Pinilla al Genoa: cosa cambia al fantacalcio?

I rossoblù riabbracciano l’attaccante cileno dopo due anni. Decisivo per il ritorno a Genova la volontà del giocatore che ha rifiutato le offerte arrivate da Cina e Messico

di Nello Fiorenza

Chiusa la sua avventura all’Atalanta, Mauricio Pinilla torna definitivamente al Genoa. Nei due anni a Bergamo l’attaccante ha segnato complessivamente 12 gol, ma quest’anno non ha praticamente mai giocato anche perché il feeling con Gasperini era già compromesso proprio dai tempi della parentesi genoana. Il cileno ha firmato con il Grifone un contratto di un anno e mezzo.

PINILLA AL GENOA CHE UTILITÀ AL FANTACALCIO?

Il bomber cileno torna a vestire la maglia rossoblù dopo la prima parte della stagione 2014/15, nella quale aveva giocato 12 partite segnando 3 gol, prima di passare a gennaio proprio all’Atalanta. Dopo la cessione di Leonardo Pavoletti al Napoli serviva un attaccante che rinforzasse il reparto offensivo e che fosse pronto a dare un’alternativa a mister Juric.
La scelta di Preziosi è ricaduta su Pinigol, prima punta navigata (sono 32 gli anni sulla sua carta d’identità) che conosce già l’ambiente e pronto a diventare l’alternativa ideale a Giovanni Simeone. Difatti l’intenzione – non tanto velata – dei vertici del Grifone è quella di puntare sul Cholito che è giovane, fa gol e soprattutto in questi mesi ha dimostrato di poter reggere il ruolo di titolare. Tuttavia il figlio del Cholo Simeone ha bisogno di aiuto per poter crescere senza avere addosso una grande responsabilità, e così Pinilla può fargli da “chioccia” ma senza rassegnarsi al ruolo di panchinaro e comunque facendo le sue presenze alternandosi (o facendo coppia) con Simeone. Il cileno può rientrare nella casistica degli attaccanti da ultimo slot.

LA COPPIA SUDAMERICANA CHE INTRIGA I FANTALLENATORI

A più di qualche allenatore potrebbe sconfinferare avere il duo Simeone e Pinilla, con la certezza fantacalcistica di avere per tutta la stagione l’attaccante titolare del Genoa. È una mossa saggia e che può starci benissimo (magari in leghe più numerose), ma chi ha già Simeone potrebbe desistere dall’avere in squadra pure Pinilla. Il rischio che il Cholito passi il testimone per questa seconda parte di stagione non è così concreto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy