Pagelle Fiorentina – Inter 3-3: Muriel e Veretout riprendono l’Inter, ritorna al gol Perisic – Voti Fantacalcio

Pagelle Fiorentina – Inter 3-3: Muriel e Veretout riprendono l’Inter, ritorna al gol Perisic – Voti Fantacalcio

Una Fiorentina mai doma riacciuffa l’Inter con un rigore allo scadere

di Voti Fantamagazine

Le emozioni non si fanno certo attendere allo stadio “Artemio Franchi” di Firenze: dopo appena diciotto secondi l’autogol di De Vrij porta la Fiorentina avanti. L’Inter non ci sta e cinque minuti più tardi pareggia con l’ex Vecino, quindi trova il vantaggio con Politano sul finire della prima frazione. Il rigore realizzato da Perisic, la gran punizione di Muriel e il rigore al fotofinish di Veretout chiudono sul 3-3 una partita pirotecnica.

PAGELLE FIORENTINA

Redazione Voti Fantamagazine: Le pagelle Fiorentina

Lafont 6 – Dopo appena sei minuti Vecino gli piega le mani da distanza troppo ravvicinata per uscire e far propria la sfera. Nulla può sul colpo da biliardo di Politano e sul rigore di Perisic. Trafitto.

Laurini 5,5 – Troppo abbottonato nella sua metà campo, non corre rischi ma ha la colpa di non aiutare i compagni nei momenti di spinta. Visto il risultato, vista la non impeccabile tenuta dell’Inter sulla sua corsia, avrebbe fatto meglio ad essere più intraprendente. Timido.

Ceccherini 5,5 – Dopo diciotto secondi da il là alla discesa di Chiesa che porta la Fiorentina in vantaggio, cinque minuti più tardi è distratto in occasione del gol di Vecino. L’intraprendenza di Martinez gli fa perdere qualche pallone sanguinoso che, per sua fortuna, gli avversari non sfruttano a dovere.

Hugo 5,5 – I mischioni in area sono il suo forte, oggi non riesce a far la voce grossa grazie alla sua presenza. Pur senza commettere errori evidenti, non trasmette sicurezza ad un reparto che, orfano di Pezzella, si affida a lui.

Biraghi 5 – Spinge poco e male, in fase di contenimento gli avversari gli scappano sia verso l’interno che sul fondo. La sua situazione costringe la mezzala di turno a ripiegare e questo permette all’Inter di avere superiorità in mezzo. Nocivo.

Veretout 6,5 – Giornata ardua per lui che deve gestire il possesso e ripiegare costantemente per raddoppiare quando Politano rientra. Tagliato fuori da quest’ultimo in occasione del gol del vantaggio interista, è un po’ vittima delle circostanze in una partita del genere ma, proprio allo scadere, mette la palla sul dischetto e realizza il rigore del 3-3.

Fernandes 5 – Non brillantissimo in mezzo al campo, quest’oggi non riesce a trovare la giocata risolutiva e, anzi, si macchia del fallo di mano che regala all’Inter il rigore che spegne le velleità gigliate.

Benassi 5,5 – Resta nel limbo tra lo spingere e il contenere, non riesce mai a farsi vedere avanti né a dar man forte a Veretout in ripiego. Gara anonima, tipica di quando non riesce a pungere davanti.

Gerson 5 – Non sempre lucido, va a prendersi responsabilità che non riesce a gestire come dovrebbe. In più di un’occasione sono i compagni a metterci una pezza quando lui perde il possesso. Grande passo indietro rispetto all’ultima, confortante, prestazione. Involuto.

Chiesa 6,5 – Solito moto che oscilla sulla corsia di competenza, quando si accende riesce sempre a mettere l’Inter in difficoltà. Parte bene col velenoso passaggio che costringe De Vrij a capitolare ma non riesce a mantenere la stessa intensità per tutta la gara. Intermittente.

Simeone 5,5 – Dopo diciotto secondi non riesce a mettere in rete un pallone elementare che, per sua fortuna, De Vrij insacca nella porta sbagliata. Pur palesando i noti limiti sotto porta, non lesina energie si mette sempre al servizio della squadra.

Muriel 7 – Si cala subito nel contesto e fa sì che Biraghi metta in rete il gol della speranza, poi annullato dal VAR per un suo fallo. Col passare dei minuti l’Inter gli prende le misure ma lui scaraventa in porta il gol che riapre la gara con una punizione da trenta metri. Conciso.

Pjaca 5,5 – Rileva uno spento Benassi per conferire un assetto iper-offensivo alla Fiorentina. Non riesce a dare il suo contributo ma, a sua discolpa, la situazione non era delle migliori per le sue caratteristiche.

Dabo S.V.

Pagelle a cura di Francesco Quaranta.

PAGELLE INTER

Redazione Voti Fantamagazine: Le pagelle Inter

Handanovic 5,5 – Il vento, sul secondo gol dei Viola, potrebbe anche aver influito, ma questa non può essere una giustificazione: lui era ben piazzato ed avrebbe dovuto fare di più.

D’Ambrosio 5,5 – Insufficienza imposta da una decisione arbitrale quantomeno discutibile. La prestazione, per il resto, è solida.

De Vrij 5,5 – Sfortunati a più riprese nelle deviazioni, ma l’unica pesante è quella nei primi secondi di gioco. Il resto della partita è ordinata, ma quell’episodio pregiudica la sua prestazione pesantemente.

Skriniar 6 – Partita ordinata e attenta. Ogni pallone alto è un pericolo vista la velocità del vento e le traiettorie complicate, ma nonostante questo impatta bene sia su Simeone che su Muriel.

Dalbert 5,5 – Non una grande prestazione la sua questa sera. Chiesa lo manda in palla a più riprese. Lascia il campo per Asamoah.

Vecino 6,5 – Oltre al gol del momentaneo 1-1, il centrocampista proprio ex Viola, sforna una buona prestazione, combattendo su tutti i fronti senza mai tirarsi indietro.

Brozovic 6 – La partita è complicata e lo si capisce sin dai primi minuti, lui però non si scompone e gioca la sua partita, senza infamia e senza lode.

Politano 7 – Altra grande partita per l’esterno offensivo ex Sassuolo. Corre per tutta la fascia e quando può cerca di pungere. Il gol del momentaneo 2-1 è una piccola perla.

Nainggolan 6,5 – Altra buona prestazione per il Ninja che dimostra di star recuperando la sua forma migliore. Oggi non trova il gol, ma uno splendido assist.

Perisic 6,5 – Comincia sottotono, ma è in continua crescita per tutto il match che culmina con il rigore tirato alla perfezione.

Martinez 6 – Vede poco la porta, ma quanto lavoro per la squadra. Si sbatte contro tutto e contro tutti e si merita la sufficienza.

Asamoah 6 – Entra per sostituire un Dalbert non al cento per cento e gioca un buon match.

Candreva 6 – Ha poco tempo per incidere, ma ci mette la corsa che serve per pressare la difesa avversaria.

Borja Valero S.V.

A cura di Giovanni Sichel

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy