Consigli Fantacalcio 26a giornata – Gli Sconsigliati Fantamagazine

State lontani da questi giocatori e non schierateli per nessun motivo nella ventiseiesima giornata del Fantacalcio.

di Stefano Martelli, @Ste1983NO

Mancano poche ore all’inizio della ventiseiesima giornata della stagione 2020/21 di Serie A e, con essa, arrivano anche anche i nostri consigli fantacalcio. La redazione di Fantamagazine, infatti, per ogni turno di campionato vi proporrà i consigliati, le possibili sorprese ed uno speciale per analizzare tutti gli sconsigliati delle schede partita targate Gruppo Esperti (che potete trovare QUI).

CONSIGLI FANTACALCIO 26a GIORNATA – GLI SCONSIGLIATI

In questo appuntamento scopriremo insieme quali giocatori possono essere sconsigliati per la 26a giornata di Serie A. Vi ricordiamo inoltre che potete seguire i nostri consigli nel modo che più preferite, sulla pagina Facebook di Fantamagazine o sulla nostra pagina Instagram.

SPEZIA – BENEVENTO

VIGNALI: Forse dire che ne sta iniziando a sbagliare troppe è un eufenismo…diciamo che non stà facendo rimpiangere il fu Sala

HETEMAJ, IONITA, IMPROTA: Solito discorso per loro, al di la del voto, potete pretendere ben poco. Qualora arrivasse qualcosa, sarebbe tutto un di più. Serve lottare a centrocampo e serve lasciare Viola libero di agire in fase offensiva. Loro sono i nostri mastini, quelli che devono dettar legge in mezzo al campo e i più papabili per beccarsi il malus.

LAPADULA: Potrà anche cominciare a segnare 10 gol a partita da questa gara in poi, ma non ci sono motivazioni serie che possano portarvi a schierarlo, se non contare sul voto. Tutto il resto è un di più.

UDINESE – SASSUOLO

LARSEN & ZEEGELAAR: Gli esterni d’attacco sono il punto forte dei nostri avversari, e sia Larsen che Zeegelaar non stanno vivendo un grande momento di forma. Su di loro incombe anche l’ombra del fin qui ottimo Molina, che con molte probabilità partirà dal primo minuto. Evitate se non volete rovinarvi il sabato pomeriggio.

CONSIGLI: è difficile fare un discorso completo su Consigli. Tendenzialmente il Sassuolo non concede tantissimo alle squadre avversarie, ma il goal lo subisce sempre. Contro il Napoli ha sì preso tre goal, ma tre sono state anche le occasioni concesse ai partenopei (di cui una appunto su rigore). Fino al goal di Di Lorenzo, ovvero per più di 70′, la partita di Consigli è stata pressoché piatta, senza rischi particolari. Però il Sassuolo in un modo o nell’altro, e contro chiunque, il goal lo subisce. Contro Bologna e Crotone, per citare due esempi recenti, ha concesso sì e no un paio di conclusioni, ma la rete avversaria è arrivata. Sono ormai 13 le gare senza imbattibilità per il portiere del Sassuolo. Questo vuol dire che Consigli è certamente schierabile, con l’indice 2/5 che forse è eccessivamente punitivo. Tuttavia, se la partita può sembrare buona, occhio a non fare troppo affidamento su di lui se il vostro obiettivo è un bonus per l’imbattibilità, perché potreste rimanere delusi.

CHIRICHES, MARLON e AYHAN: chi giocherà accanto a Ferrari non cambierà la valutazione del singolo, perché tutti e tre sono poco appetibili fantacalcisticamente parlando. I bonus sono assenti o casuali e comunque i malus che arrivano con le ammonizioni li compensano ampiamente. I voti invece sono troppo altalenanti. Chiriches, che non sappiamo nemmeno se sarà disponibile, magari alterna partite da 7 ad altre da 4, mentre Marlon può giocare partite perfette per 90′, salvo poi commettere un singolo errore che però pregiudica il risultato (contro il Napoli partita perfetta, salvo una piccola sbavatura sul goal di Di Lorenzo che però gli pregiudica il bel voto). Infine Ayhan non lo vediamo giocare da diverso tempo. Crediamo che quindi sia meglio evitare di rischiare con loro due.

OBIANG e MAGNANELLI: i mediani del Sassuolo sono forse i meno appetibili di tutta la rosa fantacalcisticamente parlando; forse anche meno dei difensori. Locatelli ha dalla sua il fatto di avere una titolarità pressoché intaccabile e una media voto comunque buona, mentre Lopez ogni tanto viene alzato sulla linea della trequarti, che lo può rendere leggermente più appetibile, ancorché di poco. Per quanto riguarda gli altri, c’è poco da aspettarsi. Non si sa chi giocherà, non si sa chi porterà voto, le possibilità di bonus sono quasi a zero mentre i cartellini, dati i compiti di copertura, fioccano. Nemmeno i voti sono discreti. Va da sé che non vediamo motivi validi per schierarli, a meno che non siate davvero in emergenza.

JUVENTUS – LAZIO

DEMIRAL : Paga ancora troppa irruenza , gli attaccanti capitolini sono agili e potrebbero metterlo in difficolta.

IMMOBILE: Non avendo giocato martedì, quindi riproponiamo un po’ il discorso dell’infrasettimanale, con l’aggravante che si gioca contro la Juventus e non contro il Torino. Ovviamente parliamo di un Top, di un giocatore da 14 gol in 24 partite (in realtà ne ha giocate meno) con 2 rigori sbagliati (un’enormità per uno come lui). Parliamo quindi di un attaccante perfettamente in linea con i numeri di un top di reparto (20-25 gol, come previsto a inizio anno). Tuttavia in queste 4 partite è parso davvero affaticato, stanco e convive con una tendinite. Non è che non abbia segnato, non ha proprio giocato. Lo vediamo fermo, totalmente avulso dal gioco, insomma è un altro Ciro. Ora, i periodi no ci sono per tutti, è normale, e proprio per questo dobbiamo segnalarvelo. In queste 4 giornate ha giocato malissimo e proprio per questo lo dobbiamo inserire in tale sezione. Non è uno sconsigliato in assoluto, è un monito. E’ pur sempre il bomber di questa squadra e può segnare con un qualsiasi episodio, ma se avete 3 attaccanti in forma, soprattutto in leghe poco numerose, che hanno alte possibilità di bonus ci sta valutare le alternative. Ovvio in una lega a 10 è impossibile non metterlo.

ROMA – GENOA

CRISTANTE: C’è poco da dire, non è un giocatore da fantacalcio.

CZYBORRA: lo inseriamo in questa sezione, anche se il riposo concessogli nell’infrasettimanale potrebbe avergli fatto bene. Come settimana scorsa, l’avversario non è dei più semplici, ma lui ha le qualità per uscire vincitore nel duello. Non è uno sconsigliato a tutti gli effetti, ma piuttosto un monito relativamente alle difficoltà che potrebbe incontrare in fase difensiva, quando si troverà costretto a ripiegare anche sulla mezzapunta di competenza.

CROTONE – TORINO

I DIFENSORI DEI CALABRESI : Reparto che fa troppa fatica e che continua a regalare troppi gol agli avversari.

RODRIGUEZ: Non lo vediamo in campo da oltre un mese, nell’esordio di Nicola a Benevento. Non è tanto che dubitiamo sulle sue condizioni fisiche, semmai è il ruolo di terzo di difesa a togliergli appeal fantacalcistico, oltre al fatto che da quella parte agirà un peperino Ounas che ha già ubriacato Peluso con le sue finte e controfinte. Se Verdi non partisse dal 1′ potrebbe essere il rigorista designato per una buona ora di gioco. Sta a voi valutare sulla base di ciò, diciamo che quindi l’indice è più 2.5 che un 2 pieno.

FIORENTINA – PARMA

MILENKOVIC: Ci piange un po’ il cuore metterlo tra gli sconsigliati, ma tra qualche errore personale ed un pizzico di malasorte, è risultato essere decisivo in negativo nelle ultime due gare viola.
Non escludiamo quindi un turno di riposo per lui, la logica ci impone poi di tenerlo in panchina per questa gara: ovviamente il bonus è sempre dietro l’angolo, ma ad ora è un azzardo per cuori forti.

OSORIO: il difensore venezuelano non sta demeritando ma molto probabilmente verrà riproposto fuori ruolo e, anche se dovesse giocare centrale, Vlahovic è certamente un cliente scomodissimo.

VERONA – MILAN

LASAGNA: Ma come? Dopo il goal è di nuovo qui? Sconsigliato? Ebbene si. Il motivo è semplice, ancora non basta. Il Benevento ha mostrato lacune profondissime in difesa, il suo goal nasce da un rimpallo fortunato e un tiro non irresistibile ma efficace. Adesso avrà contro una difesa molto solida come quella Milanista, anche per lui sarà una prova del 9. Smentiscici caro Kevin, perchè vogliamo questo.

MEITE: Non all’altezza di una squadra che lotta per lo scudetto. Non all’altezza per una squadra che lotta per la Champions. Non all’altezza per una squadra che gioca gli ottavi di Europa League. Non all’alte…vabbè avete capito. Quanto manca Bennacer.

SAMPDORIA – CAGLIARI

QUAGLIARELLA: Ci pesa il cuore a metterlo qui e chissà che per qualche strana Cabala proprio questo gesto ingrato non lo scuota dal torpore nel quale sembra caduto. Intendiamoci: sbattere si sbatte ma lo fa a 40 metri dalla porta sempre con una sensazione di improduttività che lo circonda. Aspettando segnali di ripresa non è un vero e proprio sconsigliato ma forse più un monito per chi pensasse ad una partita facile guardando la classifica dei nostri avversari

LYKOGIANNIS: Da una parte gli abbiamo messo 3 perché può sempre scapparci un cross, e con Pavoletti questi non ci mettono molto a diventare gol, come abbiamo visto una volta in più contro il Crotone. Dall’altra gli errori gravi non sono una novità, come abbiamo visto sempre contro il Crotone, e dover affrontare uno tra Candreva e Damsgaard può seriamente metterlo in difficoltà.

NAPOLI – BOLOGNA

BAKAYOKO: Non sappiamo cosa stia passando nella sua testa, ma ormai in ogni partita ne combina una. Meglio evitare.

I CENTRALI DI DIFESA PARTENOPEI: Che siano Maksimovic, Rrhamani, Manolas o pure Koulibaly, ne stanno combinando di cotte e di crude in ogni partita.

ORSOLINI: Ormai irriconoscibile da un po’ di giornate, e anche se vince spesso il ballotaggio con Skov-Olsen sulla fascia, non è da mettere a priori. Lo status di rigorista attrae, ma ultimamente fa fatica a saltare qualsiasi avversario e pecca di lucidità nelle scelte. Speriamo che l’inserimento qui gli porti fortuna, visto che ci ha abituato bene nei gironi di ritorno, ma razionalmente va panchinato se avete alternative credibili, perlomeno fino a quando non ci dimostrerà di cosa è capace.

BARROW: Prima della trasferta di Cagliari, Il gambiano aveva mostrato segnali di adattamento incoraggianti nel ruolo disegnatogli da Sinisa nell’attacco rossoblù, riuscendo a entrare bene nelle trame di gioco e facendosi vedere dai compagni con assist e giocate importanti. Viene però da una partita in cui non ne ha azzeccata mezza, non è sconsigliato a priori perchè il Napoli qualcosa concede dietro e come terzo attaccante si può azzardare, ma in caso di mancanza di bonus l’insufficienza è praticamente certa e soprattutto potrebbe non giocare dall’inizio causa turnover.

INTER – ATALANTA

NESSUNO DEI PADRONI DI CASA: Stiamo attraversando uno stato di forma che ci porta a non sconsigliarvi nessuno. Questo non vuol dire che sarà una partita facile o che nessuno prenderà insufficienze, ma semplicemente che è difficile dirvi a priori chi potrebbe soffrire più di altri. Certo, ci immaginiamo che potrebbe non essere una partita facile per Eriksen che verrà certamente marcato a uomo, così come sarà difficile per Brozovic impostare il gioco con la pressione selvaggia dei bergamaschi. Immaginiamo che l’Atalanta cercherà di far giocare quanto più possibile Handanovic con i piedi sperando in un suo errore, così come non sottovalutiamo l’impatto che Maehle potrebbe avere su Perisic e la sua fase difensiva. L’unico consiglio che ci sentiamo di darvi è di fare attenzione e di non lanciarvi in all-in assolutamente insensati e pericolosi.

DE ROON: Infaticabile motorino dei bergamaschi, dovrà correre al massimo delle sue possibilità per tenere testa al centrocampo polmonare degli uomini di Conte. Difficile porti bonus, quasi scontata un’ammonizione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy