Torino, emergenza sulle fasce: Longo pronto a sfoderare il 4-4-2

Torino, emergenza sulle fasce: Longo pronto a sfoderare il 4-4-2

Ola Aina e Ansaldi potrebbero saltare la gara contro il Parma e Longo pensa al cambio di modulo

di Carlo Cecino, @CarloCecino

Il Torino è ufficialmente entrato nella settimana che precede il rientro in campo dei Granata in questa “nuova fase” di Serie A. L’appuntamento per Belotti e compagni è fissato per sabato alle ore 19.30, per il match di recupero contro il Parma al Grande Olimpico. E per la sfida contro i Ducali, come evidenzia Tuttosport, potrebbero esserci alcuni imprevisti per mister Longo, che deve valutare con attenzione la condizione fisica dei suoi esterni.

ANSALDI, OLA AINA E IL MODULO DI GIOCO

Il primo da tenere monitorato in casa Granata è Cristian Ansaldi. L’argentino nei prossimi giorni proverà a ritornare in gruppo, ma stando a Tuttosport, dovesse reintegrarsi nel lavoro collettivo, resterà comunque un giocatore reduce da due settimane di lavoro personalizzato per noie muscolari. L’ipotesi più realizzabile per la gara contro il Parma è quella di vedere Ansaldi seduto in panchina e magari entrare in campo per qualche scampolo di partita nel finale. Non avrebbe senso al momento rischiare un ritorno affrettato per uno degli elementi di grande importanza nello scacchiere tattico di Longo. L’importante è che Ansaldi sia al 100% fisicamente per il maggior numero di partite disponibili in questo ritorno di Serie A.

Anche il suo sostituto, vale a dire Ola Aina, non è al meglio dal punto di vista fisico. Tuttosport infatti sottolinea come il nigeriano sia in ritardo di condizione. Sta viaggiando a scartamento ridotto, i suoi test connessi alla condizione atletica non sono convincenti, quindi non appare ancora brillante ipotizzando un suo utilizzo spalmato sui 90 minuti di gara. Alla penuria di fluidificanti si deve aggiungere lo stato fisico di Lukic poco sfavillante e gli infortuni occorsi a Baselli e Verdi.

Per questo mister Longo sta continuando a provare il 4-4-2 in alternativa al 3-5-2. La discriminante del cambio di modulo sarà l’utilizzo o meno dal primo minuto di Ola Aina, con De Silvestri al momento unico terzino di ruolo. Il quotidiano del capoluogo sabaudo rammenta inoltre che nell’ultimo giorno del mercato di gennaio il Torino ha restituito Laxalt al Milan senza aggiudicarsi il sostituto, il belga Busi. Un rinforzo che avrebbe fatto molto comodo al Toro in questo periodo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy