Viviani alla Spal, cosa cambia al fantacalcio?

Nuova avventura per il regista scuola Roma, in cerca della definitiva consacrazione. Sarà un profilo da tenere d’occhio in ambito fantacalcistico? Diamo uno sguardo insieme alle sue abilità!

di Claudio Cutuli, @cutuli4

Terza tappa nella massima serie per il nativo di Lecco, che dopo le parentesi – poco soddisfacenti – di Verona e Bologna cercherà gloria con la casacca della SPAL, neopromossa terribile. Dopo la prassi delle visite mediche è arrivata anche la firma sul contratto. Di seguito il comunicato ufficiale della società emiliana:

”SPAL 2013 srl comunica di aver acquisito dall’Hellas Verona Football Club S.p.A. le prestazioni sportive del calciatore Federico Viviani.

Il centrocampista arriva in biancazzurro con la formula del prestito con diritto di riscatto.

Cresciuto nel settore giovanile della Roma, con cui ha esordito in serie A nel 2011/2012, ha militato successivamente nelle fila di Padova, Pescara e Latina.

Dopo un campionato nell’Hellas Verona (2015/2016), ha disputato l’ultima stagione nel Bologna.”

GEOMETRA DI CENTROCAMPO, TALENTO DA FAR SBOCCIARE

Viviani giunge a Ferrara in cerca di spazio e minuti. Pare essere arrivata l’ultima chiamata per il talentino scuola Roma: emergere prepotentemente o continuare a navigare nel novero delle promesse? L’ambiente spallino dovrebbe calzargli a pennello, sgravandolo di eccessive pressioni e aspettative. Qui, infatti, ritroverà probabilmente la tranquillità ma soprattutto la continuità di cui necessita un calciatore. Su di lui mister Semplici si è voluto sbilanciare, affermando pochi giorni addietro: ”Non so se è già stato raggiunto l’accordo, ma è un bel giocatore, ha qualità, personalità e mi auguro possa diventare determinante per noi” . Parole al miele verso un prospetto che possiede il ”physic du role” del regista moderno: pensiero rapido, capacità sublime di telecomandare il pallone ed estrema decisione nei contrasti di gioco. A lui spetterà il compito di avviare le transizioni offensive, uno dei punti focali su cui si baserà il gioco della SPAL. Le premesse, almeno sulla carta, sono più che ottime.

POSSIBILE CRACK AL FANTACALCIO?

Tanta, forse anche troppa carne al fuoco. Partiamo da un dato oggettivo: in squadra, al momento, non figurano battitori prestabiliti per i calci piazzati. Potrebbe sbaragliare la concorrenza in quest’ottica, risolvendo le partite più insidiose direttamente da palla inattiva con il piedino ”magico” che si ritrova.  Ecco un breve assaggio delle sue qualità balistiche:

Anche gli assist da calcio d’angolo rappresentano una delle specialità della casa, caratteristica che accrescerà il numero di occasioni offensive totali della SPAL. Sulla titolarità non ci sono grosse remore: avrá i galloni da titolare nel cuore del centrocampo spallino e proverà in ogni modo possibile ad esaltare l’esigente platea del ‘‘Paolo Mazza’‘. A completare la panoramica troviamo anche una discreta abilità nei tiri da fuori area. Quali sono, invece, le controindicazioni al suo acquisto? La tenuta fisica: Viviani ha la nomea di essere un giocatore fragile. Nell’ultima stagione, però, ha mostrato parecchi segni di miglioramento sotto questo punto di vista, sconfiggendo quasi definitivamente i ”noti” problemi di pubalgia. Ciò nonostante, è consigliabile tenere in considerazione un’indisponibilità di almeno 6-7 partite nell’arco della stagione per noie muscolari e similari. Non bisognerà, quindi, lasciarsi trasportare eccessivamente in sede d’asta, catalogando il giovane regista come 5°/6° slot (in lega ad 8) dall’altissimo potenziale fantacalcistico.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy