Consigli Fantacalcio 12a giornata – Le Possibili Sorprese Fantamagazine

Saranno +3 insperati o delusioni? Ecco tutte le possibili sorprese della 12a giornata di campionato.

di Stefano Martelli, @Ste1983NO

Mancano poche ore all’inizio della dodicesima giornata della stagione 2020-2021 di Serie A e, con essa, arrivano anche anche i nostri consigli Fantacalcio. La redazione di Fantamagazine, infatti, per ogni turno di campionato vi proporrà gli sconsigliati, i consigliati ed uno speciale per analizzare tutti le possibili sorprese delle schede partita targate Gruppo Esperti (che potete trovare QUI).

CONSIGLI FANTACALCIO 12a GIORNATA – LE POSSIBILI SORPRESE

In questo appuntamento scopriremo insieme quali giocatori possono essere possibili sorprese per la 12a giornata di Serie A. Vi ricordiamo inoltre che potete seguire i nostri consigli nel modo che più preferite, sulla pagina Facebook di Fantamagazine o sulla nostra pagina Instagram.

UDINESE-CROTONE

NESTOROVSKI – LASAGNA – DEULOFEU: in una partita decisamente alla portata per l’Udinese, è arrivato il momento di avere qualche bonus dalle punte. Nesto si è sbloccato a Torino, Deulofeu ha portato un assist e Lasagna ha avuto un’occasione nei pochi minuti in cui ha giocato. Anche dalla panchina, sono il vostro terzo slot ideale per questa giornata.

SIMYRIVIERE : Il gigante nigeriano non è al massimo della sua forma. Lo si vede aggirarsi anche sulla trequarti per far respirare la squadra o in pressione sui centrocampisti. Utilissimo, senza dubbio, ad attirare uomini per gli inserimenti di Messias. Manca però l’appuntamento con il gol da troppo tempo, ma è coinvolto in ogni azione d’attacco. La partita non è facile, mancherà Nuytinck, quindi il suo diretto marcatore sarà Bonifazi che ben si è distinto nell’ultima partita. Sarà un duello interessante, difficile per il nigeriano, il quale però non parte sconfitto. I rigori, inoltre, sono sempre dalla sua.
Riviere ultimamente sta subentrando a partita praticamente terminata. La sua presenza potrebbe implicare la coesistenza di quest’ultimo con Simy e Messias per dare ossigeno ad un attacco molto carente fino a due giornate fa. Tutti aspettano di vederlo di nuovo all’opera: aveva fatto molto bene fino ai ripetuti stop che hanno condizionato la sua avventura pitagorica finora.

BENEVENTO-LAZIO

IAGO FALQUE: Finalmente ritorna in campo e mette in mostra tutta la sua qualità. Come più volte detto, la sua esperienza e le sue abilità sono ora per noi, il problema sono i suoi guai fisici. Che parta titolare o meno, magari la sua agilità potrebbe dar grattacapi agli avversari. Per cuori forti.

LETIZIA: Macina km fin dalla prima partita e, tutto sommato, sta avendo anche un buon rendimento. Che il nuovo assetto difensivo gli sia anche più congeniale? Sicuramente la presenza di Barba sull’altra fascia, gli permette di attaccare di più, ma non è solo questo. Poche sbavature e concentrazione sempre alta, lo rendono perfetto per farci fare una brutta figura, visto che lo inseriamo qui in una partita di questo genere.

HOEDT: Follia? Sì Intuizione? Forse. L’olandese è ‘l’uomo della Champions’, Hoedt, infatti, da quando è stato spostato centrale ha ridotto a zero gli errori difensivi e ha messo in mostra le proprie qualità. In Champions League è sempre stato preferito a Radu e ha formato una coppia assai solida con Acerbi, mettendo in luce tutte le proprie capacità e dimostrando come le ‘colpe’ della scarsa tenuta difensiva laziale siano da imputare ai singoli piuttosto che al reparto o all’impostazione di gioco bianco-celeste. Con il Benevento sarà chiamato a dirigere una difesa che appare tutt’altro che solida, ciononostante già con il Verona ha mostrato una certa solidità. Ottimo piede, buon senso dell’anticipo e tantissima decisione nei contrasti. Da centrale può impostare tranquillamente l’azione, rimanendo dietro ed evitando sortite offensive a lui non congeniali. In fase difensiva ha libertà di anticipo, movimento in cui è molto bravo e non gli è richiesto di difendere con molto campo alle spalle o di allargarsi eccessivamente. Con attaccanti classici, come Favilli e Lapadula si trova davvero a suo agio e se mantiene l’attenzione per 90′ può uscirne vincitore. La prestazione difensiva della Lazio passerà dai suoi piedi e dalla sua tranquilità, motivo per cui, qualora dovesse vincere il duello individuale con Lapadula, potrebbe anche uscirsene, considerato i suoi compagni di reparto, con un voto da modificatore. Ovviamente è un rischio, non lo neghiamo, ma pensiamo possa avere le capacità e la maturità necessaria per affrontare questa situazione. Come terzo difensore in rosa potrebbe essere interessante.
Ah da giovane giocava seconda punta e sulle palle inattive è abbastanza bravo…

PAROLO: In vista del Napoli e in virtù del recupero di Luis Alberto ci risulta difficile immaginare che la Lazio inserisca nuovamente il centrocampo titolare. Presupponendo che Milinkovic parta dalla panchina se fosse titolare Luis Alberto che ha ‘riposato’ con il Verona, Parolo potrebbe avere la sua occasione da mezz’ala. Fin qui il ‘jolly di Inzaghi’ ha ricoperto prevalentemente il ruolo di mediano o di terzo centrale, ma non ha affatto sfigurato quando è stato schierato da mezz’ala. Ricordiamo infatti un 7+assist contro il Crotone in 45′ e il gol dalla distanza in Champions League contro lo Zenit. Abbiamo la fortuna di conoscere e di avere indicazioni sulla formazione della Lazio prima del limite della comunicazioni delle formazioni del fantacalcio, per cui qualora dovesse giocare mezz’ala, Parolo potrebbe essere davvero interessante. Marco ha perso la sua facilità di corsa, ma non l’intelligenza tattica e le capacità di inserimento, come dimostrano le prestazioni con il Crotone e con lo Zenit. Come quarto centrocampista se giocasse mezz’ala e lo avete in rosa, noi vi consigliamo di schierarlo.

CAICEDO: Il Panterone con il Verona ha mostrato tutte le contraddizioni insite nel giocatore stesso. Partita totalmente anonima per 60′ e clamoroso gol su una palla crossata – abbastanza a caso – in area di rigore. Girata fulminea e pallone all’angolino basso che ha trasformato la prestazione anonima di Caicedo in un 6.5+3. Insomma ha mostrato perché da un lato non è in grado di giocare titolare, ma come ciononostante possa essere decisivo in qualsiasi momento in virtù delle proprie caratteristiche. Come diciamo da inizio anno la sua gestione è assai complicata, perchè si tratta di un giocatore da 8-9 gol che può essere un buon terzo nelle leghe a 10, ma va sempre schierato e sempre coperto e per il quale è necessario accettare i 5 che arrivano nel momento in cui non segna. Tuttavia con il Benevento dovrebbe partire titolare – utilizziamo anche qui il condizionale perché lasciare Ciro in panchina è assai complicato – nonostante le partite ravvicinate e il big match con il Napoli di domenica prossima. Con i Campani se la vedrà con Glik, duello assai fisico e più complesso di quanto possa apparire sulla carta. Tuttavia, sia che giocasse titolare sia che partisse in panchina e sostituisse intorno al 60′ Immobile, è in fiducia e pensiamo che avrà occasione di far male al Benevento. D’altronde col Crotone ha avuto una limpida occasione, con lo Spezia il gol gli è stato annullato per un fuorigioco di pochi mm e con il Verona ha gonfiato la rete, segno che le occasioni non mancano. Ecco a voi il terzo attaccante per questa giornata. A nostro modo di vedere sta volta eccezionalmente può essere schierato perfino senza copertura, ma se l’avete è sempre meglio.

JUVENTUS-ATALANTA

MORATA : Fresco e riposato avrà la possibilità di tornare dal primo minuto , Alvaro è cresciuto veramente tanto in fatto di personalità e pericolosità. Il lavoro che fa è determinante per tutta la squadra. Può tornare alla rete.

MALINOVSKYI: Diciamocelo con tutta franchezza. Secondo noi sia Pessina che l’ucraino ne gioveranno dell’assenza “forzata” di Gomez e Ilicic. Noi pensiamo che possa far bene anche contro una difesa non irresistibile bianconera. Può scapparci un eventuale bonus. Nulla è per scontato nella vita, figuriamoci nel fantacalcio, ma fin quando il ferro è caldo, va battuto senza pensarci.

ZAPATA – MURIEL: A molti balzeranno gli occhi sul fatto che ai colombiani gli abbiamo assegnato un indice 4/5. Bene, adesso ve lo spieghiamo. Contro una difesa non di ferro come quella della Juve, i candidati principali a poter sfruttare un bonus sono proprio i colombiani. Ovviamente parliamo al plurale per una semplice questione. Non c’è certezza se il mister faccia schierare entrambi o solo uno, quindi ovviamente siamo sempre alle solite su chi gioca e chi no. Ma noi vogliamo essere positivi, perché comunque l’Atalanta ritornerà ad essere una macchina da gol, è nulla ci vieta che entrambi, possano far bene.

FIORENTINA-SASSUOLO

DRAGOWSKI: Un nome tra le Possibili Sorprese volevamo metterlo, e per questo abbiamo optato per Bartłomiej, miglior giocatore della squadra in questo momento ed unico motivo per cui la Fiorentina si è limitata a subire diciannove gol in questo inizio di stagione. Tra i portieri che finora hanno giocato tutte le partite di campionato, è nella Top 5 per Media Voto. Infatti, la sua MV è 6.27 con FC e 6.35 con la Gazzetta dello Sport, rendendolo di fatto attualmente uno dei migliori portieri per il modificatore di difesa. Detto questo, contro il Sassuolo minimo 1-2 gol subiti sono da tenere in considerazione, con ovviamente il rischio che questo numero salga pure a 3. Per questo motivo, è da tenere in considerazione solo per il modificatore di difesa, nella speranza che anche questa giornata porti a casa un 6.5-7. Chissà.

CONSIGLI: Incredibile a dirsi ma il Sassuolo è al momento la quinta miglior difesa del campionato, e i 5 clean sheet nelle ultime sei gare, ci inducono a considerare Consigli in maniera diversa da come la squadra di De Zerbi ci aveva abituati, e tra l’altro vale sempre la regola che vede il portiere neroverde subire meno gol in trasferta. Attenzione però, perché delle ultime 5 porte imbattute, va detto che gli avversari di occasioni per segnare ne hanno avute tante, basti pensare al Verona, al Napoli e in ultimo, venerdì scorso, il Benevento, per cui non facciamoci prendere da facili entusiasmi, anche perché questa squadra nel suo DNA ha certamente una più decisa attitudine ad attaccare; sebbene, in questo periodo in cui il Sassuolo sta facendo un enorme fatica in fase offensiva, sta prestando molta più attenzione a quella difensiva, ragion per cui il fatto che sta subendo meno gol, non è frutto della casualità. Forse non riuscirà a non subire gol anche a Firenze, ma ci sono buone probabilità si fermi ad un solo gol subito.

GENOA-MILAN

SCAMACCA: il ‘magic moment’ è finito, e Scamacca in campionato è a secco da ben 5 partite. Il giovane attaccante azzurro è parso in calo, e sembra aver perso un po’ di smalto, ma la classe c’è, questo è sicuro: il ragazzo si farà. Il fiuto del gol è il suo forte, chissà che non riesca ad approfittare di una palla vagante e che non punisca la poco collaudata retroguardia rossonera.

DESTRO: ogni volta che è entrato ha dimostrato tanta voglia e cattiveria agonistica, caratteristiche che spesso e volentieri mancano ai suoi compagni. Non è escluso che, visti gli impegni ravvicinati, gli venga data una chance dal primo minuto. L’uomo dai settanta gol in Serie A potrebbe volerne approfittare.

KALULU: Scommessona di giornata. In campo a sorpresa dopo l’infortunio di Gabbia, ha occupato la posizione di centrale, già ricoperta in Europa League, vista la penuria di difensori centrali di ruolo disponibili. Non perfetto in occasione del primo gol, anche se non ha grosse colpe individuali, è poi cresciuto alla distanza giocando un ottimo secondo tempo, mostrando anche discrete qualità tecniche in alcuni disimpegni. Risulta ancora un po’ macchinoso in alcuni movimenti, ma parliamo comunque di un giovanissimo alla sua prima vera esperienza fra i professionisti. A gennaio arriverà con buona probabilità un nuovo centrale, sulle fasce le gerarchie lo vedono sfavorito. E quindi, con un Kjaer che molto probabilmente non verrà rischiato e Gabbia che rivedremo nel 2021, Kalulu si giocherebbe con il Genoa la sua grande chance, probabilmente l’unica da titolare in questo campionato visto l’imminente rientro del danese nelle prossime gare a guidare la retroguardia. Insomma se ci avete puntato: ora o mai più!!! Se non avete grossi nomi da schierare per completare il reparto potrebbe essere un profilo interessante per scommettere su un possibile voto da modificatore, visto che i pagellisti potrebbero premiarlo con quel mezzo voto in più in caso di risultato positivo.

INTER-NAPOLI

BARELLA: Non penso servano spiegazioni per lui che in questa prima parte di campionato è stato il miglior centrocampista nerazzurro per distacco. Nonostante non sia molto propenso al gol, nelle partite che contano è sempre fra i migliori e c’è sempre il suo guizzo sui gol più importanti. Se l’Inter dovesse vincere, sicuramente Barellino sarebbe tra i migliori in campo, con conseguente ottimo punteggio per il fantacalcio

DE VRIJ: Indiscusso top di reparto lo scorso anno, quest’anno ha iniziato non benissimo, penalizzato molto da una fase difensiva che stentava ad ingranare. Col ritorno al 3-5-2 però la squadra sembra aver ritrovato certezze, e soprattutto compattezza; inoltre contro il Napoli ci si aspetta un assetto molto difensivo da parte dell’Inter, che dovrebbe valorizzare i nostri giocatori più arretrati. Nello specifico, in caso di risultato positivo il votone per De Vrij è molto molto probabile!

LOZANO: Ha spaccato letteralmente in due la partita con la Samp: prima di lui il vuoto, dopo di lui il successo. Difficile volerlo togliere dal campo attualmente, sarà molto probabilmente l’arma in più offensiva da usare anche a Milano.

PARMA-CAGLIARI

GERVINHO: Capace di grandi prestazioni e fiammate in grado di fare la differenza e portare bonus, ad altre gare dove non ne azzecca uno è l’insufficienza pare inevitabile. Prendere o lasciare, Gervinho è questo a voi la scelta di schierarlo o meno.

SOTTIL: Bene contro l’Inter, ha anche trovato il gol del momentaneo vantaggio con una grande giocata. Dovrebbe nuovamente toccare a lui in questa, e ha definitivamente i mezzi per mettere in difficoltà la retroguardia avversaria e, chissà, magari portare anche un bonus.

SPEZIA-BOLOGNA

MAGGIORE: L’enfant prodige spezzino non sta vivendo un ottimo inizio di stagione però ha tutto per fare bene nella massima categoria, il senso dell’inserimento e le capacità tecniche di sicuro non gli mancano, e ora è il momento di dimostrarlo. Proprio contro il bologna in coppa italia è arrivata addirittura una doppietta che ha spianato la strada agli uomini di Italiano, chissà che non possa ripetersi anche in campionato

PALACIO: Ha mostrato tutti i suoi limiti nelle scorse partite, non è un bomber e si vede. Spesso ha almeno un’occasione nitida per segnare a partita ma gli manca la freddezza necessaria sotto porta. Prima o poi arriverà il gol, se non avete molte alternative potete schierarlo, visto che difficilmente il suo voto sarà insufficiente, e nella giungla del turno infrasettimanale potrebbe rivelarsi una bella sorpresa.

BARROW: Il momento non è dei migliori per il gambiano, che come tutta la squadra sta attraversando un momento tutto fuorchè felice . Uno dei pochi a salvarsi nella partita con la Roma, anche se ha fatto pochissimo ultimamente per meritarsi la conferma nelle vostre fantarose, ha le caratteristiche giuste per spaccare la partita con una delle sue staffilate da fuori area. E’ più probabile un insufficienza che un bonus, ma vista la situazione ci sembra uno dei pochi che la può risolvere.

VERONA-SAMPDORIA

TAMEZE: Dopo il goal sembrerebbe come sparare alla croce rossa, ma la verità che mette tanto impegno e volontà quando è in campo. Un altro tutto fare per Juric, che gli ha affidato un delicatissimo ruolo da falso nueve che ha interpretato in maniera sua. E aggiungerei benissimo. Anche lui è stato ammaliato dal fascino del serbo e ne giova mettendo in mostra delle buone prestazioni. Difficilmente verrà riproposta la stessa tattica, visto che era stata fatta ad hoc per la Lazio. Quindi non ci aspettiamo il bonus, ma ci aspettiamo un bel voto positivo.

DAMSGAARD: Affidiamoci alla fantasia. Il Ragazzino Danese ha avuto poco tempo per incidere contro il Napoli ma avrà forze fresche da usare contro il Verona. La Samp ha estremo bisogno di qualche lampo della sua classe che rimetta in moto un meccanismo inceppato. Che parta titolare o che subentri la speranza è che sappia creare qualcosa di imprevedibile che magari facci deragliare una partita che sia nnuncia fin troppo tattica.

ROMA-TORINO

PEDRO: Si sentirà più carico che mai dopo aver scontato la squalifica. Secondo noi potrebbe tornare al bonus. Siamo comunque sicuri che un professionista come lui vorrà incidere in questa partita.

RODRIGUEZ: Sia chiaro che in questo momento oltre a Belotti nessun giocatore granata andrebbe minimamente preso in considerazione. Tanto più che ci sono spesso sorprese di formazione ed il turno infrasettimanale non può che amplificarle mettendo tanti giocatori a rischio SV. Dovendo però cercare un outsider, Rodriguez potrebbe essere l’uomo a sorpresa di questa gara. In fase difensiva ci sarà da soffrire ma, con Verdi ancora in differenziato, le punizioni dalla breve distanza toccherebbero a lui che ne è uno specialista, e la Roma ha già subito questo tipo di soluzioni.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy