Roma, Zaniolo tra campo e mercato: slitta il rientro in gruppo

La Roma riabbraccia il suo gioiellino e si augura di poterlo avere al 100% nello sprint finale di campionato. E intanto resiste alle offerte di mercato.

di Mauro Maccioni
Roma, caso Zaniolo: chi sarà il sostituto?

Zaniolo corre, poi si accascia dolorante in seguito al doppio contrasto con Rabiot e De Ligt. L’Olimpico esita, rimane sospeso nella paura. La barella, le lacrime e il volto coperto fanno il resto. Zaniolo si opera al legamento crociato e la Roma accetta la sorte sfortunata. Ma ora, dopo il recupero facilitato anche dalla sosta, Zaniolo è pronto a tornare in gruppo. E subito dopo in campo.

RIENTRO IN GRUPPO

Era oggi il giorno prefissato per il suo primo allenamento con i compagni. La Roma era pronta a riabbracciarlo e il solo vederlo correre insieme agli altri sarebbe stata una gioia per gli occhi. Ma il fantomatico rientro è slittato a settimana prossima. Zaniolo infatti, si sottoporrà a un intervento al naso per risolvere l’ipertrofia ai turbinati che lo attanaglia da tempo. Se per migliorare c’è sempre modo, Zaniolo pensa anche ai dettagli: migliorare la respirazione per rendere di più. E la cosa non può che far piacere.

MERCATO

Che Zaniolo interessi a mezza Europa – e non solo mezza – non è un segreto. Oltre alla Premier, che continua a sondare il terreno, in Italia si muovono Inter e Juventus. I nerazzurri, pentiti dell’errore del passato, avrebbero proposto un nuovo scambio con Nainggolan, più conguaglio economico. Una vera e propria marcia indietro, insomma. Che la Roma ha rifiutato senza pensarci troppo. La Juventus, invece, forte della sinergia di mercato con i giallorossi, avrebbe provato a offrire Bernardeschi, Romero e soldi. Ma anche qui la Roma ha rifiutato, puntando sul desiderio del giocatore di rimanere nella Capitale.

Per ora, negli occhi di Zaniolo c’è solo il rientro in campo, la Roma e l’Europeo. Per il mercato, forse, ci sarà tempo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy