Dottor fantacalcio – Diagnosi dell’infortunio di Morata

Dottor fantacalcio – Diagnosi dell’infortunio di Morata

L’attaccante spagnolo si ferma durante l’allenamento, probabile un mese di stop.

di Andrea Riefolo, @Andrea_Rie2

Dopo Barzagli, Chiellini e Khedira, anche Morata si aggiunge alla lunga lista d’infortunati in casa Juventus. L’attaccante spagnolo infatti si è fermato martedì, durante l’allenamento, a causa di un fastidio al polpaccio sinistro. Dopo gli esami strumentali, è impietoso il bollettino medico: “gli accertamenti diagnostici strumentali hanno evidenziato una lesione del muscolo soleo”.

Il soleo: approfondimenti.

soleo Il muscolo soleo, insieme ai due gastrocnemi, costituisce il tricipite della sura, chiamato più comunemente polpaccio. Il soleo, il più profondo fra i tre muscoli, origina dalla superficie posteriore della tibia e del perone, mentre si inserisce sul calcagno, formando,  insieme ai tendini dei due gemelli (altro modo per chiamare i gastrocnemi) il tendine  d’achille. È un muscolo molto importante sia perché flette plantarmente il piede (movimento fondamentale per la corsa e il salto), sia perché stabilizza la gamba sul piede nella posizione eretta, con la sua attività continua. Inoltre, contraendosi, permette il  ritorno venoso del sangue, grazie alla sua azione sulla vena poplitea.

Gli effetti dell’infortunio di Morata sul fantacalcio.

Dal referto, non ci è dato sapere il grado della lesione del soleo, ma nel comunicato della squadra di Torino, si parla di un mese di stop. Morata quindi salterà le prime due giornate di campionato  in casa con l’Udinese e fuori casa contro la Roma, per poi tornare il 13 Settembre – dopo la sosta, per la sfida casalinga contro il Chievo. Dal punto di vista fantacalcistico, quindi, non c’è da preoccuparsi, l’infortunio non è niente di grave, dalla terza giornata in poi lo spagnolo tornerà a regalarvi gioie.

Bibliografia: Apparato Locomotore, Anatomia Funzionale – Edizioni Minerva Medica
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy