Belotti, il canto del ”gallo” contro la sfortuna

Belotti, il canto del ”gallo” contro la sfortuna

Prestazione di livello contro la SPAL dell’ariete torinese, nella speranza che possa essere l’inizio di una rinascita dopo un’annata sottotono

di Claudio Cutuli

Per l’attaccante granata, spesso e volentieri finito sotto la lente d’ingrandimento della critica, non è stata una stagione affatto semplice: dalla mancata qualificazione ai Mondiali fino alla distorsione al ginocchio destro patita a dicembre, che ne ha minato le certezze non facendolo esprimere al meglio. Ma il periodo ”no” pare ormai essere alle spalle.

BELOTTI, GRINTA E DETERMINAZIONE 

Il sigillo contro la SPAL gli è valso la decima rete stagionale. Andando a scorrere le sue statistiche, balza subito all’occhio un particolare: il ”gallo” ha realizzato ben 9 reti su 10 in partite casalinghe, mentre ha maledettamente faticato nelle gare esterne. Non solo gol nel suo ”curriculum’‘, però: Belotti è stato in grado di vestirsi anche da uomo assist, dimostrandosi ancora una volta un attaccante non statico e capace di seguire l’azione con i tempi giusti. Per lui sono stati quattro i servizi vincenti per i compagni, con De Silvestri che ha beneficiato di un pallone che chiedeva soltanto di essere spinto dentro.

Sono numeri, questi, che qualificano una prima punta completa sia al Fantacalcio che per gli equilibri in una squadra. Contro i biancazzurri, dove la porta di Gomis pareva davvero stregata, non si è lasciato intimorire ed ha dimostrato tutte le qualità da leader che lo hanno contraddistinto la passata stagione. Fino a ritrovare la gioia personale dopo più di un mese di digiuno.

Risulta emblematico il 7 assegnatogli nelle nostre pagelle, che ha voluto sottolineare ancora una volta la sua bella prestazione:

”Gol, assist e tanta voglia di ben figurare: è bravo a non arrendersi di fronte ad un super Gomis. Berenguer premia il suo inserimento in area che gli vale il meritato ritorno al gol”.

BELOTTI, COSA ASPETTARSI DALL’ULTIMO TURNO

Contro il Genoa, già ampiamente salvo, ci si aspetta una partita dai ritmi bassi: fin qui, nonostante il Toro non abbia più nulla da chiedere al Campionato, si è vista una squadra gagliarda e che ha sempre messo in pratica i dettami tattici del nuovo mister. Sicuramente il ”gallo” vorrà dare il definitivo calcio alla sfortuna con l’ennesima rete in maglia granata. Che possa essere la rete dell’addio? Così non sembrebbe….

BELOTTI, FUTURO IN BILICO?

A fine partita, rispondendo alle domande dei giornalisti, mister Mazzarri ha lasciato intendere una possibile riconferma per il ”gallo”, che continuerebbe ad essere un pezzo pregiato anche delle aste estive fantacalcistiche:

”Il rendimento di Belotti? Quest’anno è stato particolare per lui: nonostante mille problemi è andato comunque in doppia cifra. Un’eventuale permanenza qui? Beh, se il ragazzo è motivato ben venga che rimanga e che possa darci una mano per gli obiettivi prefissati. Voglio uno spogliatoio omogeneo, dove tutti siano orgogliosi della maglia granata”.

Lo stesso Belotti ha, infine, chiosato sulla possibilità di rimanere in maglia granata, dichiarando:

 “Potevamo andare in Europa quest’anno con questa squadra ma non ce l’abbiamo fatta. Lavoreremo per l’Europa League il prossimo anno, ci riproviamo. Futuro? Io sono un calciatore del Torino, ho un contratto fino al 2021”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy