Di Natale: evoluzione in bomber casalingo?

Di Natale: evoluzione in bomber casalingo?

Totò Di Natale da schierare solo in casa o i suo i gol arriveranno anche in trasferta?

di Francesco Spadano, @francespadano

Di Natale: evoluzione in bomber casalingo?

Anche in questa stagione l’Udinese sarà guidata da Totò Di Natale e l’auspicio di tutto l’ambiente friulano è quello di raggiungere velocemente la salvezza per poi divertirsi e togliersi qualche soddisfazioni. Il rendimento del capitano friulano, negli ultimi anni, è sempre stato di altissimo livello tanto da essere considerato costantemente un top di reparto a livello fantacalcistico. Nelle ultime stagioni sono emersi , però, alcuni dubbi sulla tenuta fisica del talento napoletano, infatti, in alcune aste viene puntualmente sottopagato poiché vi sono alcune remore sull’attaccante riguardo alle presenze che può garantire, alle prestazioni interne/esterne e ai gol che può assicurare. Proviamo ad analizzare, a tal proposito, le ultime stagioni e cerchiamo di capire se Di Natale è ancora da considerarsi un attaccante di prima fascia da schierare in ogni tipo di gara o da gestire e schierare principalmente nelle gare casalinghe.

Totò nelle ultime stagioni: gol e minutaggio

Di Natale maglia Analizzando le ultime cinque stagioni del numero 10 dell’Udinese emerge innanzitutto un calo leggero delle presenze e contestualmente un prevedibile calo del numero di reti siglate in A. Il numero di reti è sceso dalle 28 della stagione 2010/2011 alle 14 dell’ultima stagione, passando per le 23 delle stagioni 2011/12 e 2012/13 e le 17 della stagione 2013/14. Per quanto riguarda il minutaggio, Di Natale è passato dai 3000 minuti circa delle stagioni 2010/11 e 2011/12 ai 2372 minuti della scorsa stagione. Ovviamente su questi numeri hanno influito alcuni lievi infortuni e il turnover in vista degli impegni dell’Udinese in Europa.

Rendimento casa/trasferta

Per quanto riguarda le reti analizziamo i numeri di Totò nelle gare casalinghe di A: -STAGIONE 2010/11: 57%  -STAGIONE 2011/12: 74%  -STAGIONE 2012/13: 70% -STAGIONE 2013/14: 82% -STAGIONE 2014/15: 86% Si evince che la media di reti in casa da parte di Di Natale è del 74% rispetto al totale dei gol realizzati negli ultimi anni. Un dato che non può passare inosservato e deve essere valutato dai fantallenatori, sia in fase d’asta ma soprattutto in occasione delle scelte settimanali.

Come gestire Di Natale al fantacalcio

Di Natale rimane un giocatore affidabile, dotato di una tecnica eccellente, incaricato di battere quasi tutti i calci piazzati dell’Udinese, rigori compresi. Forse i 20 gol non sono più alla portata di Totò ma in leghe numerose può ancora essere visto come un 1° slot oppure un eccelso 2°slot. La tendenza di Totò è ormai abbastanza chiara, cioè, in casa ha uno score mostruoso ma tende, ultimamente, a spegnersi nelle gare lontano dal Friuli. La percentuale realizzativa differente tra le gare interne ed esterne è dovuta, probabilmente, alle caratteristiche e al diverso atteggiamento della squadra di cui è il simbolo e capitano. Le sue caratteristiche da contropiedista si sono, inoltre, leggermente perse negli anni e anche questo probabilmente rende Totò meno pericoloso nelle gare esterne. Di Natale in casa, invece, riesce ad essere molto presente negli ultimi 20 metri dove è capace di trovare il guizzo giusto nonostante le difese schierate. In breve il consiglio per ogni fantallenatore è di mettere sempre in campo Di Natale quando l’Udinese gioca tra le mure amiche, specie in questa stagione dove ci sarà la spinta del nuovo “Friuli” senza barriere. Per quanta riguarda le gare in trasferta, invece, sembra più corretto consigliare  di valutare le alternative a Di Natale presenti nella propria fantarosa. Potrebbe essere astuta, a tal proposito, la mossa di prendere il bomber napoletano in coppia con almeno un buon attaccante di Frosinone, Verona o Torino vista l’alternanza, perfetta o quasi, con la squadra bianconera.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy