Milan, Gattuso: “Domani Higuain sarà in campo, Paquetà mi ha sorpreso”

Milan, Gattuso: “Domani Higuain sarà in campo, Paquetà mi ha sorpreso”

Il tecnico rossonero ha parlato del match di Coppa Italia contro la Sampdoria.

di Fabiola Graziano
Gattuso Milan 2018

Intervista fiume quella rilasciata da Gennaro Gattuso ai microfoni di Milan TV alla vigilia dell’ottavo di finale di Coppa Italia contro la Sampdoria. La trasferta a Genova nasconde insidie, ma il tecnico rossonero vuole che il suo Milan se la giochi a viso aperto, consapevole del glorioso cammino fatto lo scorso anno nella stessa competizione e forte di un valore aggiunto come Paquetà.

LE PAROLE DI GATTUSO

Sulla partita: “La squadra si è presentata molto bene alla ripresa degli allenamenti. Ora abbiamo una gara molto difficile in casa della Sampdoria: ce l’andiamo a giocare, consapevoli che affrontiamo una squadra che ha fatto molto bene in questo periodo. Non andiamo a Genova in vacanza, ma a disputare una competizione a cui teniamo. L’anno scorso la Coppa Italia ci ha dato una delusione pazzesca ma anche delle gioie. Speriamo nella qualificazione: è vero che giocheremo contro una squadra in salute, ma anche noi scenderemo in campo con la migliore formazione per dire la nostra”.

Sugli indisponibili: “Per Suso non parlerei di pubalgia: ha il solito problema che lo attanaglia da un mese a questa parte, ha un’infiammazione al pube che gli sta dando fastidio e in questo momento deve guarire bene. Da quando siamo tornati non si è mai allenato con la squadra, aveva già stretto i denti contro la SPAL, ma adesso non è in condizione di scendere in campo. Caldara e Biglia hanno fatto una risonanza: stanno andando molto bene, penso che tra 25-30 giorni saranno a disposizione”.

Su Conti: “Adesso c’è il tormentone di Andrea Conti. Tutti si dimenticano cosa ha passato: in un anno ha avuto due interventi. Andrea deve essere contento di quel che ha fatto nel finale del 2018, era impensabile che facesse degli spezzoni di gara e invece… In questo momento devo essere bravo io a dargli continuità, a dargli minuti nelle gambe. Non corriamo, non abbiamo fretta, non dimentico quello che ha passato e la fatica che abbiamo fatto per riaverlo a disposizione”.

Su Higuain: “Gonzalo si è presentato bene: se non si fosse allenato come piace a me, non avrei preso la decisione di farlo scendere in campo contro la Sampdoria. Ci sono delle chiacchiere che lo riguardano in questo momento, ma vedo come si allena, la disponibilità che mi dà e la professionalità che ci mette. Il resto sono cose sue, di suo fratello, del suo procuratore che parla con Leonardo: spero che rimanga al più lungo possibile con noi, ma se non sarà così, vedremo. Fin quando sarà qua e ci metterà questa professionalità, per me non sarà un problema”.

Su Paquetà: “È un giocatore sveglio e con caratteristiche ben precise. Sembra un giocatore europeo e non brasiliano, fa le giocate da brasiliano, ma sa tenere bene il campo, abbina qualità a forza fisica, recepisce subito, ha la calamita, il cervello gli funziona bene anche a livello tattico. Questo è qualcosa di importante. Sono sorpreso: è un giocatore di 21 anni che è arrivato al Milan dimostrando di possedere già professionalità e carisma. Vuole sempre la palla, si fa sempre vedere, si propone, rincorre gli avversari. Abbiamo fatto un grandissimo acquisto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy