Consigli Fantacalcio 18a giornata – I Consigliati Fantamagazine

Ecco tutti i giocatori da schierare assolutamente al Fantacalcio nella 18a giornata di campionato.

di Stefano Martelli, @Ste1983NO

Mancano poche ore all’inizio della diciottesima giornata della stagione 2020/21 di Serie A e, con essa, arrivano anche anche i nostri consigli Fantacalcio. La redazione di Fantamagazine, infatti, per ogni turno di campionato vi proporrà gli sconsigliati, le possibili sorprese ed uno speciale per analizzare tutti i consigliati delle schede partita targate Gruppo Esperti (che potete trovare QUI).

CONSIGLI FANTACALCIO 18a GIORNATA – I CONSIGLIATI

In questo appuntamento scopriremo insieme quali giocatori possono essere consigliati per la 18a giornata di Serie A. Vi ricordiamo inoltre che potete seguire i nostri consigli nel modo che più preferite, sulla pagina Facebook di Fantamagazine o sulla nostra pagina Instagram.

LAZIO – ROMA

LUIS ALBERTO: In una vecchia pubblicità Nike, Cantona  chiedeva “Who is on fire?” Luis Alberto is on fire. Nelle ultime 5 partite di campionato, 3 gol ed una fantamedia di 8,50. Le frizioni con la società paiono essere un lontano ricordo e Luis ha ripreso a disegnare calcio con un tasso tecnico fuori dal comune. Per il gioco della Lazio è assolutamente imprescindibile, contro la Fiorentina non è arrivato il bonus leggero solo per una questione di millimetri, ma l’imbucata per Immobile era, come sempre, da applausi. Con il Parma è arrivato il terzo gol nelle ultime 5 e solo la poca fredda di Immobile gli ha impedito di collezionare il primo assist della sua stagione in Serie A. Luis Alberto c’è e verticalizza, nel derby catalizzerà pressoché tutti i possessi laziali e qualsiasi azioni passerà dai suoi piedi. Grandi partite = Grandi giocatori.Il 2021 è iniziato nel migliore dei modi, il momento e neanche l’anno scorso ha avuto una tale confidenza con la rete. Battere il ferro finché è caldo.

MKHITARYAN: “Mkhitaryan è arrivato l’armeno che va come un treno, è Mkhitaryan. Quando va sulla fascia il terzino lo sfascia, è Mkhitaryan. È venuto da Londra la Lazio la sfonda, è Mkhitaryan, Mkhitaryan, Mkhitaryan, Mkhitaryan. Ecco si innalza di già un coro da Roma fino a Yerevan. Senti sta Curva cantà per Mkhitaryan. Ecco si innalza di già un coro da Roma fino Yerevan. Senti sta Curva cantà per Mkhitaryan”. A parte gli scherzi, 8 gol e 8 assist. Non vi dobbiamo certo spiegare del perché vada messo. Speriamo di poter cantare insieme la canzone.

BOLOGNA – VERONA

TOMIYASU: Da quando è stato riportato nella posizione che l’aveva reso “famoso” agli occhi degli addetti ai lavori il suo rendimento è aumentato esponenzialmente. In 4 partite da terzino mai un insufficienza (condita da 2 gol e 1 ammonizione) e sempre ottime prestazioni. Da riproporre, soprattutto se giocate con il modificatore difesa.

DIMARCO: La settimana scorsa, forse per predicare cautela, non è finito qui, e lui ben pensa di concere il bis con un altro grandissimo gol da 3 punti. Quindi finisce qui di diritto, quasi di prepotenza: non c’è due senza tre no? E se il tre non ci fosse, ci sarà di certo una gran prova del treno della fascia mancina scaligera

TORINO – SPEZIA

IZZO: Armandino is back. Gli standard difensivi sembrano tornati quelli del periodo d’oro, così come i post da combattente granata sui social, l’apprezzamento dei tifosi e soprattutto la rapacità nell’area avversaria. Difensivamente può fare bene, certo Gyasi è il classico ex, ma il nostro scugnizzo (non l’esperto Spezia) saprà come domarlo. Offensivamente invece arriva il dato interessante, ovvero che lo Spezia sia una delle squadre con più gol subiti da palla inattiva, che sia nuovamente ora di gol?

NZOLA: Sappiamo che la sua presenza è a rischio ma ci tenevamo lo stesso a dedicargli questa copertina anche questa volta per tanti motivi, anche perchè senza di lui in campo di consigliati ce ne sarebbero comunque pochissimi o nessuno ad oggi. Ci siamo ragazzi, è nata una stella ed il suon nome è NZOLA (senza apostrofo possibilmente). Si inizia davvero a sognare in grande ormai e stà diventando imprescindibile per chi lo ha preso nelle proprie rose o lo stà prendendo alle aste di riparazione in questi giorni, figuriamoci per chi già lo aveva da inizio anno! Una libidine con i fiocchi insomma! Lo avevamo messo tra le possibili sorprese ad inizio campionato e non solo non ci stà smentendo ma addirittura sorprendendo in positivo settimana dopo settimana! Insomma il nostro M’bala non è più una sorpresa; non stupitevi quindi di ritrovarvelo come consigliato di giornata spesso e volentieri poichè ad oggi il gioco di Italiano stà catalizzando tutti i palloni verso questo campione vero e lui stà rispondendo sempre presente, facendosi trovare sempre pronto, gonfiando la rete.

SAMPDORIA – UDINESE

AUDERO: Forse un consigliato un tantino azzardato ma in una partita che immaginiamo abbastanza bloccata non si può escludere un Clean Sheet o al massimo un gol subito. Sempre che i blucerchiati la piantino di regalare un rigore a partita.

PEREYRA / DE PAUL: I nostri due centrali di centrocampo sono le uniche note positive di questo freddo disgraziato periodo. Da un lato DE PAUL non si può discutere a meno di valide alternative (in ottica mantra) dove si può pensare di accantonarlo in virtù di scontri più semplici; dall’altro PEREYRA che ha trovato recentemente il gol e che con questa penuria di terminali offensivi è chiamato a fare (piacevolmente) gli straordinari anche in fase d’attacco, inserendosi e provando diverse volte la conclusione. Da mettere SALVO scelte irrinunciabili in match easy.

NAPOLI – FIORENTINA

ZIELINSKI: Schierato ancora trequartista e riposato in Coppa Italia, è uno dei must del ruolo in assoluto. Va panchinato soltanto top assoluti di ruolo, ma se ne avete più di 2, beh, complimenti.

INSIGNE: E’ nella fase della stagione in cui non segnerebbe neanche con una porta di 20 metri, è impressionante la quantità di occasioni che sta fallendo ultimamente e soprattutto sempre più facili. Nonostante questo, in fase offensiva resta il faro della squadra ed è il giocatore deputato a battere i piazzati. Insomma, diciamo che su 10 tiri si spera sempre che almeno 1 becchi la porta.

NESSUNO DEI VIOLA: Piedi per terra, in queste trasferte siamo ancora lontani dal poter consigliare qualcuno. La squadra è in miglioramento come abbiamo detto ma per poter insidiare in casa propria le top del campionato mancano ancora 2-3 giocatori nei ruoli ad ora “scoperti”.

CROTONE – BENEVENTO

MESSIAS: Saremo ripetitivi ma non possiamo non consigliare l’uomo a cui il Crotone affida le sue sorti. Ovunque giocherà sarà il pericolo numero uno per il Benevento. In una partita in cui si presume che il pallino del gioco sarà in mano ai Pitagorici va messo senza pensarci. Messias + altri 10.

CAPRARI: I problemi fisici sorti all’ultimo nella scorsa partita, che lo hanno costretto alla tribuna, sembrano ormai superati con tranquillità, infatti, si è allenato con i compagni per tutta la settimana senza particolari attenzioni. Però, volendo esser pignoli, fate comunque attenzione.

GLIK: Autentico condottiero della linea difensiva, si può definire come il più importante acquisto stagionale, vista l’enorme qualità e ciò che mette in mostra ogni partita. Ma i fanta non si vincono solo con i buoni voti, no?

SASSUOLO – PARMA

FERRARI: sta avendo un rendimento costante e positivo, con voti che raramente scendono sotto il 6. È molto spesso il migliore del pacchetto arretrato e il Parma è, al momento, il peggior attacco del campionato, con appena 13 goal in 17 partite. Questo non vuol dire che il Parma non possa segnare, ma che non dovremmo vedere molte occasioni per i crociati, almeno sulla carta. Potrebbe soffrire la rapidità delle punte avversarie, ma è cresciuto anche in situazioni di questo tipo. Infine, sale spesso sui piazzati e crediamo che, prima o poi, un bonus arriverà.

TRAORÈ: se è vero che una rondine non fa primavera, è altrettanto vero che di rondini ormai sembrano esserne passate tante. I segnali arrivano da diverse partite ed è tra i migliori da un mese a questa parte, se non il migliore. È in fiducia e, nonostante sia un giocatore giovane e quindi il rischio di discontinuità c’è sempre, non possiamo non premiarlo mettendolo in questa sezione. Anche perché a livello di bonus, che si tratti di un goal o un assist, sembra essere diventato abbastanza continuo, riuscendo a portare qualcosa ogni partita (o quasi).

NESSUNO DEI DUCALI: Il momento è complicatissimo e la squadra arriva da 5 sconfitte consecutive e appena 1 gol segnato che l’hanno fatta sprofondare in piena zona retrocessione e costretto il club ad allontanare Liverani richiamando D’Aversa. Contro un Sassuolo in fiducia e più forte non ci sentiamo di consigliare nessuno

ATALANTA – GENOA

ZAPATA & MURIEL : Di nuovo loro, ma stanno risultando letteralmente devastanti. Che sia da titolari o partendo dalla panchina, i due sono i veri finalizzatori della squadra, e stanno vivendo un momento di grande crescita di condizione. Folle privarsene

SHOMURODOV: quella di Bergamo sarà una gara di sofferenza e ripartenze per gli uomini di Ballardini, chi se non l’uzbeko può ben figurare in queste situazioni?

INTER – JUVENTUS

LUKAKU : Anche nella partita di Coppa Italia, entra e segna il gol decisivo. Gioca di sponda, lotta, crea occasioni per se e per i compagni. Leader dentro e fuori dal campo, va messo a prescindere

RONALDO : Non bene nelle ultime due uscite contro Milan e Sassuolo, un calo inevitabile per lo stakanovista portoghese. La partita di San Siro però è troppo importante per steccarla e crediamo che CR7 invece sarà decisivo come praticamente sempre lo è stato in questa prima parte di stagione.

CAGLIARI – MILAN

JOAO PEDRO: Nell’ultima s’è procurato un rigore ma lo ha sbagliato. Resta in ogni caso il giocatore rossoblu con le maggiori possibilità di segnare; sfortunatamente, vista la partita difficile e il brutto momento della squadra, non è davvero consigliato, ma è uno dei pochi giocatori del Cagliari che può essere preso in considerazione per questa partita, anche tenendo presente che contro il Milan non s’è fatto problemi a segnare, in diverse occasioni.

KJAER: Fresco e riposato, nemmeno convocato in Coppa Italia contro il Torino. Semplicemente una certezza nella vostra retroguardia, capace di portare il voto da modificatore contro chiunque. È vero, Joao Pedro è un osso duro, ma siamo convinti che il danese sia ampiamente in grado di tenergli testa, lasciandolo a bocca asciutta. Ormai il leader indiscusso della retroguardia rossonera, arrivato a gennaio scorso, in un anno è diventato insostituibile. Schierarlo è un dovere!

KESSIE: I numeri iniziano a diventare importanti per lui: 6 gol in 16 gare disputate, ad 1 solo dal suo record personale stagionale, e non siamo nemmeno al giro di boa. Il fatto di essere (ri)diventato rigorista ha aumentato considerevolmente il suo valore e chi ci ha puntato ad agosto ora si ritrova un centrocampista da schierare praticamente sempre, visto che in tempo di VAR il penalty è costantemente dietro l’angolo e il Milan crea svariate occasioni a partita. Male che vada comunque le sue prestazioni sono sempre maiuscole, di quantità e generosità, con pochi cartellini rimediati. La sua autorità in mezzo al campo lo rendono un’arma preziosa nel vostro centrocampo, schiaratelo per completare il reparto e non ve ne pentirete.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy