Lafont altra insufficienza: scommessa persa oppure no?

Lafont altra insufficienza: scommessa persa oppure no?

Nonostante nessun gol subito contro l’Atalanta Lafont non ha preso la sufficienza per la Gazzetta dello Sport , vediamo cosa aspettarci per il proseguo della stagione.

di Francesco Spada, @MoradinGE

Considerato una possibile sorpresa della stagione, Lafont non sta rendendo quanto ci si aspettava in questo avvio di campionato e la sua media voto è tra le peggiori tra i portieri ( MV 5,83, peggio di lui solo Gollini e Ospina) rendendolo inutile ai fini del modificatore di difesa. La buona notizia è che la difesa viola è tra le migliori del campionato con appena 5 gol subiti, evitando al giovane portiere molti malus e quindi una fantamedia ( FM 5,25) molto negativa. Di seguito ecco una breve analisi dei nostri esperti sulle prestazioni che hanno portato ad una media voto cosi bassa:

Si tratta semplicemente di qualche imperfezione tecnica di un ragazzo che i mezzi li ha, e pure eccezionali, come si è visto con la paratissima salva-risultato fatta nel finale sul Papu Gomez, ma che al momento probabilmente pecca troppo di sicurezza. Non si deve mai uscire di pugno con il sole contro e in un nugolo di corpi tra compagni e avversari, qualsiasi portiere ve lo potrà confermare. Lui l’ha fatto ed è andato a vuoto in un paio d’occasioni, generando altrettante pericolose mischie in area. Un po’ lo stesso principio che l’ha portato a eccedere di sicurezza nei rinvii di piede dopo alcuni fatti molto bene in Inter-Fiorentina, prendendosi rischi che non andavano presi e sbagliandone troppi. Domenica sui rinvii è stato molto più sicuro, speriamo che in settimana si lavori anche sui tempi e i modi dell’uscita. In ogni caso si tratta di un diciannovenne che deve ancora fare molta esperienza, non si può mettergli troppa pressione addosso anche se certe cose che mettono a rischio il risultato vanno comunque evitate.

LAFONT, COME GESTIRLO AL FANTACALCIO

Le aspettative su Lafont non sono cambiate, la giovane età (20 anni a gennaio) lo rende potenzialmente in grado di crescere in maniera esponenziale, ma la ovvia poca esperienza in un campionato ben diverso da quello francese lo sta portando a compiere qualche errore evitabile di troppo intaccando inevitabilmente il giudizio dei pagellisti sportivi.
Resta quindi schierabile quasi sempre, aiutato soprattutto da una difesa viola che si sta ben comportando, ma per vederlo utile in termini di modificatore in maniera costante ci vorrà del tempo, quindi per chi usa questa “modalità” dovrà pensare seriamente all’opzione di una panchina nel breve-medio periodo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy