Fiorentina, per Iachini c’è da settare la difesa

Fiorentina, per Iachini c’è da settare la difesa

Iachini deve riformare la retroguardia che ha visto nelle scorse settimane Pezzella e Caceres vittime del contagio da Covid-19

di Carlo Cecino, @CarloCecino

Il marchio di fabbrica resta invariato. Il 3-5-2 di Iachini non si spodesta, stando a il Corriere dello Sport. Probabilmente cambieranno alcuni interpreti della Viola, viste le 12 fatiche della Serie A da smaltire in 40 giorni, ma un fattore dovrà essere più solido che mai: la difesa. Sbarcato a Firenze in periodo natalizio, il mister marchigiano si è affidato ai tre difensori che gli davano più garanzie dal punto di vista dell’esperienza e della mera qualità, vale a dire capitan Pezzella, Milenkovic e Caceres, davanti all’estremo difensore Dragowski. E dopo più di tre mesi di stop per l’esplodere del coronavirus, Iachini vorrebbe sempre puntare su di loro.

I DUE CONTAGIATI

Per affinare l’intesa chiaramente sbiadita a causa della prolungata quarantena, il tecnico ex Empoli da lunedì darà un’accelerata ai tempi di lavoro tattico. Perché con tutta probabilità sarà da lunedì che Caceres tornerà in gruppo, a seguito di tutti i protocolli rispettati da coloro che sono stati colpiti da coronavirus, come successo all’uruguaiano. Anche Pezzella è stato vittima del contagio da Covid-19 e lo spostamento in avanti della ripartenza ha permesso ai due centrali difensivi di recuperare con più calma, si legge su il Corriere dello Sport. I due sudamericani sono quindi pronti a riformare due pilastri del terzetto difensivo completato da Milenkovic.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy