Cagliari, come cambia il centrocampo senza Castro

Cagliari, come cambia il centrocampo senza Castro

L’infortunio di Castro mette in grande difficoltà Maran, che sarà costretto a rivedere il suo undici di partenza tipo.

di Andrea Riefolo, @Andrea_Rie2
castro-cagliari

“Il calciatore Lucas Castro nella mattinata odierna si è sottoposto ad accertamenti strumentali a seguito dell’infortunio rimediato nell’allenamento di ieri. Gli esami, svolti presso l’Ospedale “Marino” di Cagliari, hanno evidenziato una lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. Come un fulmine a ciel sereno, l’infortunio di Castro scombina i piani di Maran che, con la nuova inquadratura tattica aveva raggiunto ottimi risultati, ottenendo 8 punti in 5 partite, tra cui le fondamentali vittorie casalinghe contro Bologna e Chievo Verona. Vediamo quali sono le soluzioni che il tecnico rossoblù potrebbe utilizzare per il resto della stagione, o fino a quando il mercato invernale non farà arrivare un’altra pedina.

MARAN, LA PRIMA SCELTA: FARIAS O SAU

La prima scelta di Maran sarebbe tornare alle origini, con Joao Pedro trequartista e Farias o Sau seconda punta. In questo caso, sia il brasiliano che l’attaccante sardo avrebbero molto più spazio e garantirebbero il voto quasi ad ogni giornata. Tuttavia, il loro rendimento fin qui è stato molto negativo: l’anno scorso i due hanno segnato solo 3 reti in una stagione (2 Sau e 1 Farias), mentre quest’anno non sono riusciti ancora a trovare la via del gol, nonostante l’abbondante spazio dato loro ad inizio stagione. Il nostro giudizio su di loro quindi non cambia, rimangono sconsigliati, ma nel caso in cui Maran si affidi a loro, avreste un 6° slot da tenere in panchina nel caso vi servisse un voto.

MARAN, LA SECONDA SCELTA: FARAGÒ O DESSENA

La seconda scelta, non per ordine di importanza, sarebbe mantenere l’assetto impostato dalla partita contro il Bologna in poi, con Joao Pedro seconda punta, Ionita trequartista e uno tra Faragò e Dessena mezzala destra (contro il Torino è stato utilizzato Dessena, ma Faragò era indisponibile, ndr).

Questa soluzione farebbe salire notevolmente l’appetibilità di Faragò, un giocatore listato difensore che non ha mai disdegnato la proiezione offensiva, come dimostrano i tanti gol fatti col Novara in questa posizione (12 in 56 partite). Per Dessena invece, il discorso cambia: fantacalcisticalmente non è mai stato un giocatore su cui fare affidamento, a parte le primissime stagioni con la maglia del Cagliari, questo cambiamento fa solo aumentare le sue possibilità di voto, quindi si potrebbe acquistare esclusivamente come 8° slot in leghe numerose, da lasciare come ultimo panchinaro.

Un’ultimissima possibilità da prendere in considerazione è l’avanzamento di Padoin a mezzala destra, suo ruolo d’origine: in questo caso sarebbe Lykogiannis a giovarne, diventando titolare inamovibile della fascia sinistra.

CASTRO: COSA FARE AL FANTACALCIO?

La risposta è purtroppo scontata, il suo stop è valutato intorno ai 4-5 mesi, il che vuol dire stagione finita per lui. Il consiglio è di cederlo al primo mercato di riparazione, una grossa perdita sia per il Cagliari, che per i suoi possessori, che avevano appena iniziato a godere della sue giocate.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy