Consigli Fantacalcio 5a giornata – Le Possibili Sorprese Fantamagazine

Saranno +3 insperati o saranno delusioni? Ecco tutte le possibili sorprese della 5a giornata di campionato.

di Stefano Martelli, @Ste1983NO

Mancano poche ore all’inizio della quinta giornata della stagione 2020/21 di Serie A e, con essa, arrivano anche anche i nostri consigli fantacalcio. La redazione di Fantamagazine, infatti, per ogni turno di campionato vi proporrà gli sconsigliati, i consigliati ed uno speciale per analizzare tutti le possibili sorprese delle schede partita targate Gruppo Esperti (che potete trovare QUI).

CONSIGLI FANTACALCIO 5a GIORNATA – LE POSSIBILI SORPRESE

In questo appuntamento scopriremo insieme quali giocatori possono essere possibili sorprese per la 5a giornata di Serie A. Vi ricordiamo inoltre che potete seguire i nostri consigli nel modo che più preferite, sulla pagina Facebook di Fantamagazine o sulla nostra pagina Instagram.

SASSUOLO – TORINO

LOCATELLI: A Bologna dopo l’errore che ha regalato il 3-1 agli avversari ha reagito con grande personalità, perché da lì in poi è stato praticamente perfetto, dimostrando una condizione fisica importante, con degli strappi considerevoli palla al piede nei minuti finali di gara. L’obiettivo dichiarato per questa stagione è quello di portare più bonus, per cui, anche per questo, specialmente nelle gare casalinghe, va sempre considerato.

BONAZZOLI: Non un esordio memorabile il suo, nonostante ciò dovrebbe essere ancora titolare vista l’assenza più che probabile di Zaza. L’impegno c’è e contro un Sassuolo che tende a concedere qualcosa di troppo, il nuovo arrivato può rappresentare una scommessa intrigante.

ATALANTA – SAMPDORIA

MIRANCHUK, MURIEL & ZAPATA: Sembra scontato sugli attaccanti colombiani, ma Gasperini ci ha insegnato che nulla è impossibile. Questo vale anche per coloro che hanno i colombiani (vedasi ingresso di Lammers a Napoli). I presupposti per fare bene e portare bonus ci sono tutti. Pertanto vanno messi. Per Miranchuk, ovviamente il discorso è quello legato al modulo di gioco. Ma pensiamo che giochi contro la Sampdoria, nonché può fare bene e possibilmente con qualche bonus a portata di mano.

KEITA & DAMSGAARD: Altamente improbabile che anche solo uno dei due cominci la partita da titolare ma entrambi (soprattutto il bambino Danese) hanno dimostrato di saper incidere anche entrando a partita in corso. La Dea sarà reduce dalle fatiche sia fisiche che mentali di Coppa e potrebbe concedere qualcosa sul finale di partita.

GENOA – INTER

ZAJC: Un po’ tutti i fantallenatori d’Italia sono in attesa di vedere all’opera il centrocampista più talentuoso della rosa. Considerando la difficoltà della gara e che il giocatore è rientrato da poco e non avrà una condizione fisica buona, non dobbiamo aspettarci grandi cose, ma la sua classe potrebbe essere l’arma capace di sorprendere i giocatori nerazzurri. Se il Genoa riuscirà a colpire, è possibile che il nostro Zajc ne sia protagonista. Schierabile come 4° scelta del vostro centrocampo se non avete alternative più solide e importanti.

VIDAL: Siamo alla prova del nove. Dopo le non brillantissime prestazioni di questo avvio, culminate nella sfida di Champions dove è risultato uno dei peggiori in campo, è giunto il momento che dimostri di non essere un “brocco bollito” come qualcuno l’ha definito. La partita è ampiamente alla sua portata: ci sorprenderà? Secondo noi si.

LAZIO – BOLOGNA

CORREA: Tecnica pura, dribbling nello stretto, ad oggi il miglior partner di Immobile, ma…tante e troppe occasioni nitide non sfruttate. L’anno scorso proprio in Bologna-Lazio sbagliò la più nitida, un rigore all’88° minuto che sarebbe valso la vittoria, per poi punire i rossoblu al ritorno. Come spesso accade, la partita oscillerà tra l’insufficienza ed il gol, con le stesse probabilità che si verifichi l’una o l’altra ipotesi. Se credete in lui va messo, lasciarlo in panchina per una buona alternativa non è un’eresia ma potreste mangiarvi le mani.

SVANBERG: arriva da due prestazioni di sostanza contro Benevento e Sassuolo, nelle quali è sempre risultato fra i migliori in campo. Sta sfruttando le assenze di Poli e Medel ed il momento no di Dominguez per dimostrare che in questo Bologna può fare la differenza, e le ultime uscite gli danno ragione. Oltre a dare sostanza alla mediana assieme a Schouten si fa spesso trovare pronto anche sotto porta (1 gol siglato contro il Sassuolo, uno annullato contro il Benevento). Il Bologna sta vivendo molte difficoltà, ma fra le poche note positive di questo inizio stagione c’è anche lui: quella contro la Lazio non sarà una prova facile, ma Matias potrebbe stupirvi (e anche se non dovesse andare a bonus, il buon voto non è un’utopia)

ORSOLINI: Rischiatutto di giornata. Chiariamo subito che se non dovesse andare in gol, il rischio insufficienza c’è ed è concreto, ma è in ripresa rispetto al momento negativo, viene da un gol e affronterà sulla sua fascia Fares, non proprio un fulmine di guerra quando si tratta di difendere. Se siete a corto di alternative offensive e amate il rischio è il momento di provarci, consapevoli che le vie di mezzo per Riccardo al momento non esistono.

CAGLIARI – CROTONE

ZAPPA: Si temeva potesse soffrire dietro, sia perché avrebbe avuto a che fare con un Belotti in stato di grazia sia perché l’anno scorso giocava in B e da esterno alto, e l’impressione è stata confermata: il suo secondo tempo a Torino non è stato buono per questo motivo. Quello che invece si sperava, e che di fatto s’è visto nel primo tempo di domenica scorsa, è che fosse bravo a spingere: lui e Nandez hanno fatto le fiamme su quella fascia nella prima frazione di gioco. Contro il Crotone il Cagliari ragionevolmente giocherà per i tre punti, il che potrebbe voler dire che Zappa dovrà occuparsi più di spingere che di difendere: se così fosse, ha tutte le carte in regola per ripetere una prestazione come quella dello scorso primo tempo, e consolidare al tempo stesso la sua posizione da titolare.

MESSIAS: Penso che ormai, per chi ci legge nel topic Crotone, sappiate bene cosa pensiamo di lui. Sembra quasi un eterno incompiuto per quanto riguarda i bonus, ma rimane fondamentale per gli schemi offensivi del Crotone. Il voto positivo dovrebbe essere assicurato, tranne in caso di netta debacle, ma per i bonus non possiamo garantire. Per noi è vicino a timbrare, ma ripetevamo questo motivetto anche in Serie B, e il primo goal è arrivato dopo molto tempo. Ma noi non demordiamo. Messias lo troverete spesso qui in questa sezione perché è l’unico che può accendersi da un momento all’altro e cambiare le sorti di una partita, che a prescindere da tutto rimane molto complicata per noi.

PARMA – SPEZIA

CYPRIEN: Dopo un esordio un po’ titubante a metà secondo tempo contro Udinese, il francese è candidato seriamente per partire da titolare nonostante debba vedersela con la concorrenza di Brugman. Sarà già in grado di dimostrare la sua qualità e visione di gioco nel centrocampo di Liverani? Inoltre è un papabile battitore di piazzati (e di un eventuale rigore con Kucka).

PEZZELLA: In queste prime uscite stagionali, nonostante le difficoltà evidenti della squadra, Pezzella si è distinto giocando buone partite. Se le capacità di lettura in fase difensiva siano ancora abbastanza rivedibili, quando ha la possibilità di spingere e accompagnare l’azione offensiva sta dimostrando buone qualità e potrebbe essere schierato senza troppe angosce.

NZOLA: Tornato da pochissimo alla “base” appena entra in campo contro la Fiorentina cambia totalmente faccia l’attacco e la partita con esso. Il nostro Totem francese ci mette davvero poco a far capire che su di lui il mister potrà sempre contare così com’era in serie B ora potrà farlo nella massima serie e, di questo siamo tutti molto contenti, forza e dinamicità al servizio di Italiano. Dovrebbe partire dall’inizio contro il Parma, non è però scontato che parta ancora Piccoli dall’inizio in caso non abbia ancora recuperato perfettamente condizione, per sfruttare la sua freschezza a partita in corso magari. Se ha recuperato le condizioni invece sarà in campo lui dal primo minuto, come da copione.

BENEVENTO – NAPOLI

MAGGIO: Sfida dal sapore particolare per il capitano, che si troverà per la prima volta a dover affrontare la sua ex squadra. Quello di Maggio è un nome che potrebbe sorprendere molti, di fatto facciamo una premessa. E’ da considerarsi come una scommessona ad alto rischio. L’esperienza c’è, e la voglia di far bene contro la sua ex squadra a nostro avviso non mancherà. Per questo motivi, potete prenderlo in considerazione come terzo difensore.

DI LORENZO: Finalmente si è rivisto contro l’Atalanta il vero Di Lorenzo, molto attento in fase di copertura ma altrettanto presente come stantuffo in fase di spinta con un delizioso assist al bacio per l’1 a 0 di Lozano. Tra i due terzini è chiaramente quello con licenza di spingere e potrà farlo anche domenica. A differenza di Koulibaly è meno incline al votone, eppure che sia con uno dei suoi cross o con uno stacco di testa da piazzato tra i difensori è sicuramente il più avvezzo ad un bonus.

INSIGNE: Vera possibile sorpresa di giornata dato che fino alla consegna delle ufficiali probabilmente non sapremo se il suo nome figurerà o meno tra i titolari. Tra pali e infortunio finora solo lui è mancato all’appello in questi festival del goal e i suoi possessori sono ovviamente delusi. Dopo la ventina di minuti in Europa League, domenica da titolare o subentrante tornerà anche in campionato. Chiarendo che non è da mettere ad ogni costo, essendo le sue condizioni ancora da valutare, ma ricordando anche il suo status da rigorista, Lorenzo resta comunque da non escludere a priori per questa giornata.

FIORENTINA – UDINESE

DRĄGOWSKI: Incredibile ma vero, l’estremo difensore di quella che è stata la miglior difesa del 2020 si ritrova ad inizio campionato ad aver subito 8 gol in 4 giornate. Tuttavia, la quasi totalità delle colpe non ricadono sul nostro Bartłomiej, come denota la media voto positiva (6 FG – 6.25 GdS). Contro l’attacco per ora meno prolifico della Serie A (3 gol in 4 giornate – tutti realizzati nell’ultima giornata), lo facciamo rientrare tra le possibile sorprese, ricordandovi però che “sorpresa” è da intendersi sia in senso positivo che negativo.

CALLEJÓN: José María Callejón. Ma quanto suona bene? Comunque, dal suo ingresso contro lo Spezia al 77′, la Fiorentina si è disposta in un 3-4-2-1 e l’ex Napoli è andato a collocarsi dietro la punta. Posizione molto interessante, specie per un giocatore listato centrocampista al fantacalcio. In ballottaggio per una maglia da titolare, la speranza in ogni caso è che a questo giro Iachini gli conceda più di 12 minuti di gioco.

KOUAMÉ: Il nostro Christian è la possibile sorpresa perfetta: quando gioca, ben o male l’occasione da gol la trova sempre, e ci mette un attimo a passare da un possibile 7+3 a un 5/5,5. La scorsa giornata ha riposato, e contro l’Udinese pensiamo che possa essere riproposto titolare. L’Udinese è una squadra che non tende a concedere molto, ma è probabile che anche questa giornata Kouamé riesca a ricucirsi un’occasione da gol, magari in ripartenza sfruttando la propria velocità. Il dubbio è: riuscirà a convertirla in gol?

OUWEJAN: aste finite, olandese partito. Voilà, batte i piazzati lato sinistro e assist al bacio. Dopo essersi preso la fascia sinistra ora deve conquistarsi la gloria contro uno degli esterni che hanno fatto la storia recente. José Maria non è ancora in forma, una preda sanguinante davanti al lupo. Partita da 5 se sarà preda o da 6.5/7 se decide di diventare lupo, lo anticipiamo. Qualora giocasse Lirola dovrà battagliare di più dal punto di vista fisico ma meno da quello tattico. È una scommessa, probabile sorpresa, grattiamo insieme questo biglietto.

PUSSETTO & DEULOFEU : armi da partita in corso che potrebbero fare la differenza. Nacho l’ha già fatta contro il Parma. Anche Deulofeu è entrato bene contro il Parma, ha bisogno di condizione ma la classe è sempre quella. A gara in corso possono diventare dei fattori contro avversari stanchi. Possono valere un posto nel tridente in leghe numerose o in caso di cuori impavidi pure in quelle a 10.

JUVENTUS – VERONA

KULUSEVSKI : Il jolly svedese è diventato un punto fermo dell’11 di Pirlo. Potrebbe giocare più avanzato e questo è sicuramente un fattore per schierarlo nelle vostre squadre.

RAMSEY: Nonostante non fosse proprio al 100% , anche a Kiev ha continuato sul trend di questo inizio di stagione. Presente, utile e soprattutto decisivo dalla trequarti in avanti. Aaron si ricorderà che proprio contro il Verona l’anno passatro segnò il suo primo gol italiano, si ripeterà?

FARAONI: Sempre tra i migliori per ora, cerca in tutti i modi di segnare quel goal che puntualmente viene a mancare per un soffio. Nonostante ciò resta un giocatore chiave nella manovra offensiva del Verona, ma anche nelle fasi difensive le sue coperture sono fondamentali. Se c’è qualcuno che può fare bene in questa partita, le più alte % protendono verso di lui.

MILAN – ROMA

DIAZ: Con l’assenza di Hakan dovrebbe essere lui a prendere il posto del turco e giocare alle spalle di Ibra. Contro il Crotone è arrivato il suo primo goal con la maglia del Milan. Sarà difficile sostituire Hakan ma Diaz ha la personalità giusta per farlo e contro la Roma può arrivare un altro bonus.

LEAO: Protagonista assoluto contro lo Spezia annientato da una doppietta contro l’Inter è stato straripante saltando sempre D’Ambrosio in una di queste occasioni ha servito a Ibra l’assist del 2-0. Giocatore in crescita e contro la Roma la sua velocita può creare grossi problemi alla difesa giallorossa.

MIRANTE: Forse è la sorpresa vera e propria di questo campionato. Sta vivendo una vera e propria seconda giovinezza. Ottimi voti e anche un rigore parato. Magari non sarà la prima scelta se volte un portiere imbattuto. Ma può portare un buon voto per il vostro modificatore.

Attiva Magic, il fanta-concorso con il montepremi più ricco d’Italia, vinci una Jaguar e diventa il Magic Allenatore più famoso d’Italia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy