Napoli, è allarme rosso in difesa

Napoli, è allarme rosso in difesa

Il Napoli di Carlo Ancelotti affronterà domani l’Atalanta con gli uomini contati in difesa.

di Massimo Angelucci

Non è un periodo molto fortunato per il Napoli, sia dentro che fuori dal campo di gioco. Oltre ai risultati altalenanti sul rettangolo verde, con gli azzurri partenopei che devono difendere il 4° posto dalle squadre romane, si aggiungono anche gli infortuni.

L’ultimo ad infortunarsi in casa azzurra è stato il francese Kevin Malcuit, che contro la Spal si è procurato la lesione del crociato anteriore e del menisco del ginocchio destro. Ci si mette anche il calendario, che nel turno infrasettimanale mette di fronte il Napoli e l’Atalanta al San Paolo. In questo momento infatti, gli uomini di Carlo Ancelotti si trovano di fronte l’avversario più difficile, se consideriamo lo stato di forma delle due squadre ed i numeri entusiasmanti della compagine bergamasca: 61 punti nell’anno solare, +1 sulla Juventus e record di 28 goal in 9 giornate (il precedente record apparteneva alla Juventus con 27 goal in 9 giornate, ndr)

DIFESA A PEZZI

Oltre a Kevin Malcuit, anche gli altri componenti del reparto difensivo non sono certo in perfette condizioni fisiche. A Castelvolturno lavoro personalizzato per Hysaj e Manolas, che sono ancora in dubbio sia per il match contro l’Atalanta che per il big match dell’11a giornata contro la Roma allo stadio Olimpico. A loro si unisce Mario Rui, che è reduce dall’infortunio muscolare contro il Genk in Champions League.

Gli azzurri, però, hanno recuperato a Ferrara Nikola Maksimovic, che potrebbe avere contro l’Udinese una maglia da titolare in coppia con Kalidou Koulibaly.

CHE FINE HA FATTO GHOULAM?

Misteriosa anche l’assenza di Faouzi Ghoulam, tenuto fuori contro Verona e Spal, senza una motivazione tecnica di Carlo Ancelotti, il quale è anche apparso infastidito dalle domande su di lui. Infortunio o scelta tecnica? Il mistero aleggia su Castelvolturno.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy