Napoli, torna Reina e la difesa “Sarri…piglia”

Napoli, torna Reina e la difesa “Sarri…piglia”

Con il ritorno tra i pali del leader spagnolo e gli insegnamenti di Sarri la difesa azzurra “si…riprende”?

di Redazione Fantamagazine

Lezione di napoletano: “Con l’arrivo di Maurizio Sarri la difesa del Napoli “Sarripiglia“, gli attaccanti avversari “Sarricettano” e la tifoseria azzurra “Sarricrea“….”. Traduzione: “Con l’arrivo di Maurizio Sarri la difesa del Napoli si riprende, gli attaccanti avversari si incartano e la tifoseria azzurra si diverte...”. Cari fantallenatori, siete d’accordo con questa nuova massima napoletana? Secondo voi, con l’arrivo di Sarri, la difesa del Napoli smetterà di essere il parco giochi degli avversari per tornare ad esser quel bunker che ha fatto le fortune del Napoli “Mazzariano”? Diamo un’occhiata ai numeri per provare a trarre le giuste e “fantacalcistiche” conclusioni….

Da Mazzarri a Benitez: il Napoli inizia a ballare il flamenco in difesa (e senza Reina sono dolori…)

Kalidou Koulibaly (foto: napoli10.com) Nel 2013-2014, il primo anno in Campania di mister Rafa Benitez e del portiere spagnolo Pepe Reina, il Napoli ha subito 39 reti mentre nel 2014-2015, sempre agli ordini dell’ex icona del Liverpool ma senza il leader iberico tra i pali, gli azzurri hanno subito la bellezza di 54 reti; confrontando i dati con quelli che sono stati due dei quattro Napoli di Mazzarri, invece, scopriamo che nel 2010-2011 il Napoli ha subito 39 reti mentre nel 2012-2013 ne ha subiti addirittura 36 reti. Considerando i miracoli compiti da Reina a Napoli nel 2013-2014 che hanno evitato agli azzurri di peggiorare il passivo, possiamo tranquillamente affermare che con l’arrivo di “Don Rafé” sulla panchina azzurra la difesa del Napoli si è trasformata in una gruviera e la porta, difesa prima dal deludente Rafael e poi dal discontinuo Andujar, si è trasformata in un tiro al bersaglio per gli attaccanti avversari. Dando un’occhiata alle innumerevoli reti subite nell’ultima stagione del Napoli, balzano agli occhi l’incredibile facilità con i quali gli avversari superavano Albiol nell’uno contro uno, la capacità di Koulibaly di trovarsi sempre nella posizione sbagliata e soprattutto i mancati ripiegamenti difensivi del terzino sinistro Ghoulam, tanto bravo in fase offensiva quanto disastroso in fase difensiva (le diagonali, quelle sconosciute….). La domanda sorge spontanea: colpa dei limiti tecnici dei difensori o colpa dell’allenatore carente negli insegnamenti sulla fase difensiva? Se esaminiamo la media voto dei 4 presunti titolari della difesa del Napoli dell’ultima stagione, scopriamo che Maggio viaggiava sui 5.67, Albiol sui 5.60, Koulibaly sui 5.81 e Ghoulam sui 5.62….Se calcoliamo che in 4 hanno realizzato solo un gol (Koulibaly contro il Palermo), ci rendiamo conto di come l’ultimo reparto difensivo messo su da Benitez sia stato improduttivo in fase offensiva e disastroso in fase difensiva….

Da Benitez a Sarri: la difesa torna affidabile? Con un Reina in più c’è da scommetterci…

Statuetta Sarri San Gregorio (foto: napolitoday.it) Se Aurelio De Laurentiis ha speso negli anni quasi 50 milioni per costruire la difesa del Napoli (calcolando anche il discutibile Britos e il “Chi l’ha visto?” Zuniga), Corsi ha messo a disposizione di Sarri, nell’ultima stagione ad Empoli, una squadra low cost che ha subito 2 reti in meno del “facoltoso” Napoli di Benitez (52 contro 54) ed un reparto difensivo che ha visto Hysaj raggiungere una media voto di 5.81, Tonelli toccare i 5.96, Rugani addirittura i 6.12 e Mario Rui i 5.92. Se calcoliamo, inoltre, che Mario Rui ha totalizzato 4 assist, che Hysaj, 21enne albanese pescato dal Vlaznia, è stato una piacevole sorpresa, che Tonelli ha realizzato ben 5 reti e che Rugani, oltre a bucare 3 volte la porta avversaria, è stato l’unico difensore della serie A a non essere mai ammonito, beh…il confronto tra il reparto difensivo dell’Empoli di Sarri e la difesa del Napoli di Benitez rischia di essere quasi impari…. Dopo tutte queste premesse e queste belle parole, a quale conclusione “fantacalcistica” vogliamo arrivare? Noi pensiamo che con un Albiol nelle vesti di difensore “elegante” alla Rugani e con un Koulibaly (o Bartra, o Romagnoli o Maksimovic) stopper “cattivo” alla Tonelli ed un Maggio e soprattutto un Ghoulam più attenti in fase difensiva (non dimentichiamoci che Mario Rui era una ex ala offensiva…), il Napoli può fare un bel salto di qualità in difesa sia per quel che riguarda le reti subite che fatte piuttosto che per la media voto dei singoli difensori. Se ad orchestrare la difesa c’è poi il “maestro” Reina pronto ad abbassare la saracinesca allora i difensori ed il portiere del nuovo Napoli di Sarri possono diventare un fattore al prossimo fantacalcio. “E fu così che i fantallenatori “Sarricrearono” con la nuova difesa del Napoli di Sarri”…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy