Juventus a caccia dei 102 punti: su chi punterà Allegri?

Juventus a caccia dei 102 punti: su chi punterà Allegri?

Tra obiettivi personali e di squadra, scopriamo i nomi dei probabili titolari bianconeri nelle ultime cinque giornate di Campionato.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

L’ottavo scudetto consecutivo è ormai divenuto realtà per la Juventus, che ora è chiamata a raccogliere un ulteriore guanto di sfida. Si tratta del record di 102 punti in Serie A, stabilito nella stagione 2013-2014 dal predecessore Antonio Conte, che l’armata bianconera ha la concreta possibilità di eguagliare qualora dovesse vincere tutte le restanti cinque partite di campionato.

Tuttavia, ad intralciare il cammino verso il raggiungimento di tale obiettivo, si pongono da un lato il necessario turnover, volto a concedere meritato riposo ai calciatori più utilizzati nel corso di quest’annata, e dall’altro i tanti infortuni che nell’ultimo mese hanno finito per decimare la rosa bianconera, privata anche di elementi importanti nell’economia di gioco di Massimiliano Allegri, quali Mandžukić e Dybala. Ciononostante, il tecnico livornese potrà fare affidamento su nomi altrettanto altisonanti, tra cui spicca ovviamente Cristiano Ronaldo, e su alcuni giovani pronti a mettersi in luce.

JUVENTUS, CHI SARÀ TITOLARE NELLE ULTIME 5 GIORNATE?

Tra i pali bianconeri, a causa dell’infortunio e del conseguente intervento chirurgico subito da Mattia Perin, il titolare da qui alla fine del Campionato sarà Wojciech Szczesny, anche se – come da tradizione – non è da escludere a priori una presenza per il terzo portiere Carlo Pinsoglio.

In difesa, grandi chance di titolarità per Mattia De Sciglio, Leonardo Spinazzola e Daniele Rugani, che a turno nelle ultime cinque partite potrebbero trovare più spazio in luogo dei vari Cancelo, Bonucci, Chiellini e Alex Sandro, maggiormente impiegati nell’arco delle 33 giornate disputate finora.

A centrocampo, è fortemente consigliato l’all in su Emre Can, autentica roccia della rosa bianconera che vorrà chiudere in bellezza una stagione in cui avrebbe meritato l’aggettivo straordinario se solo non lo avesse colpito qualche stop fisico di troppo. Al suo fianco, salgono le quotazioni di Rodrigo Bentancur, che tra alti e bassi avrà l’opportunità di emergere, e Hans Nicolussi Caviglia, il giovane Primavera affiliato alla Prima Squadra in pianta stabile dopo l’ennesimo forfait dello sfortunato Khedira e smanioso di dimostrare di poter dire la sua in una squadra composta da stelle internazionali. Dal canto proprio, Pjanic e Matuidi potrebbero invece accomodarsi più frequentemente in panchina dopo essere stati chiamati agli straordinari per tutto l’anno.

In attacco, i nomi certi su cui puntare sono tre: a un Federico Bernardeschi che vorrà sicuramente concludere da protagonista una stagione che lo ha consacrato come splendida realtà del calcio italiano, si aggiungono Moise Kean, desideroso di mettersi ancora in bella mostra e con il piede caldissimo come dimostrato dal bottino di ben 6 goal e 1 assist raccolto nelle ultime sette giornate, e ovviamente Cristiano Ronaldo, che con il primo scudetto italiano già in tasca cercherà di accaparrarsi anche il primo titolo di capocannoniere della Serie A inseguendo e battendo l’agguerrita concorrenza di Quagliarella, Piątek e Zapata. Da accantonare, almeno per questo finale di stagione, i vari Dybala, Douglas Costa e Mandžukić, alle prese con acciacchi fisici di diversa natura che li terranno lontani dal terreno di gioco o, tutt’al più, finiranno per condizionarne negativamente le ultime prestazioni.

Menzione a parte merita Juan Guillermo Cuadrado, tornato finalmente a pieno regime dopo tre mesi di stop e capace, grazie alla sua duttilità, di vestire i panni del jolly, garantendo a Mister Max la copertura di diversi ruoli e quindi la possibilità di proporre e iniziare a sperimentare nuovi assetti tattici in vista della prossima stagione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy