Milan, scocca l’ora di André Silva?

Dopo la cocente sconfitta contro la Sampdoria, in casa Milan si pensa che sia arrivato il momento di sfruttare anche nel campionato italiano le doti del bomber portoghese. Analizziamo i possibili scenari.

di Valerio Blasi Xella

In seguito alla sconfitta contro la Sampdoria, la società si è preoccupata e ha richiesto un confronto con il mister per analizzare le ragioni alla base del momento no. Domenica prossima c’è la Roma, una concorrente diretta per le prime quattro posizioni in classifica, obiettivo minimo della squadra rossonera. Non si possono più perdere punti per strada. Sono attese novità, riguardo i pezzi pregiati del mercato estivo, e uno di questi è sicuramente André Silva. Il bomber portoghese per ora ha calcato da protagonista solo i campi d’Europa, mentre in quelli d’Italia si è limitato ad un ruolo da comparsa. E allora occhio fantallenatori, perché l’ora di Andre Silva forse è veramente arrivata.

SILVA TRA IL 352 E IL 3421

Nel 352 Silva dovrebbe entrare in ballottaggio con Kalinic e Suso. Quello più a rischio in questo sistema di gioco sarebbe proprio lo spagnolo che al momento non ha convinto in questo nuovo ruolo. Suso infatti è abituato a partite dalla fascia destra, da cui può accentrarsi per rientrare con il suo mancino per provare il tiro o l’assist. Montella invece in questa posizione gli chiede di giocare più dentro il campo.

Se invece si dovesse optare per inserire due trequartisti dietro la punta in una sorta di 3421, a rischiare il posto sarebbe Kalinic in perenne ballottaggio con Silva nel ruolo di prima punta. I trequartisti sarebbero due tra Calhanoglu, Bonaventura e Suso.

In entrambi i casi comunque il primo indiziato a rimetterci è Cutrone. Il primavera che nel precampionato ha stupito tutti potrebbe essere accantonato o utilizzato solo nelle partite più semplici sulla carta, magari come risorsa a partita in corso.

COSA ASPETTARSI IN TERMINI DI BONUS?

Come abbiamo sempre riportato su queste pagine, bisogna andare cauti su Silva. Sicuramente non è da considerare come un primo slot al pari degli attuali bomber del campionato. L’età, la poca esperienza e la non stabile titolarità dipingono i contorni di una scommessa. Tuttavia, se come sembra dovesse trovare più continuità, potrebbe rivelarsi una felice sorpresa. Per ora gli unici suoi banchi di prova sono stati il campionato portoghese, con la maglia del Porto ha messo a segno 16 gol in 31 partite, e la nazionale lusitana con cui ha collezionato dei numeri molto interessanti (9 gol in 15 presenze). Di una cosa siamo certi in ogni caso: d’ora in avanti Silva troverà molto più spazio in campionato e se dovesse trovare stabilità di rendimento l’obiettivo della doppia cifra sembrerebbe assolutamente un traguardo possibile.

Insomma, possessori di Silva, il tempo delle attese sembra davvero finito. Perché l’ora di André, forse, è veramente scoccata.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy