Pagelle Inter – Lecce 4-0: l’Inter di Conte cala il poker, in gol anche Lukaku! – Voti Fantacalcio

L’Inter vince con un risultato netto la prima partita di questa stagione 2019/2020. Sugli scudi Brozovic, Sensi, Lukaku e Candreva.

di Voti Fantamagazine
Candreva

SFIDA LA REDAZIONE DI FANTAMAGAZINE SU MAGIC
Crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport!


L’Inter vince e convince contro un Lecce arrembante, ma imperfetto soprattutto in fase difensiva. A sbloccare il match è Brozovic e pochi minuti dopo è Sensi a raddoppiare. Il Lecce prova a reagire, ma nel secondo tempo l’Inter dilaga: prima con Lukaku che ribatte in rete un tiro di Lautaro respinto e poi l’eurogol di Candreva.

PAGELLE INTER

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Inter

Handanovic 6.5 – Il Lecce, al di là del risultato, attacca e attacca bene. Sempre reattivo e presente, salva la squadra da alcune situazioni insidiose.

D’Ambrosio 7 – Chiamato a sostituire Godin porta a casa una prestazione che non fa rimpiangere l’ex Atletico Madrid. Decisivo in più di un’occasione su Falco.

Ranocchia 6 – All’ultimo minuto De Vrij dà forfait, ma lui è pronto. Dei tre centrali è quello più insicuro, ma non sbaglia quasi niente.

Skriniar 6 – Partita senza interventi clamorosi, ma anche senza sbavature. Solo Falco nel secondo tempo riesce a saltarlo, ma nonostante la poca esperienza in una difesa a tre, tiene botta con una calma olimpica.

Candreva 7 – Per lui ed Asamoah il gioco del Lecce, troppo stretto sul campo, rende forse tutto un po’ più semplice, ma l’impressione è che sia tutto un altro Candreva rispetto al recente passato. L’eurogol che mette a segno a pochi minuti dal termine ne è la prova.

Vecino 6 – Non la sua migliore prestazione, dei tre centrali di centrocampo il meno in forma, ma è l’unico che nel primo tempo non perde un pallone. Fa il suo, senza infamia e senza lode. Lascia il campo al ventesimo del secondo tempo per Barella.

Brozovic 7 – Con EpicBrozo non si può mai star tranquilli. La qualità non manca mai, a volte lezioso, ma quando ha la palla tra i piedi l’Inter costruisce pericoli. Suo il gol che sblocca la partita.

Sensi 7 – Ottimo esordio per l’ex neroverde. Non parte benissimo, perde alcuni palloni velenosi che avrebbero potuto trasformare il primo tempo in un incubo, ma è capace d’inventarsi un gol per niente scontato. Da quel momento in poi, solo giocate di qualità e invenzioni di livello. Lascia il campo alla mezz’ora del secondo tempo.

Asamoah 7 – Come per Candreva, il gioco del Lecce lo avvantaggia. Al di là di questo dettaglio la sua partita è perfetta. Ogni cross è un pericolo e l’assist per Brozovic è suo. Dal suo lato il Lecce non è mai pericoloso.

Lukaku 7 – Sotto porta si vede poco, gioca molto per la squadra e lo fa benissimo. Ogni volta che prende palla la difesa giallorossa non sembra mai in grado di arginarlo. Sbaglia qualche scelta di troppo, segno che ancora il feeling con i compagni non è al massimo, ma alla prima vera occasione non sbaglia. L’Inter ha il suo nuovo bomber.

Lautaro M. 5.5 – Il peggiore fra i nerazzurri. Ci mette tanta grinta, a volte anche troppa. Finisce con l’innervosirsi facilmente dopo le prime occasioni sbagliate. Il terzo gol dell’Inter nasce da una sua conclusione ribattuta da Gabriel, ma è forse la cosa migliore della sua partita.

Barella 6 – 25 minuti per mettersi in mostra non sono tantissimo. La sua partita è ordinata, pulita e accompagna le due manovre senza sbavature.

Gagliardini 6 – Mandato in campo per Sensi uscito dal campo dolorante. Fa densità in fase difensiva, ma non disdegna qualche inserimento.

Politano 6 – Gioca 14 minuti stentati, ma riesce a mettersi in mostra più e meglio anche di Lautaro Martinez. Propositivo, trova anche un gol che però il VAR annulla a causa della posizione di offside di Lukaku.

A cura di Giovanni Sichel

PAGELLE LECCE

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Lecce

Gabriel 4.5 – Fino alla mezz’ora prestazione accettabile nonostante i 2 gol al passivo. Erroraccio e assist per il terzo gol nerazzurro firmato Lukaku. Partita chiusa ormai.

Calderoni 4.5 – Preferisce difendere e dar man forte alla coppia difensiva in maniera discreta per un tempo. Alla lunga perde su tutti i fronti tanto da concedere un eurogol a Candreva.

Lucioni 5 – Il centrale lotta contro Lukaku e riesce a tenere testa sullo stretto ma quando il belga parte in progressione è un treno frecciarossa senza freni.

Rossettini 5 – Come il collega di reparto. Per fortuna Lautaro Martinez non è in serata in confronto a Romelu.

Rispoli 5 – Soffre Asamoah per tutta la partita. Appoggia l’azione fornendo dei cross interessanti non sfruttati dai compagni.

Petriccione 5 – Lotta, corre ed insegue gli avversari ma non basta. Mostra il suo talento, ma non era questa la serata giusta per esplodere.

Tachtsidis 4.5 – Fermo, lento, rallenta l’azione e non riesce a creare un buon giro palla. Liverani contava molto su di lui.

La Mantia 5 – L’impegno c’è ma gli viene difficile giocare dietro la punta centrale.

Majer 4 – Mai in partita, mai nel vivo del gioco. Certo D’ambrosio e Co. non hanno pietà di lui.

Falco 6 – 60 metri di corsa palla al piede disorientando gli avversari sono un bel biglietto da visita per il bravo Filippo. Cerca di mettere ordine dalla trequarti in sù ma trova di fronte delle rocce che riesce però a scalfire con i suoi colpi di classe. Da seguire attentamente.

Lapadula 6 – Aveva voglia di tornare a giocare e a far parlare di sè ed ha scelto il Lecce per questo. Unisce grinta a movimenti da centravanti ormai consumato. Cerca di saltare Handanovic manco fosse in portiere del palazzo di casa sua e tenta di andare a togliere le ragnatele dal sette ma sarà per un altra volta caro Gianluca.

Farias 3 – 15 minuti di gioco e decide di risanare vecchie diatribe col non più compagno Barella. Espulso senza se e senza ma.

Mancosu 5.5 – Si fa notare per un bel tiro da fuori area finito di poco alto, ma non può molto contro questa Inter.

Benzar 5 – Invisibile, Politano e Asamoah in pochi minuti riescono a metterlo in grave difficoltà. Non era di certo questa l’opportunità da sfruttare.

A cura di Sabino L.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy