magari perché una squadra dice: “Finché non trovò un sostituto io questo giocatore non te lo cedo”. Anche io ho fatto così, ho voluto mantenere tutti per poi eventualmente capire cosa fare. Accordo per Verdi? Se lo avessimo trovato avremmo Verdi… Non c’è un accordo con il Napoli per Verdi, altrimenti avremmo Verdi. Mi sembra abbastanza scontato.”

Cairo prosegue affermando che il problema della partita di ieri sera non sia stato il mercato: “Il mercato non è il problema di stasera (ieri sera, ndr). Era una partita che meritava di giocare questa squadra che si è guadagnata il settimo posto, e doveva ottenere l’accesso ai gironi. Tanto fai il mercato, ma non è che il mercato ti serve per la partita, e non parlo delle liste UEFA. Non è che prendi Pinco Pallino, arriva e ti risolve la partita. Il calcio non è questo, è fatto di automatismi, di intesa, del gioco del mister di un certo tipo. Magari prendi un giocatore e rimane in panchina perché è giusto così.

Sulla possibilità che il mercato possa bloccare il mercato: “Vediamo, non metto il carro davanti ai buoi: penso a domenica e a giovedì prossimo. Dopodiché, davanti al fatto che siamo nei gironi oppure no, valuteremo le situazioni possibili. L’obiettivo mio è quello di tenere tutti i migliori giocatori, io confermo quello che ho detto. Dopodiché le combinazioni di mercato degli ultimi giorni vedremo cosa ci offrono e valuteremo cosa fare. Però non so dirlo adesso, il mio obiettivo l’ho mantenuto fino ad oggi. Poi è chiaro che devi avere tutti quanti che sono felici di restare”.

Sulla permanenza o meno di Bonifazi e Millico Cairo si è espresso così: “Vedremo come evolve il mercato. Se restano? Non lo so, non è detto, vediamo”.

Infine, per quanto riguarda la situazione dell’attacco granata: “In attacco abbiamo già due giocatori di grande valore, il mister ha varie possibilità su come giocare. Anche con una punta sola, ha un pianoforte che suona come meglio crede in base anche alle partite e all’avversario. Mercato bloccato? Macché bloccato. Avrei potuto vendere 5 giocatori e si sarebbe sbloccato subito. Però ho avuto tante richieste e non le ho accettate. Sono partito dicendo: “Voglio tenere tutti gli innesti che abbiamo e aggiungere un innesto di qualità”. Poi c’è anche il secondo portiere e forse un terzino sinistro. Poi anche se lo avessi a disposizione contro il Wolverhampton cosa fai? Fai giocare Zaza, Belotti e un innesto di qualità? Poi rischi di non avere il giusto equilibrio e sappiamo che per Mazzarri l’equilibrio è fondamentale. Abbiamo già tanti giocatori di qualità e dobbiamo entrare nell’ottica che se arriva un innesto di qualità non è che per forza giocherà tutte le partite.”

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy