Boateng: il Sassuolo ha il suo attaccante

Boateng: il Sassuolo ha il suo attaccante

Disamina sul nuovo ruolo del giocatore del Sassuolo, listato centrocampista.

di Niccolò Villani, @WillyBlueEyes

Ha destato scalpore l’annuncio dell’accordo, qualche settimana fa, che ha ufficializzato l’acquisto dell’ex giocatore del Milan Kevin-Prince Boateng da parte del Sassuolo. Scalpore dovuto sia alla storia sportiva del giocatore, che a Milano ha fatto intravedere colpi da grande giocatore per poi affrontare alcuni anni meno appariscenti con lo Schalke 04, sia alla sua vita fuori dal campo, spesso sotto i riflettori, assieme alla moglie Melissa Satta.
Dopo due anni tra Spagna e Germania, al Las Palmas e all’Eintracht Francoforte, Boateng è tornato in Italia per vestire la maglia della squadra emiliana. E qui, dal punto di vista fantacalcistico, le prime amichevoli hanno nuovamente creato un certo scalpore, misto a curiosità ed entusiasmo, specialmente tra gli appassionati di fantacalcio.

BOATENG ATTACCANTE?

Ebbene sì, la novità che tanto ha intrigato gli appassionati è proprio la posizione in cui è stato provato Boateng: attaccante centrale. Probabilmente non è da intendersi come la classica punta d’area, in quanto agirà probabilmente da “falso nueve”; però lo stesso De Zerbi ha chiaramente detto come l’undici titolare provato nelle prime amichevoli, sia per lui la formazione ideale al momento, con tutti i giocatori nei rispettivi ruoli. Quindi, l’ex allenatore del Benevento vede Boateng al centro dell’attacco. Non male, contando che è stato listato tra i centrocampisti.

In realtà, Boateng ha già giocato in quel ruolo nelle ultime due stagioni, sebbene in maniera alternata, ma con ottimi risultati. Infatti, in entrambe le stagioni è stato inserito nella Top 11 dei rispettivi campionati. Ancora più interessante è il discorso legato al numero di reti e presenze. Se al Las Palmas ha totalizzato 10 reti in 28 presenze, mentre a Francoforte 6 goal in 31 partite, in Spagna sono state 12 le apparizioni da attaccante centrale, mentre in Germania solo 6. Questo ci porta a pensare che, se dovesse giocare tutta la stagione in quella posizione, i bonus potrebbero essere numerosi da qui a fine campionato.

BOATENG AL FANTACALCIO

Tuttavia, nonostante le premesse allettanti, non ce la sentiamo di considerare Boateng un top di reparto al fantacalcio, in quanto persistono alcune incognite importanti. Prima su tutte, continuità di rendimento e tenuta fisica. A parte le ultime due stagioni, Boateng ha spesso vissuto di alti e bassi, sia al Milan che allo Schalke; inoltre, se nell’ultimo anno in Germania ha perso solo due partite per infortunio, in Spagna due anni fa ne ha saltate 8, e ancora prima 10, sempre in Germania con la squadra di Gelsenkirchen. Altro punto debole, che non gli permette di essere tra i primissimi centrocampisti del fantacalcio, è l’eccessivo numero di cartellini che colleziona durante la stagione. In carriera, si parla di una media di un’ammonizione ogni quattro partite. Addirittura al Las Palmas, dove giocava tra l’altro molto avanzato, si è preso 10 ammonizioni in 28 gare; un numero esorbitante per un attaccante.

Infine, ci sono due fattori indipendenti da lui, ma che hanno un peso importante, ovvero la squadra in cui gioca e la concorrenza che dovrà affrontare. Nel primo caso, dobbiamo sempre ricordare che il Sassuolo è una “piccola”, e che quindi avrà un rendimento altalenante, che inevitabilmente coinvolgerà anche i propri giocatori, anche in termini di ruoli. In questo senso, non è da escludere un possibile ritorno a centrocampo qualora la squadra non dovesse girare a dovere con questo assetto. Per quanto riguarda la concorrenza, Babacar non si può definire una riserva vera e propria, sia per l’ingente spesa intrapresa dal Sassuolo per portarlo in Emilia (circa 10 milioni), sia perché ha caratteristiche molto diverse da Boateng, essendo un attaccante puro. Per questa ragione, De Zerbi potrebbe optare per l’ex Fiorentina qualora la partita necessitasse di un attaccante maggiormente di peso. Per queste ragioni, eviteremmo di trattare Boateng come un vero top di reparto.

Premesso ciò, Kevin-Prince è assolutamente consigliato in tutte le leghe, dove può occupare tranquillamente il 2° slot in leghe a 10 o più giocatori, e il 3° slot in quelle con un numero di giocatori inferiore. Parliamo di un centrocampista che, se non incontra le eventuali difficoltà sopra delineate, può portare ai propri possessori anche la doppia cifra in termini di reti segnate. A livello di percentuale di budget è molto difficile fare una previsione, perché alcuni fanta-allenatori potrebbero farsi particolarmente ingolosire dal nuovo ruolo. Tuttavia il prezzo difficilmente starà sotto il 6% del budget, ma non dovrebbe salire oltre il 10%, con una percentuale di spesa consigliata intorno all’8%.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy