Benevento, arriva De Zerbi: ecco cosa cambia al fantacalcio

Esonerato Baroni, via anche il ds Di Somma: inizia il nuovo corso targato De Zerbi, che cosa cambierà in ottica fantacalcistica?

di Alessio Ambrosino, @aleambrosini

Dopo una partenza storica, purtroppo dal punto di vista negativo, è arrivato l’esonero per Marco Baroni dalla panchina del Benevento. Il tecnico toscano lascia il Sannio dopo aver condotto i giallorossi in Serie A, ma troppo pesante il passivo accumulato in queste giornate, che recita 0 punti, 2 gol segnati e 22 subiti. Arriva sulla panchina della Strega Roberto De Zerbi, che deve in qualche modo invertire la rotta già dalla gara di Cagliari. Come cambieranno gli scenari al Fantacalcio?

ROBERTO DE ZERBI, MODULI E CARATTERISTICHE TATTICHE

Il credo calcistico di Roberto De Zerbi si è sempre basato sul 4-3-3. Due le esperienze da allenatore per l’ex giocatore, tra le altre, del Napoli: dapprima sulla panchina del Foggia, nella nostra Lega Pro, per poi giungere per poche gare in Serie A sulla panchina del Palermo. Ma è soprattutto allenando la compagine rossonera che il tecnico bresciano ha avuto le più grosse soddisfazioni della sua carriera. Un gioco spumeggiante, fatto di sovrapposizioni sulle fasce, e di tecnica in avanti al servizio dell’unica punta, che per tantissime gare è stata proprio quel Iemmello che l’allenatore bresciano ritroverà con sé a Benevento. Durante le 13 gare in A con il Palermo, ha sperimentato anche la difesa a 3, con risultati piuttosto deludenti, frutto anche dell’inadeguatezza degli elementi a disposizione.

DE ZERBI A BENEVENTO: COSA CAMBIA AL FANTACALCIO

In un’intervista rilasciata poco fa al canale televisivo Ottochannel, il neo tecnico giallorosso si è così espresso: “L’impresa è quasi impossibile ma è stimolante. La squadra, soprattutto quando rientreranno tutti gli infortunati, non vale l’ultimo posto in classifica e per il modulo, oltre al mio classico 4-3-3, potrei provare anche altre soluzioni ma per questo attendo prima di conoscere i calciatori.

Nonostante abbia dichiarato di voler provare altre soluzioni, possiamo dire che molto probabilmente sarà proprio il 4-3-3 il modulo di riferimento già dalla partita contro il Cagliari di mercoledì. Baroni nelle ultime gare aveva già provato questo schieramento, senza successo, anche per l’assenza di uomini chiave come D’Alessandro e Ciciretti. Ed è proprio per loro due che questo avvicendamento in panchina potrebbe risultare positivo, dato che le ali offensive vengono molto sollecitate nel gioco di De Zerbi: un esempio è Vincenzo Sarno, ex enfant prodige che proprio sotto la sua guida ha avuto delle ottime stagioni in Lega Pro.

Proprio per l’avanzata della manovra offensiva sulle fasce, anche terzini di spinta come Di Chiara, che già conosce il nuovo mister dai tempi di Foggia, ma soprattutto Gaetano Letizia, che sta deludendo i suoi possessori con pessime prestazioni, potrebbero beneficiarne in termini di rendimento.

Ma è ovvio che all’occhio del fantallenatore più attento balzano subito le statistiche che Pietro Iemmello ha avuto al Foggia proprio con il neo tecnico giallorosso: 77 presenze e 53 gol in tutte le competizioni, davvero un ruolino di marcia impressionante che ha permesso all’attaccante ex Sassuolo di guadagnarsi le sue chance nella serie maggiore. Il gioco di De Zerbi esalta la prima punta, e chi meglio di Iemmello può conoscere i dettami tattici del nuovo allenatore.

L’impresa è di quelle impossibili, ma il presidente Vigorito ha finalmente deciso di cambiare marcia: basterà questo ai giallorossi per riuscire almeno a proseguire degnamente il campionato?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy