Focus on: Birkir Bjarnason, un vichingo Islandese in terra francese

Focus on: Birkir Bjarnason, un vichingo Islandese in terra francese

Il centrocampista del Basilea arriva all’Europeo alla conclusione di una delle sue migliori stagioni in carriera

Forte centrocampista classe 1988, Birkir Bjarnason è una conoscenza del nostro calcio avendo militato per 3 stagioni in Italia con le maglie di Pescara e Sampdoria. Sempre nel giro della nazionale maggiore, dopo aver attraversato tutta la trafila dei settori giovanili, ha esordito nel 2010 e da allora ha collezionato 46 presenze condite da 6 reti; non male per un centrocampista che fa della grinta e della potenza fisica le sue principali armi. Dopo l’ottima stagione trascorsa a Pescara (39 presenze e 13 gol) conclusasi con la finale playoff di serie B persa contro il Bologna, la scorsa estate Bjarnason è stato acquistato dal Basilea per una cifra intorno ai 2 milioni di euro. In terra Svizzera il centrocampista islandese ha saputo confermare ancora una volta una certa confidenza con il gol mettendo a segno la bellezza di 13 reti in 43 presenze.

Birkir Bjarnason: caratteristiche tecniche

Giocatore combattivo e grintoso, Bjarnason si disimpegna principalmente in mezzo al campo come incontrista o come mezz’ala di inserimento (sia destra che mancina). Sebbene le sue caratteristiche siano prevalentemente quelle di un centrocampista di rottura, Bjarnason possiede una buona tecnica di base che gli permettere di rendersi utile anche in fase di impostazione (certo, non aspettatevi un Pirlo) e in zona assist (5 lo scorso anno a Basilea). In grado di calciare con entrambi i piedi, l’islandese è particolarmente abile nel colpo di testa nonostante un’altezza (182cm) non proprio da granatiere.

Birkir Bjarnason: che utilità al Fantaeuropeo?

Partiamo dai punti fermi. Non stiamo parlando né di un campione da prima fascia, né della stella assoluta della squadra (ruolo che dovrebbe spettare al compagno di reparto Gylfi Sigurdsson). Parliamo tuttavia di un buon centrocampista che da due stagione consecutive va in doppia cifra e che negli ultimi anni ha decisamente affinato le proprie doti realizzative. La sua titolarità, nel 442 disegnato da Lagerback, non sembrerebbe in discussione e il girone di appartenenza (Gruppo F) composto da Portogallo, Ungheria ed Austria non appare poi così proibitivo. La nostra sensazione è che Birik potrebbe costituire un buon terzo slot all’interno delle vostre fantarose.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy