Consigli Fantacalcio 9a giornata – Le Possibili Sorprese Fantamagazine

Consigli Fantacalcio 9a giornata – Le Possibili Sorprese Fantamagazine

Ecco tutte le possibili sorprese della nona giornata.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

Nono turno della stagione 2019-2020 del campionato di Serie A, e con esso giungono anche i nostri consigli. La redazione di Fantamagazine, infatti, per ogni turno di campionato vi proporrà i consigliati, gli sconsigliati ed uno speciale per analizzare tutti le possibili sorprese delle schede partita targate Gruppo Esperti (che potete trovare QUI).

CONSIGLI FANTACALCIO 9a GIORNATA – LE POSSIBILI SORPRESE

In questo appuntamento scopriremo insieme quali giocatori possono essere possibili sorprese per la 9a giornata di Serie A. Vi ricordiamo inoltre che potete seguire i nostri consigli nel modo che più preferite, sulla pagina Facebook di Fantamagazine o sulla nostra pagina Instagram.

VERONA-SASSUOLO

Tra i padroni di casa, alcuni lo danno per disperso, altri chiedono ancora se è da tenere. La verità è che Verre sta soffrendo di un problema comune a tutti gli “attaccanti” del Verona, solo che il suo ‘blocco’ è più sentito dai fantallenatori viste le buone aspettative che si avevano su di lui dopo l’anno scorso. Secondo noi però, questo è il momento del riscatto.

Tra gli ospiti difficile poter fare una valutazione oggettiva di Defrel, che complice anche un utilizzo ad intermittenza fa fatica a trovare il giusto affiatamento con i compagni. Non va comunque dimenticato che resta un giocatore che si sacrifica molto, e che possiede della ottime qualità tecniche che gli permettono di essere pericoloso in zona gol, oltre ad avere una grande mobilità che può creare problemi ai rocciosi difensori del Verona. Se non avete alternative interessanti si può provare, tenendo a mente che di contro i rocciosi difensori del Verona potrebbero mettergli la museruola negli ultimi 15-20 metri, portandolo a prendere un’insufficienza.

LECCE-JUVENTUS

Il capitano Mancosu è sempre l’ultimo a lasciar affondare la propria nave. Di occasione ne ha avute contro contro il Milan, dove tra l’altro poteva anche segnare, ed è stato anche altruista nei confronti di Babacar in occasione del calcio di rigore. Sicuramente le punizioni dal limite ed un eventuale calcio di rigore passeranno dai suoi piedi. Ci aspettiamo una bella gara, ma attenzione che in un match con un netto squilibrio tecnico come questo anche Marco può essere oggetto di una lieve insufficienza.

La doppietta con cui ha regalato 3 punti fondamentali in Champions dimostra come Dybala sia in crescita. Paulo sta prendendo fiducia e si vede. Chissà se Sarri cavalcherà l’onda e schiererà dall’inizio il tridente pesante, ma voi in ogni caso cavalcate il momento della Joya.

INTER-PARMA

Barella sta crescendo in maniera esponenziale. Stessi polmoni di Benoit Cauet, che i tifosi nerazzurri ricordano bene, ma con più tecnica del francese. Si inizia davvero a capire come mai l’Inter lo abbia pagato così tanto, e anche perché Conte lo abbia voluto con tanta forza.

A secco di gol dalla seconda giornata contro l’Udinese, ma ora Gervinho è più dentro alla partita e anche più altruista del solito, tanto che ha già eguagliato il numero di assist della stagione scorsa (3). Stavolta potrebbe giocare da prima punta atipica e sarebbe libero di muoversi. Se L’inter dovesse schiacciare il Parma potrebbe essere un classico 5, ma se il Parma riuscisse a ripartire bene potrebbe essere determinante con la sua famosa velocità. Se volete azzardare…

GENOA-BRESCIA

Nel complesso Ghiglione è stato probabilmente tra i meno peggio di questa prima parte di stagione, con all’attivo tre assist in sette gare. Ora potrebbe essere uno degli elementi più coinvolti dal cambio di panchina, magari proprio in positivo. Sicurezze circa la sua posizione in campo non ce ne sono, ma in ogni caso rimane una delle principali mine vaganti di questa squadra, nonché uno degli elementi più in forma.

Non inganni il possibile arretramento di Romulo a mezzala, perché non è necessariamente un male. I centrocampisti di Corini infatti, spesso si inseriscono in area o cercano il tiro dalla distanza. Con i suoi movimenti potrebbe diventare un problema per la difesa rossoblù e portare a casa il più classico dei gol dell’ex.

BOLOGNA-SAMPDORIA

Svanberg  si sta dimostrando pronto per la categoria. È cresciuto molto sotto il profilo tattico. Nonostante venga da una partita difficile e giochi arretrato nei due di centrocampo, conosciamo bene il suo tiro e sappiamo che batte le punizioni. Il primo bonus pesante in Serie A non è un’utopia: è tempo di battere il ferro viste le assenze e le poche garanzie date dai suoi contendenti per una maglia da titolare. D’altro canto, Santander cercherà di sfruttare l’assenza di Destro e le partite ravvicinate, che potrebbero regalargli più minutaggio. A Torino ci è andato molto vicino, adesso è ora di tornare a segnare.

Depaoli, nonostante il cambio di modulo, sta confermando con Ranieri quanto di buono messo in mostra con Di Francesco. È listato difensore e gioca esterno di centrocampo e questo già di per sé lo renderebbe appetibile. Aggiungeteci il fatto che non disdegna affatto le sortite offensive e avrete il quadro completo. Che giochi dall’inizio o a gara in corso, dovrebbe comunque andare a voto. Crediamo meriti fiducia. Nella nuova posizione, anche Jankto può permettersi qualche sfarfallio in più senza danneggiare più di tanto la propria squadra e senza incorrere nelle ire dei pagellisti. Di solito un’occasione a partita riesce a procurarsela, sfruttando il suo naturale tempismo negli inserimenti in area avversaria. Chissà che non riesca a regalarci una gioia.

ATALANTA-UDINESE

Pallido ed evanescente nei 45 minuti a disposizione contro il City, Muriel è chiamato ad una prova di riscatto per confermare quanto di buono visto con la Lazio. In più, è un ex coi fiocchi: fate voi.

Fin qui, per Okaka due gol che sono valsi sei punti per l’Udinese. In trasferta in genere fatica di più, dato che la squadra mantiene un baricentro più basso. Ma se la partita dovesse essere aperta, non è da escludere che il buon Stefano possa portare qualche bonus.

SPAL-NAPOLI

Kurtic prova sempre a trovare la via del gol. Trattasi di scommessa ad alto rischio, ma se vi manca un quarto centrocampista, potreste pensare a lui, a vostro rischio e pericolo. Strefrezza è invece l’arma in più di questa Spal abbastanza spuntata. Rientra dopo l’ingenua squalifica contro il Parma e potrebbe essere la mossa giusta nella ripresa in caso di partita bloccata, ma anche dall’inizio dovrebbe garantire quella spregiudicatezza propria dei debuttanti più estrosi. Petagna ha smaltito la botta al ginocchio subita in allenamento ed è pronto a giocare sporco contro la difesa partenopea non certo imperforabile in quest’avvio di stagione. Se non avete grandi alternative, potete rischiarlo come scommessa di giornata in attacco, con alto rischio.

Quando tutti si aspettavano l’ennesimo ingresso dalla panchina con annessa prestazione impalpabile, ecco che Insigne ha cacciato fuori tutto il suo orgoglio e con un guizzo dei suoi ha deciso una partita fondamentale per le sorti del girone di Champions. Da sottolineare inoltre la sua esultanza, a testimonianza del ritrovato benessere con il tecnico. Conoscendo Lorenzo, abbiamo il sentore che, sulle ali dell’entusiasmo ritrovato, anche domenica possa trovare un’altra buona prestazione e perché no anche un bonus. Pur non essendo un attaccante top di giornata, a nostro giudizio sarebbe opportuno trovargli un posticino. Relegato nelle ultime gare ad attaccante da ultimi minuti, da un momento all’altro potremmo ritrovarci Llorente titolare a sorpresa. Ecco allora che, nell’impossibilità di effettuare previsioni sul suo minutaggio, vi consigliamo di schierarlo qualora non aveste nomi importanti in attacco. Uno come lui sa sempre come farsi trovare pronto in area di rigore e domenica, sia da titolare che da subentrante, la zampata vincente potrebbe benissimo arrivare.

TORINO-CAGLIARI

Se il Torino arranca, la colpa è anche dell’assenza di Iago Falque, giocatore chiave degli ultimi anni granata. I novanta minuti non li ha, ma siamo fiduciosi che possa incidere nel minutaggio che gli verrà concesso.

La presenza in campo di Nandez si fa sempre sentire, e anche contro il Torino siamo sicuri non si risparmierà. Buon voto molto probabile, ma sarebbe bello se tornasse a portare un +1 come quelli di qualche giornata fa.

ROMA-MILAN

Quanto è mancato Perotti a questa Roma incerottata. Lo dimostrerà subito domenica. In campo li batte lui i rigori, ma in ogni caso può dare fastidio al Milan con la sua capacità di saltare l’uomo. Con il gol in Europa League, Zaniolo ha messo subito a tacere i critici dell’ultima ora. Dal punto di vista del calcio giocato, c’è da dire che non sta brillando, ma la prestazione contro il Borussia può averlo svegliato.

Çalhanoglu viene forse da una delle più belle prestazioni in rossonero, ma anche dall’assist in Nazionale. La posizione avanzata, come ai tempi di Gattuso, ne aumenta decisamente l’appetibilità e ora sembra anche vivere un momento di buona condizione. Fateci un pensierino perché potrebbe continuare su questa scia. Hernandez è un vero attaccante aggiunto. La sua spinta costante e la sua posizione avanzata lo rendono un pericolo per le difese avversarie, con possibilità di tirare fuori un bonus praticamente sempre. Col ritorno di Calabria sulla fascia opposta potrebbe vedersi davvero quella famosa difesa “a 3 e mezzo” alla Pioli, solamente intravista col Lecce, che si traduce in ulteriore libertà di offendere per Theo. Certo, contro una Roma sbarazzina che gioca comunque in casa, il rischio di lasciare qualche buco c’è, ma chi non risica non rosica.

FIORENTINA-LAZIO

Nel giro di poche settimane Castrovilli si è guadagnato un posto da titolare e un rinnovo di contratto. È il primo incursionista dei centrocampisti viola e vi assicura il buon voto anche in caso di partita negativa della squadra. Per quanto riguarda Chiesa, c’è il problema della conversione delle occasioni: 22 tiri, una rete. Il rendimento sul campo è sceso e non si può continuare così, perché abbiamo un grande bisogno del ritorno di Chiesa a buoni livelli. Proviamo a dargli fiducia mettendelo tra le possibile sorprese.

Tra infortuni e turnover, Lazzari non si vede da un po’ in campionato. Anche la Fiorentina come la Lazio gioca molto sulle fasce, ed è da quei duelli che si deciderà la partita. Potrebbe essere la sorpresa di giornata, sperando che finalmente ritrovi la maglia da titolare in A dopo il primo gol segnato in Europa League contro il Celtic.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy