Inter, ansia nazionale per Godin e Lukaku

Inter, ansia nazionale per Godin e Lukaku

Per Diego Godin e Romelu Lukaku pericolo infortuni in vista della Champions League.

di Massimo Angelucci

Dopo il ko contro la Juventus, per l’Inter di Antonio Conte si presenta all’orizzonte una pausa che non sarà per nulla distensiva con l’ansia per i giocatori nerazzurri impegnati nelle proprie nazionali, in particolare per quanto riguarda Romelu Lukaku e Diego Godin. L’attaccante belga deve gestire un affaticamento muscolare che gli ha impedito di prendere parte al match di Champions League contro il Barcellona, mentre per il difensore uruguaiano c’è da stare attenti alle condizioni del ginocchio che lo ha costretto ad alzare bandiera bianca contro la Juventus in campionato.

Tutti e due i giocatori saranno monitorati dallo staff sanitario nerazzurro durante il ritiro con le proprie nazionali, perché all’orizzonte si avvicina la doppia sfida contro il Borussia Dortmund. La sfida con la compagine tedesca sarà fondamentale per l’approdo agli ottavi di finale e l’Inter spera di giocare entrambe i match con l’intera rosa a disposizione.

PER LUKAKU OBIETTIVO 50 GOAL

Il bomber belga, miglior marcatore della sua nazionale,  è ad un passo dai 50 goal, e per lui sarebbe meraviglioso festeggiare questo traguardo sotto lo sguardo amorevole dei propri familiari, ma il ct belga Roberto Martinez predica prudenza: “dobbiamo prestare attenzione a 4 giocatori che sono arrivati in nazionale con un infortunio subìto nelle ultime settimane. Se Romelu starà in forma giocherà con il San Marino e non in Kazakistan“. Da queste parole si evince che Lukaku potrebbe giocare una sola partita, oggi, per poi tornare a Milano e prepararsi al meglio per le prossime sfide in nerazzurro e guarire completamente dal piccolo guaio muscolare.

CARICA GODIN

Dall’Uruguay giungono ottime notizie, proprio dal pulpito del forte difensore nerazzurro: “ho avuto un piccolo problema al ginocchio, ma nulla di importante. Ora valutino con lo staff medico, ma mi sento bene“. Presumibilmente, visto che si è allenato regolarmente in gruppo per tre giorni di seguito contro il Perù, match che si disputerà domani, Diego Godin giocherà dall’inizio. Diego è un guerriero che vorrebbe sempre giocare ogni secondo e la nuova avventura in nerazzurro lo sta esaltando: “mi sto adattando ad un nuovo sistema, a un nuovo calcio. Questa è una bella esperienza, ho trovato un club fantastico con un grande tecnico“. Con il nuovo schema si sta spingendo spesso in avanti, trasformandosi a volte in un uomo assist, come testimonia l’assistenza a Sensi contro l’Udinese. Ora il prossimo step sarà quello di siglare qualche goal di testa, la specialità della casa, per cercare di riportare l’Inter al vertice della classifica.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy