Lo strano caso di Rossi: numeri da top ma rischio flop

Pepito sempre alle prese con gli infortuni. Riuscirà a lasciarseli alle spalle ?

di Francesco Spada, @MoradinGE

Una delle domande che molti allenatori si porranno in sede d’asta sarà se puntare o meno su Giuseppe Rossi, per nostra sfortuna una risposta precisa non esiste, proverò quindi ad analizzare la sua situazione fantacalcistica, ma prima vi consiglio una veloce lettura sul suo infortunio

Prima stagione a Firenze

Rossi arriva nel Gennaio 2013 dal Villareal, ancora infortunato esordisce pochi minuti a Pescara nell’ultima partita di campionato , la fine della sua agonia dopo mesi lontani dai campi. Svolge la preparazione estive per la stagione 2013/14 senza problemi, molto seguito dallo staff medico viola e in maniera particolare dai tifosi che non vedono l’ora di ammirare le sue prodezze. La stagione inizia e Rossi si presenta subito con un gol contro il Catania e una doppietta a Genoa.

Rossi esultanza in Fiorentina-Juventus
Sembra un sogno, culminato con la tripletta rifilata alla Juventus in una partita che ogni tifoso viola ricorderà: Firenze ha trovato di nuovo un suo idolo. Segna con una facilità disarmante, quasi una media di un gol a partita, stacca di netto i suoi avversari nella classifica cannonieri… Ma la favola purtroppo è destinata a finire: il 5 gennaio 2014 , dopo un intervento scomposto di un avversario, Rossi subisce un’altro infortunio che lo terrà fuori altri 3 mesi. L’incubo ritorna ma Pepito da persona forte e determinata quale è , riesce a tornare in campo alla terzultima giornata contro il Sassuolo. Sono solo 24′ , ma gli bastano per scrivere il suo nome nel tabellino dei marcatori, per poi ripetersi all’ultima giornata contro il Torino, riconfermando la sua media di quasi un gol a partita. Termina la stagione con 21 presenze, 16 gol e un assist, per una media di 9,07 . Impressionante se poi consideriamo che il secondo miglior attaccante finisce con la media del 8,5 , più di mezzo punto di distacco.

Seconda stagione

Se le 3 apparizioni sul finale di campionato  appena concluso hanno indotto all’ottimismo gli addetti ai lavori, la nuova stagione di Rossi finisce ancor prima di iniziare. Il 5 settembre 2014 viene operato nuovamente, il rientro previsto nel 2015 viene però condizionato da vari affaticamenti muscolari in fase di riabilitazione, che lo porteranno a non scendere mai in campo.

Rossi approva. E voi?

Terza stagione in arrivo: come comportarsi?

I numeri ci hanno detto che se gioca è il migliore per distacco nel suo reparto, ma l’incognita ginocchio ci rende poco inclini a spendere molto per lui, d’altro canto ha dimostrato che gli bastano pochi spezzoni di partita per lasciare il segno. In questa Fiorentina sarebbe un titolare fisso, ma per i motivi già risaputi è impossibile considerarlo tale, se poi si aggiunge il rinnovo contrattuale di Babacar ( su cui la Fiorentina già nel breve è decisa a puntarci) e a quello di Bernardeschi ( ancora un pò acerbo e probabilmente giocherà in una posizione diversa) , il minutaggio potrebbe risentirne. Personalmente un grosso pensiero lo farei in sede d’asta, stando però attenti a non pagarlo come top visto che i suoi trascorsi parlano chiaro, se però credete che non avrà problemi e che Sousa sappia gestirlo utilizzandolo per spezzoni di gara magari a risultato da ribaltare o per passare avanti negli ultimi 30 minuti. Non me lo lascerei scappare.  

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy