Consigli Fantacalcio 29a giornata – Le Possibili Sorprese Fantamagazine

Saranno +3 insperati o delusioni? Ecco tutte le possibili sorprese della 29a giornata di campionato.

di Stefano Martelli, @Ste1983NO

Mancano poche ore all’inizio della ventinovesima giornata della stagione 2020/21 di Serie A e, con essa, arrivano anche anche i nostri consigli fantacalcio. La redazione di Fantamagazine, infatti, per ogni turno di campionato vi proporrà gli sconsigliati, i consigliati ed uno speciale per analizzare tutti le possibili sorprese delle schede partita targate Gruppo Esperti (che potete trovare QUI).

CONSIGLI FANTACALCIO 29a GIORNATA – LE POSSIBILI SORPRESE

In questo appuntamento scopriremo insieme quali giocatori possono essere possibili sorprese per la 29a giornata di Serie A. Vi ricordiamo inoltre che potete seguire i nostri consigli nel modo che più preferite, sulla pagina Facebook di Fantamagazine o sulla nostra pagina Instagram.

MILAN – SAMPDORIA

TOMORI: Con Romagnoli ai box toccherà a lui affiancare Kjaer al centro della difesa: ha le potenzialità per fare una buona figura contro la Samp, a prescindere da chi si troverà di fronte. I blucerchiati hanno un attacco variegato con interpreti con caratteristiche diverse, ma il buon Fikayo è un osso duro in marcatura e con la sua velocità ha la possibilità di risolvere a modo suo situazioni che possono diventare insidiose. Insomma, il buon voto è alla portata: in chiave modificatore è uno dei profili migliori che si possano scegliere. Difficile prevedere un bonus ma mai dire mai, visto che sulle palle inattive si fa vedere spesso a saltare: chissà che non sia la volta buona… Nel dubbio voi schieratelo.

CALHANOGLU: Dopo il covid e alcuni problemi fisici non ha più brillato in maglia rossonera, per lo meno fino al 60′ di Fiorentina-Milan, quando Pioli lo ha invertito con Diaz: da quel momento nell’ultima partita di Serie A disputata è parso un altro giocatore, tornando anche a segnare su azione. Sul più bello è però arrivata la sosta per le nazionali, che sembra aver fatto benissimo al dieci rossonero, che con la Turchia ha segnato 2 gol in tre partite, mettendo a referto anche 3 assist. Un bottino niente male, che lascia intendere come il giocatore stia tornando in forma: si può tornare a schierare quasi senza remore, prima di consigliarvelo a prescindere però vogliamo la controprova sul campo.

RAMIREZ E VERRE: Se uno dei due dovesse giocare titolare sarà suo il compito di dare equilibrio alla formazione blucerchiata. Non pensateli come un trequartisti tutta fantasia e strappi offensivi perchè il loro sarebbe un ruolo più da costruttore avanzato se però le alternative scarseggiano o avete voglia di un colpo fantasia allora schierare uno dei due potrebbe essere un azzardo calcolato.

ATALANTA – UDINESE

PESSINA : La prime due presenze in Nazionale maggiore non possono che avergli dato quella consapevolezza e convinzione che, a conti fatti, il ragazzo merita a pieno titolo. Parabola bellissima di crescita e sostanza, è diventato col duro lavoro e la diligenza tattica un calciatore che farebbe comodo al 90% delle rose in A. Unica “pecca”, se così si può definirla, un’interpretazione leggermente piatta del ruolo, che richiederebbe invece un po’ di personalità e intraprendenza in più. Qualità che il giovane Matteo non tarderà ad esprimere, magari proprio galvanizzato dalla fiducia concessagli da Mancini. I suoi inserimenti, contro uno schieramento che fa della fase difensiva il suo pregio maggiore, saranno oro colato, e il bonus pesante è un’opzione non molto lontana.

MALINOVSKYI : Ci stavamo tutti un po’ preoccupando, ma senza motivo. Ruslan sta tornando, pronto a far esplodere il suo mancino avvelenato da un momento all’altro e ad aprire linee di gioco penetranti e nascoste ai più per i suoi compagni di reparto. In gol contro il Verona, reduce da prestazioni eccellenti con l’Ucraina, Malinovskyi potrebbe trovare spazio e terra fertile anche contro l’Udinese, proprio alla luce delle sue qualità che lo rendono un cecchino di tutto rispetto, fondamentale in partite apparentemente bloccate e senza spazi. Occasione buona per inserirlo.

NUYTINCK: jolly di giornata. Per gli avversari che si ritroverà contro, sarebbe da sconsigliare. Ma spesso in questi casi è riuscito a sorprendere tutti e a confermare le sue doti di leader. Quindi, una vera e propria scommessa di giornata. Senza vie di mezzo: o 5, o 7.

MOLINA: sorpresa di questa seconda parte di stagione dell’Udinese, nome da seguire anche per il prossimo anno, si ritroverà di fronte il devastante Gosens. Un banco di prova importante per l’argentino, siamo curiosi di vederlo all’opera contro un avversario così forte.

NAPOLI – CROTONE

FABIAN RUIZ: Ma come, starete dicendo, e Politano, Mertens, Lozano, Osimhen? Sarebbe troppo facile sceglierne uno fra questi, è ovvio che rientrano in questa categoria (se non addirittura fra i Consigliati) considerando l’avversario. Scegliamo quindi Fabian Ruiz perché ci piace complicarci la vita e soprattutto perché è un giocatore che al fantacalcio, giustamente, viene schierato poco considerando il ruolo in campo. Ma se il Crotone dovesse scegliere un approccio più cauto alla partita ritirandosi nella propria metà campo, ecco che le doti balistiche da fuori dello spagnolo potrebbero diventare un’arma importante. Tra l’altro almeno un’occasione a partita sui piedi ce l’ha quasi sempre; se non ora quando?

MESSIAS E OUNAS: Sul primo non abbiamo dubbi, è tornato al goal e siamo certi farà di tutto per finire la stagione bene. Potrebbe causare molti grattacapi alla retroguardia napoletana. Sul secondo, se dovesse giocare, lo farebbe con la verve di chi vuole dimostrare di poterci stare nella squadra partenopea, che non ha creduto in lui fino in fondo, ad ora. Il primo va messo, il secondo con adeguata copertura si può rischiare.

BENEVENTO – PARMA

IONITA: Il Moldavo qualche volta è stato posizionato alle spalle del centravanti e non da mezzala, certo che le prestazioni furono insufficienti oltre ad essere poco lucido a distanza ravvicinata. La difesa del Parma non è impenetrabile, speriamo nel suo buon senso.

SEPE: I numeri difensivi del Parma sono impietosi: ha la seconda peggior difesa del campionato con 54 gol subiti e nelle ultime 16 partite soltanto una volta non ha subito gol (contro la Roma 2 giornate fa). Però il Benevento è una squadra che concretizza poco a livello offensivo ed il Parma nelle ultime uscite ha dimostrato più solidità difensiva e alcuni gol incassati sono per colpa di episodi e super gol degli attaccanti (vedi Scamacca da 30 metri). Per questa giornata ci può stare prendere in considerazione Sepe in base chiaramente alle alternative a propria disposizione

MAN e MIHAILA: Arriveranno solo all’ultimo dopo i tre impegni con la Nazionale rumena. Questo cambia un po’ le cose e D’aversa potrebbe anche fare altre scelte in attacco per poi utilizzarli a gara in corso come armi in grado di spaccare la partite grazie alla loro velocità e fantasia negli ultimi 25 metri. E’ un po’ un rischio metterli, si tratta di due giocatori che probabilmente giocheranno solo uno spezzone ma in una gara delicata come questa contro il Benevento, riuscire a dare nuova linfa all’attacco potrebbe risultare decisivo e magari proprio uno dei due potrebbe alla fine risultare determinante..se volete rischiare ma con adeguate coperture in assenza di alternative importanti, allora ci può stare

SASSUOLO – ROMA

BOGA: In effetti sembra più che altro una scelta obbligata quella di mettere Boga in questa sezione dato che mancheranno tanti giocatori importanti, ricordiamo che l’ivoriano è subentrato malissimo a Torino dal rientro dall’infortunio, da un punto di vista caratteriale, tanto da far perdere le staffe a De Zerbi, ma da quel giorno sono passati molti giorni in cui Boga ha lanciato messaggi di grande sacrificio al lavoro sui social, a dimostrazione che avrà capito di aver sbagliato? Il talento c’è, la condizione fisica migliora, e la Roma è in emergenza in difesa, per cui nutriamo delle speranze che possa incidere.

IL TRIDENTE GIALLOROSSO: E’ inutile nasconderlo, contro un Sassuolo decimato bisogna segnare e questa volta tocca a Pedro, Perez e Borja, rimasti a Trigoria a riposare. E’ una possibilità per chi ce li ha, probabilmente l’ultima perché se non fanno bene in questa è difficile capire quando potranno fare bene.

GENOA – FIORENTINA

SCAMACCA: proprio quando sembrava non rientrare più nei piani di Ballardini, complice un minutaggio sempre più risicato, tira fuori una prestazione da vero numero nove, che consegna al Genoa una vittoria fondamentale. Difficile fare finta di niente, anche perché il periodo di grande forma tra ottobre e novembre 2020 l’aveva inaugurato proprio con una doppietta personale. Anche da subentrante può risultare una carta da giocarsi, se ci credete ancora.

BONAVENTURA: La possibile sorprese della Fiorentina è per forza Jack: giocatore di grande classe, dotato di una tecnica superiore e di un’elevata intelligenza tattica, è l’unico centrocampista viola che è contemporaneamente pericoloso a livello offensivo e costante a livello di prestazioni. Dovrebbe certamente partire titolare, considerando che è rimasto a Firenze per l’intera sosta Nazionali, a differenza di Castrovilli ed Amrabat, dunque contro il Genoa si può tranquillamente schierare come terzo/quarto slot di centrocampo, nella speranza che ci regali un gol dei suoi. Tra l’altro, all’andata segnò ma il gol fu annullato per un fallo precedente.. chissà che questa non sia la volta giusta.

CAGLIARI – VERONA

CRAGNO: Attenzione se avete in mente di schierarlo, per quanto detto in annotazioni tattiche. Con questa premessa, si può provare a metterlo: sia il Cagliari negli ultimi tempi che il Verona sembrano presagire a una partita più da under che da over, e lui il buon voto lo prende molto spesso, per cui è una scelta abbastanza tranquilla per questa giornata.

TAMEZE: L’unico che in qualsiasi circostanza da sempre il massimo in campo. Spirito di sacrificio e aggressività lo rendono un ottimo regolarista del voto, anche nelle situazioni peggiori ha quasi sempre meritato la sufficienza. Impossibile aspettarsi un goal, ma oggi può essere schierato per chi ha bisogno di un voto positivo.

LAZIO – SPEZIA

A. PEREIRA: Ultima chiamata per il brasiliano scuola United. L’assenza di Luis Alberto potrebbe concedergli la possibilità di partire dal primo minuto, magari creare un piccolo rimpianto per un riscatto che al momento è altamente improbabile. Quando chiamato in causa spesso ha deluso, qualche volta ha portato dinamicità, ma sempre mostrando una tecnica di altissimo livello. Potrebbe essere decisiva per una buona prestazione, l’occasione è propizia, ma allo stesso tempo una prestazione deludente non sarebbe sorprendente.

GYASI :Lui ormai è una sicurezza, è da inizio anno che lo caldeggiamo ed ha risposto sempre presente; il mister tra l’altro non se n’è mai privato fin’ora, diventando un buon regolarista per il nostro attacco! Se non avete di meglio può essere il vostro terzo attaccante di giornata senza troppi pensieri, ormai è un must sotto tanti aspetti.

TORINO – JUVENTUS

BELOTTI: Il capitano è tornato al gol che mancava da due mesi, seppur in nazionale e su rigore. Ancora non è sembrato al meglio e quindi è difficile capire il tipo di prestazione che potrà sfoderare. Il derby però è sempre il derby e il gallo cercherà di condurre i suoi ad un risultato positivo, cosa che, nonostante abbia segnato la metà dei gol del Torino nei derby da quando veste questa maglia, non è ancora riuscito a fare, aspettando ancora la prima vittoria. Da dedicare magari alla sua Vittoria.

KULUSEVSKI : Buone prestazioni con la nazionale svedese potrebbero averlo liberato mentalmente puntiamo su un suo bonus per questa giornata.

BOLOGNA – INTER

TOMIYASU: Apparso non brillantissimo dopo l’infortunio pre-sosta , è reduce dalla convocazione in nazionale dove ha ben figurato. Se giocate con il Mod potete azzardarlo come quarto, la sufficienza è alla portata come al solito.

SANSONE : Vero spacca-partita contro un avversario più morbido come il Crotone. Viene da 2 panchine consecutive, ma è sempre uno dei migliori in campo nell’ultimo periodo. Complice la squalifica di Palacio giocherà sulla sinistra dal primo minuto, e se siete contati in avanti potete fare la scommessa. Batte i piazzati e si può salvare anche senza bonus pesante. Non una prima scelta, ma in passato si esaltava spesso contro le grandi del nostro campionato.

SANCHEZ: Si vocifera che potrebbe addirittura partire titolare in tandem con Lautaro, e il Bologna sembra concedere spazi sufficienti per esaltare le qualità del cileno. Queste sono le sue partite.

VIDAL: Il cileno, insieme agli altri sudamericani, è rimasto a Milano ad allenarsi agli ordini di Mister Conte. Secondo noi le probabilità che parta titolare non sono basse, e comunque dovrebbe avere ampio minutaggio anche da subentrante. Da sempre noi siamo contro chi da Vidal per finito, e abbiamo sempre detto che con un po’ di continuità fisica avrebbe potuto tranquillamente dire la sua. E visto che è rimasto venti giorni ad allenarsi, perchè non tentare la scommessa?

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy