Inter, Spalletti: “Nainggolan è forte, Lautaro è in via di guarigione”

Inter, Spalletti: “Nainggolan è forte, Lautaro è in via di guarigione”

Il tecnico nerazzurro è intervenuto alla vigilia del match casalingo contro il Parma, che aprirà la quarta giornata di Campionato.

di Fabiola Graziano

Ingranata la marcia a fatica in questo avvio di stagione, e recuperate alcune pedine fondamentali tra cui Radja Nainggolan, l’Inter sembra ormai determinata a fare bene in Campionato e in Champions. Per questo il suo allenatore Luciano Spalletti si affiderà ai suoi uomini migliori, tenendo in considerazione delle energie consumate con le rispettive Nazionali e dei due impegni ravvicinati.

LE DICHIARAZIONI DI SPALLETTI

Sulla formazione di domani e di mercoledì: “Ci sono delle problematiche che già conoscevamo e che vengono dalla settimana precedente alla sosta. Abbiamo trovato tutto quello che avevamo lasciato. La formazione? C’è da vedere la reazione dei singoli, visto che qualcuno si è allenato solo oggi con noi. Va tenuto conto anche delle due partite ravvicinate. Noi abbiamo un numero di calciatori che ci permette di andare a sopperire a questi turni ravvicinati e questi periodi in cui si giocherà ogni tre giorni. Verranno fatte ovviamente delle scelte in base alla doppia partita considerando che il risultato di quella precedente ti condiziona in quella successiva. Mi aspetto che i miei giocatori abbiano importanti motivazioni per come è stata conquistata la Champions e per la dimensione in cui ci ritroveremo”.

Sul Parma: “Sicuramente giocherà con entusiasmo. È un club che ha vissuto momenti gloriosi, per cui ha la completa conoscenza di quello che è il nostro campionato. Ha allestito una squadra che non ha tantissimi giocatori che hanno giocato in questa categoria, ma sono stati presi anche giocatori del calibro di Bruno Alves e Inglese che possono colmare questa mancanza. Gervinho può farci male in ripartenza se non saremo attenti all’equilibrio. Mi aspetto che avendo due esterni veloci e rapidi, giocheranno con la squadra raccolta pronti a ripartire con velocità. Dobbiamo essere bravi a tenere sotto controllo la partita e creare occasioni importanti”.

Su Nainggolan:È un giocatore forte, un giocatore da Inter. Come tanti altri. A voi colpisce di più chi fa gol e questo tipo di giocatore che dà queste vampate. Però poi ci sono altri numeri, la consistenza che mette in partita. Lui può fare ancora meglio, lo conosciamo bene. Ha da migliorare, però è uno che può fare la differenza”.

Su Lautaro Martinez: “È in via di guarigione, ma è chiaro che va valutato di volta in volta. Ancora non siamo in grado di dire se sarà disponibile con il Tottenham. Personalmente la vedo dura. Sono problemi muscolari che se non guariti bene possono comportare una ricaduta importante. La posizione in campo? Non possono giocare tutti e 22. Quando tornerà faremo un’analisi, altrimenti si fa confusione”.

Sulla lista Champions e l’esclusione di Gagliardini: “Ho letto in giro bocciato Gagliardini, bocciato Gagliardini. Si è fatta confusione. Le formazioni io le faccio scegliendo, non bocciando. Voi li bocciate. Gagliardini rimane fuori in base a delle scelte fatte. La lista andava composta di 19 giocatori. Su 19 potevamo prenderne solo 6 tra Gagliardini, Nainggolan, Dalbert, Vecino, Skriniar, Joao Mario e Candreva”.

Su Joao Mario: “Potrà trovare spazio come tutti gli altri giocatori. Questo tour de force riguarda non solo queste due partite. Lui può essere scelto anche per giocare titolare”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy