Consigli Fantacalcio, Balotelli al Brescia: cosa aspettarsi da Super Mario

Consigli Fantacalcio, Balotelli al Brescia: cosa aspettarsi da Super Mario

L’arrivo di Mario Balotelli al Brescia ha scatenato l’entusiasmo dei tifosi lombardi ma anche dei fantallenatori che sperano in una sua stagione al top.

di Patrizia Monaco
Consigli Fantacalcio, Balotelli al Brescia: cosa aspettarsi da Super Mario

SFIDA LA REDAZIONE DI FANTAMAGAZINE SU MAGIC
Crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport!

Con l’avvicinarsi del campionato si pensava che il calciomercato non potesse regalare più tante sorprese, ad eccezione di qualche valzer di attaccanti tra le big della Serie A. Nelle ultime ore, invece, un’ufficializzazione ha calamitato l’interesse generale e scatenato l’entusiasmo dei tifosi del Brescia che durante la stagione ormai alle porte avranno la possibilità di godersi nientemeno che Mario Balotelli. Super Mario, dopo una lunga esperienza in Francia dove ha indossato prima la maglia del Nizza e poi quella del Marsiglia, ha scelto di tornare in Italia.

La sorpresa scaturita da questo trasferimento è innegabile, soprattutto perché parliamo di una squadra neopromossa e di un calciatore che può dare ancora tanto sul campo. Sarà stato il richiamo di casa, quella Brescia dove Balotelli è nato 29 anni fa, oppure semplicemente la voglia di rimettersi in gioco e di attirare su di sé i riflettori del ct Mancini in vista dei prossimi Europei: fatto sta che Mario è tornato e sarà capace di stravolgere gli equilibri non solo del campionato ma di numerose leghe fantacalcistiche.

BALOTELLI, LA VITA DA BAD BOY FA ORMAI PARTE DEL PASSATO?

Non bisogna essere dei guru del calcio per sapere chi è Mario Balotelli: il suo nome è noto a tutti sin dai tempi dell’Inter, avventura che ha spianato la strada del giocatore nel calcio che conta e che lo ha poi portato a giocare, tra le altre, anche con squadre come Manchester City, Milan e le due sopracitate società francesi. Nel corso degli anni, poche cose sono state sicure quanto il fatto che ovunque giocasse, Balotelli avrebbe fatto parlare di sé e questo non solo per questioni sportive. Sì perché lui è fatto così: a livello agonistico e tecnico ti regala perle assolute ma caratterialmente non è mai stato un calciatore sul quale poter fare totale affidamento.

Anche nel caso della sua neo squadra, il Brescia, Balotelli dovrà attendere ben quattro gare prima di poter dare concreto supporto ai suoi compagni e questo perché costretto a scontare una squalifica arrivata per un brutto fallo commesso nella gara tra Marsiglia e Montpellier. Sono stati però molti altri, soprattutto fuori dal campo, i momenti che hanno creato vere e proprie rotture tra il calciatore e le squadre nelle quali andava anno dopo anno a giocare. Adesso Balotelli è cresciuto e sulla soglia dei trent’anni sa che deve dimostrarsi sufficientemente maturo per il Brescia che ha scelto di credere in lui, per la Nazionale e più in generale per non perdere quello che potrebbe essere un ultimo treno per lui, troppe volte definitivo in maniera semplicistica dalla gente come un “grande talento sprecato”.

TITOLARE E CON LA VOGLIA DI CONQUISTARSI IL POSTO AGLI EUROPEI 2021

Dal punto di vista dei bonus, invece, nulla o poco da dire: Balotelli è un campione e le statistiche in questo caso parlano chiaro. Sia nella stagione disputata con l’Inter che in quella con il City i gol furono 20, messi a segno rispettivamente nel giro di 59 e 54 gare. Con il Milan Super Mario ha fatto ancora meglio, segnando 26 gol in 43 partite, mentre in Francia ha realizzato 33 gol nelle 61 partite disputate con il Nizza e 8 gol con il Marsiglia (13 gare totali).

Insomma, per i fantallenatori risulta impossibile non lasciarsi ingolosire dal ritorno di Balotelli in Italia: il consiglio in questo caso è di puntarci, ancora meglio se riuscite ad affiancargli un primo o secondo slot capace di darvi maggiori garanzie dal punto di vista della costanza di rendimento. Bisogna però considerare Super Mario come una scommessa, non tanto dal punto di vista dei bonus che, come abbiamo appena visto, sa realizzare anche ad occhi chiusi, quanto piuttosto dal punto di vista disciplinare: qualche malus è da tenere in conto ma la sensazione è che l’obiettivo degli Europei 2021 possa portare il classe 1990 a trovare il giusto equilibrio per disputare una stagione più che positiva.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy