Consigli Fantacalcio 6a giornata – Le Possibili Sorprese Fantamagazine

Saranno +3 insperati o saranno delusioni? Ecco tutte le possibili sorprese della 6a giornata di campionato.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

Mancano poche ore all’inizio della sesta giornata della stagione 2020-2021 di Serie A e, con essa, arrivano anche anche i nostri consigli Fantacalcio. La redazione di Fantamagazine, infatti, per ogni turno di campionato vi proporrà gli sconsigliati, i consigliati ed uno speciale per analizzare tutte le possibili sorprese delle schede partita targate Gruppo Esperti (che potete trovare QUI).

CONSIGLI FANTACALCIO 6a GIORNATA – LE POSSIBILI SORPRESE

In questo appuntamento scopriremo insieme quali giocatori possono essere possibili sorprese per la 6a giornata di Serie A. Vi ricordiamo inoltre che potete seguire i nostri consigli nel modo che più preferite, sulla pagina Facebook di Fantamagazine o sulla nostra pagina Instagram.

CROTONE-ATALANTA

MOLINA: Prima esterno a destra, poi a sinistra, ed infine mezzala: Sasà rimane qua, in campo. Un fedelissimo di Stroppa, anche lui ha trovato la prima gioia in Serie A la scorsa domenica. Stavolta incontra il team che l’ha lanciato nel grande calcio, lasciato quando era impossibile pensare a qualcosa di più oltre alla parte destra della classifica. Sarà motivo di orgoglio per lui rivedere quei colori, seppur da avversario. È avvezzo al bonus, già il secondo tra assist e gol.

SIMY: Restando in ambito di scommesse per cuori pazzi, ecco qui il nostro Simy. Nella partita contro il Cagliari si è visto un giocatore diverso da come eravamo abituati a vederlo, decisamente più partecipe alle trame offensive. Autore di numeri palla al piede di pregevole fattura, ma anche capace di sbagliare occasioni più o meno favorevoli a tu per tu con il portiere avversario. Una cosa è certa, è un ragazzo maturo e consapevole delle proprie potenzialità, e la condizione fisica inizia finalmente a sorridergli. Le premesse per fare il primo gol su azione in campionato ci sono tutte, in più è il rigorista designato con un ottimo score: perciò, se non avete di meglio, può essere il vostro rischiatutto di giornata.

MIRANCHUK: Ormai anche lui è completamente pronto e a disposizione del mister. Con tutta probabilità farà uno scampolo di partita perché il mister lo vede più come arma da gara in corso. La sua rapidità e velocità contro la stanchezza degli avversari potrebbe fare la differenza e ha già dimostrato che anche in pochi minuti può lasciare il segno.

MALINOVSKY: Tra tutti i centrocampisti bergamaschi, è l’unico che pare non essere ancora riuscito ad entrare in condizione. Potrebbe avere un occasione dal primo minuto e non vorrà sprecarla, vista la folta concorrenza lì davanti. Lo abbiamo visto in leggera ripresa quando è entrato in Europa, e vista la partita abbordabile sulla carta, ci sentiamo di fare una scommessa su di lui.

INTER-PARMA

ERIKSEN: Più che scommessa, qua si parla di azzardo vero e proprio. Fondamentalmente, non abbiamo motivi validi per pensare che questa possa essere la sua partita, però il Parma non vive un ottimo momento, ha molti infortunati e in difesa concede più di qualcosa. Che dici Christian, la mettiamo questa palla all’angolino?

DARMIAN: Nelle ultime uscite ha fatto molto bene, nonostante i mezzi tecnici non siano eccelsi. Adesso dovrebbe avere una maglia da titolare, e siamo certi che ce la metterà tutta per fare bene. In più gioca contro la sua ex squadra. Vi avvertiamo tuttavia che il giocatore non è troppo avvezzo al bonus, quindi aspettarsi un gol sarebbe assai difficile, più facile un buon voto e magari un assist.

KARAMOH: Anche se parte sfavorito nel ballottaggio con Gervinho, senza ombra di dubbio Karamoh è l’uomo più in forma del momento in casa Parma, oltre ad essere un ex. Reduce da una doppietta di Coppa Italia, ha anche trovato la rete in campionato, oltre ad un assist fornito e diverse occasioni capitate sui piedi. Anche qualora dovesse giocare una mezzora, può avere senso schierarlo se non avete alternative particolarmente allettanti.

BOLOGNA-CAGLIARI

SVANBERG: Che dire? Sta trovando sempre più spazio e sta dimostrando a suon di prestazioni che il Bologna sta facendo bene a puntare su di lui. Dalle statistiche non sembra, ma oltre ad essere un giocatore solido in mezzo al campo. Mattias si propone spesso e volentieri anche in zona tiro. Il ragazzo è molto sfortunato (4 gol annullati per lui, di cui due nelle ultime 3 partite), ma chissà che a questo giro non possa prendersi la sua personale rivincita contro la dea bendata.

ORSOLINI: Timidi segnali di risveglio li aveva già fatti vedere in campionato e ha confermato di essere sulla buona strada anche da subentrante in Coppa Italia, dove ha segnato un bel gol ed è andato molto vicino alla doppietta personale. Orso is back? No, non ancora, ma rispetto a un mese fa si sta lentamente riprendendo. A questo aggiungiamoci che dalla sua parte non ha avversari difensivamente irresistibili, e potrebbe avere più spazio per incidere con una delle sue giocate. Scommessa di giornata: sarà un 5 o un 7 + 3?

OUNAS: Sinora non s’è visto tantissimo, anche perché è l’ultimo arrivato. Ha potuto giocare in Coppa Italia, facendo tra l’altro una buona impressione. Nel caso in cui la partita di Bologna dovesse essere equilibrata, potrebbe essere proprio lui a deciderla con una sua giocata.

UDINESE-MILAN

PEREYRA, PUSSETTO e DEULOFEU: L’asse degli ex Watford ha una qualità superiore rispetto al resto della squadra, e sono un lusso per una squadra che dovrà lottare per non retrocedere. Contro il Milan quindi, ci si può affidare solamente al talento dei giocatori più tecnici. Scommesse di giornata, che comunque difficilmente porteranno a casa un brutto voto.

SAELEMAEKERS: Zitto zitto si è apparentemente conquistato il posto da titolare ai danni di Castillejo, complice anche il momento non brillante dello spagnolo. Ma diamo a Cesare quel che è di Cesare: il giovane belga è un giocatore che per il gioco che chiede Pioli è perfetto, abbinando grande corsa e intensità nel pressing costante in fase difensiva, oltre a una discreta tecnica e la capacità di sovrapporsi costantemente sulle fasce in fase offensiva. La sua naturale capacità di ricoprire più ruoli in campo permette di trovarlo ovunque nei vari momenti della gara, anche perché corre instancabilmente. Centrocampista scommessa di giornata che può regalarvi qualche gioia: se non avete alternative convincenti con il buon Alexis, dovreste comunque avere garanzia di un buon voto… e magari chissà.

SPEZIA-JUVENTUS

RICCI: Ritorna il nostro condottiero al centro del gioco di mister Italiano. Siamo convinti che vorrà ben figurare contro la Juventus, occhio sempre alla pericolosità della botta da fuori o a un possibile piazzato dal dischetto. Anche lui avrà il suo bel da fare questa volta ma, se ne esce vittorioso, il buon voto è dietro l’angolo. La scorsa giornata si è sentita la sua mancanza e siamo sicuri che vorrà subito riprendersi ciò che ha perso.

KULUSEVSKI: Il grandissimo gol contro il Verona è lo specchio di questo campioncino svedese. Tecnica, personalità e soprattutto voglia di emergere lo portano ad essere determinante sin da subito nella nuova realtà bianconera.

TORINO-LAZIO

LUKIC: Questo metterlo nelle possibili sorprese non è frutto del gol nella scorsa gara, né del fatto che improvvisamente vada visto come un goleador. Tuttavia è in forma e, avendo riposato più di altri in Coppa Italia, sarà il trequartista titolare. Magari non siglerà un gol, ma può portare una buona prestazione o un bonus leggero.

VERDI: Ok, ci risiamo. La testa dice “Non schierarlo, sarà un altro 5”. Il cuore dice “Dai solo un’ultima volta, da seconda punta, dopo una doppietta in Coppa e con una Lazio non al meglio”. Può avere ragione sia la testa che il cuore: a voi la scelta.

HOEDT: Follia? No. Intuizione? Forse. Da quando è stato spostato centrale, ha ridotto a zero gli errori difensivi e ha messo in mostra le proprie qualità. Ottimo piede, buon senso dell’antico e tantissima decisione nei contrasti. Da centrale può impostare tranquillamente l’azione, rimanendo dietro ed evitando sortite offensive a lui non congeniali. In fase difensiva ha libertà di anticipo, movimento in cui è molto bravo e non gli è richiesto di difendere con molto campo alle spalle o di allargarsi eccessivamente. Tutto questo ne risalta le qualità e infatti i buoni voti e i risultati si vedono. Domenica si troverà di fronte Belotti, in questo momento uno degli attaccanti più complicati da controllare, ma ha tutte le capacità per uscirne vincitore e portare a casa un buon voto. Ovviamente è un rischio, ma calcolato.

NAPOLI-SASSUOLO

POLITANO: 3 gol e 2 assist nelle ultime cinque partite, Coppa compresa. Un buon momento di forma quindi per l’ex della gara che listato centrocampista è un fattore da sfruttare in questa giornata. Il Sassuolo soffre parecchio sulle fasce avendo terzini più propensi a offendere che a difendere ed è qui che ci aspettiamo che il Napoli faccia la partita, potendo sfruttare le qualità tecniche e la velocità dei suoi esterni, compreso Lozano. Anche lui, come Mertens, beneficia dell’assenza del capitano potendo battere le punizioni sulla destra e gli angoli, ghiotte occasioni per +1 e +3. E per ultimo, occhio alla legge dell’ex.

DJURICIC: Il serbo rimane un giocatore discontinuo. Fortunatamente, fantacalcisticamente parlando, questa sua discontinuità si presenta anche nelle partite stesse, e quindi i suoi possessori possono vedere un 5 in pagella dopo venti minuti, per poi ammirare un goal di tacco splendido a salvare la prestazione e il risultato. In questo momento non si può rinunciare a lui, anche perché listato centrocampista ha un’appetibilità importante.

ROMA-FIORENTINA

MKHITARYAN: Bisogna solo avere pazienza. Crea occasioni su occasioni, spesso risulta pericoloso, ma purtroppo non è un cecchino e tende a mangiarsi i gol. È solo questione di tempo il suo primo gol in questo campionato. Ogni momento è quello giusto.

MARTÍNEZ QUARTA: Premettiamo subito, questa è una scommessa ad altissimo rischio da fare solo in ottica modificatore. Infatti, lato bonus non è Pezzella, né tantomeno Milenković, avendo segnato appena 5 gol in 101 partite. Ottimo difensore dal piede educato, questa giornata si ritroverà ad affrontare in particolare Dzeko e Mkhitaryan, due avversari non da poco. Vedremo subito di che stoffa è fatto: state certi che se dovesse vincere la maggior parte dei duelli, l’ottimo voto sarebbe garantito. Ma… vincerà questi duelli? Scommessa non adatta ai deboli di cuore.

SAMPDORIA-GENOA

DAMSGAARD: Il ‘bimbo’ danese è atterrato tra tante speranze, ma anche con qualche scetticismo. Ora sta spazzando via ogni dubbio con prestazioni sempre più convincenti. Primo caso di giocatore che ha un piede tra le possibili sorprese e uno tra i consigliati.

VERRE: Anche nella partita di Coppa Italia ha dato risposte maiuscole e l’anno a Verona sembra davvero avergli fatto bene. Mai banale quando entra, può essere un fattore.

KEITA: La forma sta arrivando, lo ha sottolineato anche Ranieri. Se riesce a non voler dimostrare tutto e subito, i suoi strappi potrebbero essere determinanti a squadre stanche.

SCAMACCA: Fuori Shomurodov per infortunio, Destro ancora fuori condizione, Pjaca che fa fatica a ritrovare la forma giusta dopo lo stop forzato. Insomma, la concorrenza si è fatta fuori da sola, ma Scamacca non si è fatto pregare e alla prima da titolare (mercoledì, in Coppa Italia, contro la Cremonese) ha piazzato una doppietta che è valsa la qualificazione, ipotecando verosimilmente una maglia da titolare pure nel derby. Se lo avete preso, questa è la giornata giusta per credere in lui e nella sua fame.

VERONA-BENEVENTO

ZACCAGNI: Mattia è quel classico giocatore che tutti sembrano snobbare o sottovalutare, ma per chi segue l’Hellas da qualche anno a questa parte sa quanto questo giocatore sia stato prezioso per l’evoluzione della squadra. La prestazione con la Juventus è stata in linea con le nostre aspettative, quel motorino instancabile che manda fuori di testa gli avversari. Contro il Venezia ha fatto impazzire gli avversari. Adesso contro il Benevento si presenta una ghiotta occasione per i fantallenatori, perché ci aspettiamo possa lasciare il segno.

LAZOVIC: Tantissima corsa e sacrificio contro la Juve, dove è stato limitato dal dover aiutare i compagni, non permettendogli di spingere a tutta forza sulla fascia. Già molto meglio contro il Venezia, anche se ha dovuto giocare per 120 minuti. Fidatevi di lui.

ILIC: Un’ottima prova contro il Venezia condita da un preziosissimo gol da fuori area. Ilic cresce tantissimo, i compiti affidati da Juric ne esaltano le sue caratteristiche. Ci aspettiamo una prestazione positiva da lui.

LETIZIA: Inizio di campionato davvero niente male per lui. Esperienza e duttilità lo rendono imprescindibile per Inzaghi, oltre che una costante spinta su quella fascia, visto anche un Foulon ancora da sgrezzare e leggermente più incerto.

VIOLA: Il rientro in campo nella partita di Coppa Italia avrà sicuramente avuto un sapore speciale per lui, che ha giocato per un tempo intero per la prima volta dopo mesi. Inzaghi ha detto di vederlo bene ormai, che gli manca solo il ritmo partita e spera di vederlo al meglio anche grazie alla sosta. Perché allora metterlo qui, se non parte neanche titolare in teoria? La partita potrebbe non sbloccarsi, essere sul filo del rasoio, o magari ci sarà un gol da recuperare e la panchina non è che sia ricca di qualità e lui potrebbe essere una freccia importante nell’arco di Inzaghi e vostro. Attenzione, il voto non è certo, va considerato un jolly di giornata, una di quelle mosse che se non va, non porta a particolari conseguenze, ma se va…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy