Juventus, Douglas Costa pesce fuor d’acqua: come gestirlo al Fantacalcio?

L’ala offensiva brasiliana è atterrato in Italia con grandi aspettative da parte di Allegri e dei fantallenatori. Finora non ha mostrato le sue qualità: inizierà ad incidere o sarà un flop?

di Alessandro Mura

Douglas Costa è arrivato alla Juve con la pesante etichetta di acquisto più importante della sessione estiva del calciomercato juventino. Il suo innesto ha fatto sognare i tifosi juventini e lo stesso Allegri, che ha richiesto l’ala offensiva brasiliana per avere maggiore imprevedibilità nel suo 4-2-3-1. Costa ha però finora deluso le aspettative riposte in lui, in quanto sta pagando l’ambientamento alla nostra Serie A, campionato profondamente differente da quelli brasiliano, ucraino e tedesco, in cui in precedenza ha mostrato tutto il suo valore.

DOUGLAS COSTA: STATISTICHE 2017-2018

In questo primo scorcio di stagione il brasiliano ha collezionato 8 presenze: 5 in serie A, 2 in Champions e 1 nella Supercoppa italiana. Nel campionato italiano, materia di interesse per voi fantallenatori, Douglas ha calcato il campo da gioco per soli 184′, senza portare in dote alcun bonus e mettendo insieme una media voto del 5,75 (Gazzetta). Allegri lo ha schierato titolare in Serie A in sole due occasioni: nel derby col Torino e alla terza giornata contro il Chievo. Analizzando i dati delle sue partite si evince che Douglas Costa ha tirato in porta solamente 2 volte ed è andato vicino al gol unicamente contro il Torino, dove Sirigu gli ha negato la gioia della prima marcatura in maglia bianconera. In concordanza ai suoi trascorsi, in cui si è sempre dimostrato più un assist-man rispetto a un goleador, ha realizzato 8 cross (circa uno ogni 20′ in media) e creato 7 occasioni pericolose, non culminate in gol a causa dell’imperfezione dei suoi compagni o dalla bravura degli avversari.

Tuttavia, in queste prime uscite stagionali il brasiliano è parso un pesce fuor d’acqua negli schemi juventini: Costa ha infatti ostentato un’anarchia tattica e si è più volte incaponito in dribbling scenografici che hanno strappato gli olè del pubblico, ma che sono stati inutili ai fini del gioco. A tratti inoltre è apparso timido e ha giocato con il freno a mano tirato.

DOUGLAS COSTA: RUOLO E UTILITA’ NELLA JUVENTUS

La collocazione tattica di Douglas Costa nella Juventus, è stata fino a questo momento, quella di uomo di fascia: Allegri lo ha posizionato indifferentemente sia a destra che a sinistra nel trio a sostegno della punta. La concorrenza nella squadra bianconera è molto folta, Mandzukic, Cuadrado e Bernardeschi si giocano infatti insieme a Costa due posti nello scacchiere della Vecchia Signora.

Indicative, seppur non definitive, le scelte del mister: Allegri ha schierato solo due volte su sette partite Douglas Costa come titolare in Serie A, mentre in entrambe le partite di Champions League il brasiliano era tra gli 11 iniziali. Questo potrebbe significare che Costa non è ancora pronto per il nostro campionato: la sua tecnica e la sua velocità sono infatti penalizzate quando si affrontano squadre chiuse, come capita spesso alla Juventus in Italia. In Europa invece è molto diverso: le squadre si affrontano a viso aperto lasciando più spazi al contrattacco avversario, contesto in cui Costa si esalta e può diventare devastante.

Un altro fattore da non trascurare è la tendenza di mister Allegri ad inserire lentamente i nuovi acquisti. In ciò esistono delle eccezioni (vedasi Matuidi), ma solitamente il tecnico bianconero concede il necessario periodo di ambientamento ai nuovi arrivati: è stato così pure per Dybala. Dopo queste considerazioni ci poniamo dunque una domanda: quale sarà il ruolo e l’utilità di Douglas Costa nel futuro della Juventus? Il brasiliano ha senza dubbio qualità maggiori ai suoi compagni di reparto per quanto riguarda il cross e il dribbling, ma dal canto loro Cuadrado e Mandzukic offrono maggiore copertura difensiva e fisicità, caratteristiche fondamentali per il gioco di Allegri. Costa dovrà migliorare in questi aspetti e, se ci riuscirà, la Juventus non potrà più fare a meno di lui.

DOUGLAS COSTA: COME COMPORTARSI AL FANTACALCIO

Eccoci finalmente al momento clou, che tutti voi possessori del brasiliano al Fantacalcio attendavate con trepidazione. Cosa fare con Douglas Costa? Tagliarlo o attenderlo? Innanzitutto, sottolineiamo che il brasiliano non è mai stato un goleador: il suo record di segnature in un campionato di massima serie è di 6 reti, risalente alla stagione 2011-2012 quando giocava nelle file dello Shakhtar Donetsk. Douglas Costa è sempre stato più propenso ai +1: la sua predisposizione al dribbling lo fa arrivare con facilità sul fondo ed essendo fornito di un sinistro delicato e preciso ha sempre fornito molti assist ai compagni di squadra. In questo momento è dietro a Cuadrado e Mandzukic nelle gerarchie di Allegri per la Serie A, motivo per il quale non può offrirvi una titolarità certa. Alla lunga potrebbe tuttavia crescere il suo impiego, soprattutto se dovesse prendere le misure con il nostro campionato, considerando il fatto che può giocare su entrambi i lati. Il nostro consiglio è di tenerlo, soprattutto se possedete pure Cuadrado, in caso contrario sarebbe utile arrivare al colombiano. Se fate parte di una lega privata e ricevete un’offerta per Costa, non lasciatelo andare a cuor leggero lasciandovi ingannare da questo inizio di stagione, ma se l’offerta è buona pensarci è lecito.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy