Fantacalcio 2018-2019, tiriamo le somme: la Top 3 dei portieri

Fantacalcio 2018-2019, tiriamo le somme: la Top 3 dei portieri

Tra volti nuovi e rendimenti estremamente al di sopra delle aspettative, la stagione appena conclusa non ha di certo lasciato a desiderare: vediamo insieme i migliori portieri.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

La Serie A 2018-2019 ha chiuso i battenti e oggi è tempo di bilanci calcistici e fantacalcistici. Tra top, flop, sorprese e scommesse tutte da analizzare in vista della prossima stagione, abbiamo stilato una classifica dei tre portieri che con più di venti presenze hanno avuto il migliore rendimento, diventando così preziose armi per le proprie squadre e per le vostre fantarose.

FANTACALCIO, I 3 PORTIERI TOP

handanovic-inter

Samir Handanovic, Inter
(MV 6,28 e FM 5,42, Gazzetta dello Sport)

La Lega Serie A non poteva avere alcun dubbio nell’affidargli la palma di miglior portiere di questa stagione. Numeri alla mano, Samir Handanovic è l’indiscusso re tra i pali della Serie A 2018-2019. Con le sole 33 reti incassate in ben 38 presenze, il Capitano nerazzurro è stato l’artefice dei successi di tante fantarose oltre che della qualificazione in extremis della propria squadra alla prossima Champions League: esemplari le parate e la personalità sfoggiate durante l’ultimo fondamentale match contro l’Empoli, dove ha dimostrato ancora una volta di essere indispensabile per allenatori e fantallenatori. Quando si dice “Chiudere in bellezza”.


cragno-cagliari

Alessio Cragno, Cagliari
(MV 6,52 e FM 5,25, Gazzetta dello Sport)

La giovane età non gli ha impedito di mettersi in mostra e portarsi meritatamente al secondo posto di questa Top 3. Ad Alessio Cragno è bastata questa sola stagione per passare da scommessa a certezza del nostro Campionato, tanto da essere ormai pronto al salto di qualità. Malgrado le 54 reti subite per via di un’intera difesa non sempre all’altezza del suo talento, l’estremo difensore rossoblù è riuscito a mantenere in 38 presenze una Media Voto e una Fantamedia da far invidia a tanti altri suoi colleghi osannati in sede d’asta, merito anche della sua particolare propensione a parare i calci di rigori (2 quelli ufficiali in quest’annata, parati a Kownacki in Cagliari-Sampdoria e a Lasagna in Udinese-Cagliari).


sirigu-torino

Salvatore Sirigu, Torino
(MV 6,48 e FM 5,66, Gazzetta dello Sport)

Si ferma al gradino più basso del podio Salvatore Sirigu, che chiude all’attivo il rapporto tra presenze (36) e goal subiti (35). Punto di riferimento della formazione di Walter Mazzarri, l’estremo difensore classe 1987 è riuscito a rendersi protagonista di questa stagione, nonostante i suoi sforzi tra i pali per ora non siano stati sufficienti per trascinare il Torino verso una storica qualificazione in Europa League: si attende infatti la decisione della Uefa sul Milan che, in caso estromissione dalle competizioni europee, libererebbe un posto proprio per i granata. E in tal senso, scommettiamo che sotto quei guantoni Sirigu stia incrociando le dita: chi non lo farebbe pur di avere una remota possibilità di sfoggiare le proprie qualità sui palcoscenici continentali?!?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy