Juve, Dybala: Allegri alla ricerca della Joya

Juve, Dybala: Allegri alla ricerca della Joya

Dybala non riesce ancora ad essere protagonista in una Juventus che continua a vincere ma dopo la sosta l’argentino è pronto a lasciare di nuovo il segno.

di Patrizia Monaco
Paulo Dybala Juventus 2018

Il campionato di Serie A è partito da ormai tre settimane e migliaia di fantallenatori si stanno già chiedendo se anche quest’anno le proprie gioie fantacalcistiche arriveranno direttamente l’anno prossimo. Infatti, se il centrocampo rappresenta il reparto in cui quasi tutti i top non stanno deludendo le aspettative, l’attacco sta riservando sorprese inaspettate. A segnare sono soprattutto giocatori pagati poco in sede d’asta, mentre i cosiddetti “big” raggiungono a malapena la sufficienza e sono ancora a secco di bonus. Lo hanno provato sulla propria pelle tutti coloro che al fantacalcio hanno puntato sui vari Icardi, Ronaldo, Immobile e via dicendo, ma cosa dovrebbero dire i fantallenatori che hanno scelto di affidare a Dybala la guida del proprio reparto offensivo?

Nelle gare disputate finora dalla Juventus, l’attaccante argentino ha giocato titolare soltanto all’esordio contro il Chievo, rimanendo relegato in panchina contro la Lazio e giocando soltanto dieci minuti nella sfida contro il Parma. Insomma, se Cr7 gioca ma non segna, Dybala non colleziona neanche minuti sul campo e questo non può che far preoccupare i suoi fantapossessori. La Juventus continua a vincere anche senza il suo supporto e dopo la sosta inizieranno anche i match di Champions, proprio per questo risulta complicato capire quando, quanto e dove verrà impiegato il talento classe 1993.

DAL 4-2-3-1 AL 4-3-3: C’È POSTO PER DYBALA IN QUESTA JUVENTUS?

Di certo Allegri non ci aiuta a capire le sue intenzioni per il futuro ma chi sognava la coppia d’oro composta da Dybala e Ronaldo, adesso si ritrova a togliersi il cappello di fronte ai numeri di Mandzukic, attualmente capocannoniere bianconero. In fondo c’era da aspettarselo: quando in una singola squadra sono concentrati così tanti talenti, qualcuno deve obbligatoriamente giocare meno. Ma sarà sempre Dybala il “sacrificato” di Allegri? Sicuramente no, per quanto possa continuare a vincere, la Juve non potrà fare a meno del suo fantasista argentino ed è quando l’allenatore lo confina in panchina che il numero 10 torna in campo tirando fuori il meglio di sé. Ci sarà comunque da risolvere la questione del modulo, poiché se all’esordio la Juve ha giocato con il 4-2-3-1 (Costa, Dybala e Cuadrado dietro a Ronaldo), nei due match successivi si è scelto di passare ad un più equilibrato 4-3-3.

Tre posti in avanti per un numero elevato di giocatori da bonus, e se sulla linea di centrocampo si alterneranno i vari Pjanic, Matuidi, Khedira e Emre Can, in attacco troviamo Cr7 e Mandzukic che ormai rappresentano gli intoccabili di Allegri, con Douglas Costa, Bernardeschi e Cuadrado che invece costituiscono gli assi da giocare soprattutto a gara in corso. Dybala scalpita invece per conquistarsi un posto fisso al fianco del portoghese e del croato, volendo anche nel ruolo di centravanti o leggermente arretrato sulla trequarti.

Attualmente Dybala è volato via da Torino per seguire la chiamata della Nazionale ma al suo rientro potrà dimostrare di essere all’altezza di questa super Juventus. La presenza di Cristiano Ronaldo non offuscherà il suo talento ma se parliamo di fantacalcio sicuramente dobbiamo considerare anche un fatto: l’argentino non sarà più il primo indiziato per tirare rigori e punizioni e questo ridurrà il suo numero di bonus rispetto alla scorsa stagione ma tornerà comunque a regalare numerose soddisfazioni a chi ha scelto di puntare su di lui all’asta. Insomma, non svalutatelo dopo questo inizio di stagione e attendetelo con una pazienza che sarà presto ripagata.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy