Fiorentina, crisi Kalinic per il fantacalcio

L’attaccante della Fiorentina sta attraversando un periodo di crisi, l’ultimo gol risale alla 29a giornata.

di Francesco Spada, @MoradinGE

Il rigore che Kalinic ha voluto tirare al posto di Bernardeschi, nonostante non sia uno specialista, si è dimostrato un’arma a doppio taglio. L’errore dal dischetto ha fatto venire a galla tutto il nervosismo del croato già visto nel finale contro l’Empoli, dove a causa di proteste troppo violente si è procurato un’espulsione e due giornate di squalifica.

KALINIC, COLPE SUE O DELLA FIORENTINA?

La Fiorentina sta attraversando un periodo particolare: i tifosi sono ostili nei confronti dei giocatori a causa dei brutti risultati contro Empoli e Palermo, in più la società non dà segnali forti, e sembra che stia già pensando alla prossima stagione. Tralasciando però il fatto che, nonostante i punti lasciati per strada, il sesto posto è ampiamente alla portata dei Viola.

Anche Bernardeschi rilasciò delle dichiarazioni dopo la sfida al Sassuolo che non hanno lasciato spazi a interpretazioni: “Noi giocatori sappiamo quali sono i nostri sbagli e lavoriamo ogni settimana per migliorare e migliorarci, però non è facile in questo ambiente.

KALINIC, COME GESTIRLO IN QUESTE 3 GIORNATE

Le prossime 2 sfide vedranno la Fiorentina impegnata con la Lazio a Firenze e con il Napoli in trasferta: due partite molto complesse, ma da queste passa la strada per la qualificazione in Europa. La Lazio storicamente è sempre stata una squadra che ha messo in crisi i viola: se però la finale di Coppa Italia dovesse essere anticipata al 17 maggio, potrebbero esserci i presupposti per prendersi i 3 punti, dato un possibile turnover di massa dei biancocelesti. A Napoli invece sulla carta sembra impossibile competere con una squadra che fa della velocità e del suo gioco d’attacco la sua forza. A seconda della situazione di classifica, all’ultima giornata potremmo vedere o una Fiorentina di titolari, oppure un ampio turnover, dando spazio a chi ha giocato meno; quindi per la sfida in casa contro il Pescara saranno decisive le prossima due partite.
In questa situazione Kalinic potrebbe essere schierato con la Lazio e con il Pescara in mancanza di alternative valide; se la squadra lo supporterà a dovere, basterebbe un gol per ribaltare il morale del giocatore.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy