Consigli Fantacalcio 16a giornata: Gli Sconsigliati Fantamagazine

State lontani da questi giocatori e non schierateli per nessun motivo nella sedicesima giornata del Fantacalcio.

di Stefano Martelli, @Ste1983NO

Mancano poche ore all’inizio della sedicesima giornata della stagione 2020/21 di Serie A e, con essa, arrivano anche anche i nostri consigli fantacalcio. La redazione di Fantamagazine, infatti, per ogni turno di campionato vi proporrà i consigliati, le possibili sorprese ed uno speciale per analizzare tutti gli sconsigliati delle schede partita targate Gruppo Esperti (che potete trovare QUI).

CONSIGLI FANTACALCIO 16a GIORNATA – GLI SCONSIGLIATI

In questo appuntamento scopriremo insieme quali giocatori possono essere sconsigliati per la 16a giornata di Serie A. Vi ricordiamo inoltre che potete seguire i nostri consigli nel modo che più preferite, sulla pagina Facebook di Fantamagazine o sulla nostra pagina Instagram.

CAGLIARI – BENEVENTO

CEPPITELLI: Non ci ispirava fiducia contro il Napoli, e infatti è arrivata l’insufficienza pesante: è probabilmente il meno schierabile tra i giocatori del Cagliari, in questo momento. Poi, se avete alternative scarse, potete provarlo sperando in una sufficienza; potrebbe anche arrivarci, nel caso i gol non dovessero arrivare per colpe sue.

FOULON: A sinistra già era un problema, figuriamoci a destra.

BOLOGNA – UDINESE

PALACIO: Non ce ne voglia il buon Rodrigo, chiamato a 38 anni a giocare sempre visto la scellerata scelta di non comprare una punta da parte della società, ma già non è una punta che segna tanto, in più la stanchezza si fa sentire, e nonostante tutto il lavoro che fa, rimane utile come copertura, o come attaccante da ultima spiaggia se le alternative non sono di livello. Ha già segnato contro l’Udinese in casa l’anno passato e speriamo che l’inserimento qui porta fortuna al Trenza.

SAMIR: è incredibile come cambi il suo atteggiamento in campo con e senza Nuytinck al suo fianco. Sul suo lato agirà Orsolini, che può metterlo facilmente in crisi. Evitate se volete passare un pomeriggio tranquillo.

LASAGNA: la partita potrebbe anche essere adatta alle sue caratteristiche di contropiedista, ma siamo sicuri che il gioco valga ancora la candela? Se non segna, è un 4,5 che cammina. Magari segna (e di solito lo fa quando meno te lo aspetti), ma se avete discrete alternative, non fatevi problemi a lasciarlo in panca e non datevi colpe in caso di bonus perso, dato che il giocatore non dà garanzie.

LAZIO – FIORENTINA

MURIQI & CAICEDO: Il primo finora è stato un oggetto misterioso, sembra essersi perso all’ombra del Colosseo, visitatore non pagante della città eterna. Troppi infortuni in una stagione breve e troppo poco tempo per ambientarsi e per scendere nelle dinamiche del calcio italiano. Questa partita si adatterebbe anche alle sue caratteristiche, ma non ci sono stati segnali incoraggianti nei pochi minuti a sua disposizione e anche con il Milan non ha letteralmente ‘azzeccato’ un controllo. Il Panterone invece è in fase calante, d’altronde le tante partite ravvicinate e l’assenza di Correa, nonostante gli diano la possibilità di giocare con più frequenza, ne diminuiscono l’appetibilità. Le tante voci e le prestazioni non incoraggianti della compagine bianco-celeste ne minano ancora di più le già scarse possibilità di bonus in questo periodo.

TUTTI ( O QUASI) I VIOLA: Sulla falsariga di quanto scritto nella sezione “Consigliati”, per questa giornata consigliamo di non puntare su nessun giocatore viola. Tra mercato, assenza di gioco, assetto ancora da oliare e quant’altro la sfida contro una più oliata Lazio rischia di diventare un “covo” di insufficienze.

CROTONE – ROMA

I DIFENSORI DEI CALABRESI: Sconsigliare i difensori in blocco inizia a diventare il nostro leitmotiv, ma non possiamo fare altrimenti data la forza offensiva della Roma e vista la scorsa pessima prestazione del terzetto difensivo, affondato con il passare dei minuti. Nel calderone finiscono anche Pedro Pereira e Reca. Il gioco non vale la candela neanche per il polacco, che qualcosa di buono fa sempre vedere in fase offensiva.

CARLES PEREZ: Premessa: chiaro che in una partita del genere lui può trovare minutaggio e spazio e perché no, anche il bonus. Fatto sta che non ha mai dato la sensazione di poter incidere, anche nelle partite più semplici. E’ un corpo estraneo rispetto alla squadra. Perciò mettetelo solo se avete ballottaggi difficili (coprendovi). Non è ad oggi un giocatore su cui fare affidamento.

SAMPDORIA – INTER

SILVA: Per ora non sembra ancora essere riuscito a calarsi nella realtà del campionato italiano e va a fasi alterne. Il centrocampo Contiano va notoriamente a mille allora e lui sarà continuamente circondato da maglie nerazzurre. Probabilità cartellino giallo alte, probabilità bonus basse. Ecco tutto.

GLI ALL-IN NERAZZURRI: Evitate troppi nerazzurri tutti insieme, anche in caso di vittoria la gara si prospetta molto molto combattuta.

ATALANTA – PARMA

TOLOI: Giocatore fondamentale, ma appena rientrato da uno stop significativo. Non conoscendo il suo attuale stato di forma, rischiarlo sarebbe una mossa inutile.

SEPE: La fase difensiva sta facendo acqua da tutte le parti e i gol incassati sono fin qui stati troppi. Contro uno dei migliori attacchi del campionato lasciate stare Sepe

LA DIFESA DEI DUCALI: Già a ranghi completi la tenuta difensiva sta lasciando parecchio a desiderare, in più le probabili assenze di Osorio e Iacoponi non aiutano di certo a far dormire sogni sereni al povero Sepe. Rischio figuraccia per la difesa molto elevato in questa giornata

TORINO – VERONA

RODRIGUEZ: Le ultime tre giornate hanno portato tre 6 pieni per il laterale svizzero. Ecco, questo è quello che vi può dare nella migliore delle ipotesi. Non fatevi ingannare dal ruolo di esterno di centrocampo, che svolge con un attitudine prettamente difensiva, tant’è che Giampaolo lo vede quasi più come terzo centrale nel terzetto difensivo. Certamente è in grado di dare equilibrio alla squadra, ma al fantacalcio non ci si può aspettare granché. E a ciò si aggiunge Faraoni come diretto avversario di giornata, che francamente ha un altro passo. Occhio.

LUKIC: Finiti i tempi d’oro per il buon Sasa. Dal rientro post-covid solamente 6 e 5.5 e tanta “garra” in mezzo al campo nel vecchio ruolo di mezz’ala, pur ri-conquistandosi il posto da titolare. Non parliamo quindi di bocciatura calcistica per il serbo, semmai di un piccolo warning sulla ritrovata posizione, che al fantacalcio gli toglie sicuramente appetibilità. E attenzione al pericolo cartellino, in una partita che a centrocampo si preannuncia foriera di falli.

SASSUOLO – GENOA

TOLJAN: in questo momento non offre molte garanzie. La partita lo rende schierabile, questo è vero. Decidere di optare per lui non sarebbe un delitto, ma se Muldur almeno garantisce qualche folata offensiva interessante, lui non sembra essere in grado né di portare bonus leggeri, né di dare garanzie di sufficienza. Era partito bene, poi ha preso il Covid e da lì ha sempre faticato. Sia chiaro che Muldur non è che stia facendo molto meglio; a Bergamo è crollato con tutta la difesa e a livello offensivo ha creato solo un pericolo in 90′. Però quel pericolo intanto lo ha creato, e l’occasione era ghiotta. Quindi, dando a Cesare quel che è di Cesare, se Muldur almeno può portare qualche aspettativa fantacalcistica, Toljan al contrario ha bisogno di ritrovarsi almeno nel rendimento.

BOURABIA, LOPEZ, MAGNANELLI, OBIANG: già il ballottaggio non rende facile capire chi giocherà. Mettiamoci poi che i mediani del Sassuolo non sono quegli elementi particolarmente appetibili al fantacalcio. I bonus sono più unici che rari, i cartellini sono sempre dietro l’angolo, e raramente il voto si discosta molto dal 6 (se non per andare sotto). Crediamo che prenderli in considerazioni sia pressoché inutile.

PERIN: nonostante le prestazioni altalenanti della squadra, lui non ha mai avuto particolari colpe. È anche vero, però, che soltanto a Verona ha sfoderato una prestazione da ‘vecchio Perin’, con balzi da felino e miracoli con la punta delle dita. Contro un Sassuolo in cerca di riscatto, se l’approccio dei rossoblù sarà incerto come contro la Lazio, potrebbe diventare – a tratti – un tiro al bersaglio. Meglio non rischiare.

NAPOLI – SPEZIA

I MEDIANI PARTENOPEI: Solito discorso per i mediani quando si gioca con il 4231, Bakayoko nello specifico è praticamente relegato a svolgere esclusivamente compiti difensivi e non è sembrato nemmeno in palla contro il Cagliari. Il rischio di un cartellino giallo poi sia per la posizione che per caratteristiche del giocatore è sempre un rischio da tenere presente. Discorso leggermente diverso invece per Fabian che ha più liberta di staccarsi dalla linea e farsi vedere a limite dell’area da dove ha impensierito più di una volta Cragno, fra il 2 e il 3 in pratica.

ALL-IN AZZURRI: E’ vero, la partita è particolarmente invitante ma occhio a sbilanciarvi mettendo in campo tutto il Napoli che avete senza considerare le alternative. Schierare due giocatori offensivi è l’unica eccezione consigliata per i motivi che abbiamo detto finora, per il resto occhio perché non sarebbe la prima volta negli ultimi anni assistere a una debacle inaspettata degli azzurri. Siete avvisati!

TERZI: Rientra dopo la squalifica il nostro capitano dopo essersi riposato contro l’Hellas. La partita si preannuncia molto dura e di sacrificio. Lo inseriamo negli sconsigliati di giornata poichè continua a non dare le garanzie dovute, lo svarione è spesso dietro l’angolo purtroppo, non regge più tutti i 90′ e lo si vede benissimo, speriamo se ne accorga presto anche il mister, lasciando spazio e largo ai giovani!

MILAN – JUVENTUS

ROMAGNOLI: Ancora prestazioni fra alti e bassi per il capitano. Dopo un avvio di stagione problematico, si era riassestato su buoni livelli. Col Benevento invece è andato in difficoltà contro Lapadula. Ora avrà di fronte CR7, che ha iniziato alla grande il 2021. Diversamente dal compagno di reparto Kjaer offre meno garanzie di rendimento e vi suggeriamo di dargli un turno di riposo stavolta. Il voto comunque è sicuro, quindi se siete in emergenza schieratelo pure e pregate in una serata storta del portoghese.

KRUNIC: È vero, fare il mediano non è il suo ruolo naturale. Però partita dopo partita sembra sempre più evidente come Rade sia inadeguato a giocare in una squadra di vertice. Contro la Juventus potrebbe soffrire parecchio. Se siete costretti a schierarlo comunque significa che qualche problema lo avete.

SZCZESNY: Il clean sheet è una chimera da troppo tempo per il portiere bianconero e in casa della capolista sarà dura uscirne indenne,  due reti sul groppone possono essere messe in preventivo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy