Fiorentina, Mirallas e Simeone la futura coppia d’attacco viola

Fiorentina, Mirallas e Simeone la futura coppia d’attacco viola

Mirallas non spreca la nuova chance da titolare, Simeone gol e assist: ecco la nuova coppia gol viola

di Francesco Spada, @MoradinGE

Qualcosa si era intravisto nel pareggio in extremis contro il Sassuolo: gli ingressi nella ripresa di Chiesa, Simeone e Mirallas avevano dato nuova linfa alla manovra d’attacco viola, che ha poi trovato 2 gol e centrato il pareggio finale quasi insperato. Contro l’Empoli Pioli li ha provati dal primo minuto e, non a caso, dopo un avvio di gara stentato, sono arrivati i gol decisivi proprio da Simeone e Mirallas.

FIORENTINA, L’INTESA SIMEONE-MIRALLAS

Il vantaggio di Krunic dopo il gol annullato per fuorigioco a Biraghi poteva essere una mazzata da cui era difficile riprendersi, ma la Fiorentina è riuscita a rimanere concentrata ed a non sbilanciarsi seppur non riuscendo ad essere pericolosa. A cinque minuti dall’intervallo la scintilla che risulterà decisiva: Simeone viene prendersi palla sulla trequarti, vede il taglio di Mirallas da sinistra e serve un pallone in profondità perfetto che il belga non sbaglia calciando di violenza sotto la traversa. La scossa è arrivata e l’inizio della ripresa lo conferma. I viola hanno dimostrato di saper insistere sulla sinistra, dove Biraghi ha fatto piovere una miriade di cross. Proprio uno spiovente dell’ex Catania ha permesso a Simeone di battere Provedel per il vantaggio viola. che ha esultando anche un pò polemicamente visti alcuni fischi che stavano arrivando al suo indirizzo.

FIORENTINA, COSA CAMBIA AL FANTACALCIO

E’ parsa evidente la maggiore movenza e duttilità di Mirallas sulla linea d’attacco: non limitandosi a stazionare sulla corsia di competenza ma tagliando molto spesso verso il centro, è stato proprio uno di questi movimenti a portare al gol su assist di Simeone. Se il belga continuerà cosi difficilmente verrà tolto dagli undici titolari: la sua vicinanza al Cholito ha fatto bene sia alla squadra che alla stessa punta argentina, un rendimento ben diverso da quello di Pjaca (nemmeno subentrato). L’esperienza di Mirallas in una squadra mediamente giovane può essere un fattore determinante. L’ingresso a sorpresa di Eysseric, dopo le parole al veleno dette in settimana, sono un segnale più o meno forte per Pjaca: il croato, infatti, rischia veramente di finire la sua avventura in maglia viola già a gennaio. Con buona pace di Mirallas

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy