Roma, Mkhitaryan manda un messaggio a Fonseca: doppietta in nazionale!

Roma, Mkhitaryan manda un messaggio a Fonseca: doppietta in nazionale!

Nella vittoria dell’Armenia sulla Bosnia è la firma del neo-acquisto giallorosso a pesare maggiormente con due gol ed un assist!

di Giovanni Sichel, @SichelGiovanni
Mkhitaryan

Se qualcuno pensava che Mkhitaryan avesse bisogno di qualche tempo per mettersi al pari con i nuovi compagni di squadra, forse non aveva fatto bene i conti con l’armeno. A farne le spese, in questo caso, è stato proprio uno dei suoi nuovi compagni, ossia Edin Dzeko. Nella sfida valida per le qualificazioni europee, infatti, l’attaccante giallorosso si è dovuto arrendere contro un’Armenia straripante guidata proprio dall’esterno da poco arrivato nella capitale.

Gli bastano giusto 3 minuti per timbrare il cartellino con un gol da predatore d’area. Sfrutta infatti un cross apparentemente poco pericoloso che la difesa bosniaca lascia scorrere. Presa palla a pochi passi dall’area piccola, salta il portiere avversario e appoggia con potenza in rete. Dieci minuti più tardi, però, Edin Dzeko non ci sta e trova il pareggio per i suoi approfittando di un cross dalla sinistra su cui la difesa armena si addormenta.

Servono altri 50 minuti di gioco perché la partita si sblocchi nuovamente ed è nuovamente Mkhitaryan a portare avanti i suoi con un inserimento che viene premiato dai compagni e che lui trasforma con un vero e proprio siluro imparabile. Pochi minuti più tardi la Bosnia riaggancia il pareggio, ma al 77′ minuto l’Armenia torna avanti. Questa volta, in gol ci va Hambardzumyan, giocatore del campionato cipriota, che viene pescato da un passaggio millimetrico proprio di Mkhitaryan. L’Armenia, nei minuti di recupero, trova anche il definitivo 4-2 con un autogol della difesa bosniaca, ma è sicuramente il neo esterno romanista ad essersi guadagnato la palma di migliore in campo.

Un chiaro messaggio che Mkhitaryan manda non solo a Paulo Fonseca in vista della prossima sfida. Il messaggio, però è diretto anche a Justin Kluivert e a Florenzi. I due, magari, si aspettavano di avere una possibilità di partire dal primo minuto, nella speranza che il mister lasciasse al giocatore armeno il tempo per ambientarsi nella nuova squadra e con i nuovi schemi. Questa prestazione super potrebbe invece mettere in grosse difficoltà il mister nella scelta del prossimo undici iniziale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy