Pagelle Cagliari – Napoli 0-1: nel finale zampata di Milik! – Voti Fantacalcio

L’attaccante dei partenopei segna il gol decisivo al 91° minuto trovando la zampata vincente.

di Voti Fantamagazine

Il Napoli riesce ad abbattere il fortino della Sardegna Arena solo nel finale, con una grande punizione di Arek Milik. Partita dalle poche occasioni, con il Napoli sempre in controllo, ma poco pericoloso. Da ricordare una traversa di Milik a metà secondo tempo.

PAGELLE CAGLIARI

Redazione Voti Fantamagazine: Le pagelle Cagliari

Cragno 6 – A differenza delle ultime partite è poco impegnato. Non può nulla sulla punizione di Milik.

Pisacane 6,5 – Gioca come solo lui sa fare, facendo soprattutto la fase difensiva. Si vede poco avanti, ma è bravo ad annullare Zielinski. Il Napoli sul suo lato non sfonda. Esce per crampi a fine partita.

Romagna 7 – Gioca una partita attenta su Milik, chiudendogli ogni possibile varco. Ferma un paio di cross bassi veramente pericolosi, sempre al posto giusto al momento giusto. Esce a fine secondo tempo per crampi. Monumentale!

Klavan 6,5 – Qualche sbavatura in più rispetto al compagno di reparto, ma comunque una partita di grande spessore. Nel gioco aereo è insuperabile.

Padoin 6 – Soffre Malcuit, soprattutto nel secondo tempo. Limita i danni con l’esperienza. In avanti è poco presente.

Bradaric 6,5 – Ottimo in fase d’interdizione, male quando deve impostare. Ha due buone occasioni da fuori area, ma le spreca facendosi ribattere il tiro.

Ionita 6 – Solita grinta a tutto campo, cala alla distanza, anche a causa di piccoli problemi muscolari che si porta dietro da qualche giorno.

Barella 6,5 – Primo tempo non da lui, con tanti passaggi sbagliati, nel secondo cresce esponenzialmente facendo salire la squadra nei momenti di difficoltà. Quando parte palla al piede è difficile da fermare.

Faragò 6 – Corre senza sosta per tutti i 97 minuti, peccato sia poco lucido negli ultimi 30 metri.

Joao Pedro 6 – Non tocca tanti palloni, ma quelli che riesce a ricevere li gioca intelligentemente. Le occasioni più pericolose passano dai suoi piedi.

Farias 5,5 – Ha come spesso gli succede le occasioni migliori della squadra nei piedi (in questo caso anche testa), ma non inquadra la porta. Tanto movimento, ma poco costrutto.

Sau 5,5 – Entra per Farias ma la musica non cambia. Questa volta non gli riesce il miracolo di sabato scorso contro la Roma.

Andreolli sv

Cigarini sv

Pagelle a cura di Andrea Riefolo

PAGELLE NAPOLI

Redazione Voti Fantamagazine: Le pagelle Napoli

Ospina 6 – Stavolta tocca a lui, con Meret e Karnezis che restano a guardare. Sempre puntuale e sicuro in presa alta, si fa notare nel primo tempo quando neutralizza Farias da distanza ravvicinata.

Malcuit 6.5 – Scelta audace quella di Ancelotti, che opta per due terzini di spinta come lui e Ghoulam. La presenza di quest’ultimo costringe il francese ad una partita molto più accorta del solito. Lui interpreta bene il ruolo ed è soprattutto in fase di non possesso che fa vedere le cose migliori. Nel secondo tempo quando ha anche occasione di spingere e di rendersi pericoloso lo fa e anche bene.

Maksimovic 6 – Chiamato a dare continuità ad una serie di prestazioni di buon livello, oggi appare più impreciso del solito, specialmente nel gioco aereo. Riesce comunque a non demeritare eccessivamente e a guadagnarsi la sufficienza

Koulibaly 6 – Il gigante d’ebano è ancora una volta immune al turn over di Ancelotti. Prestazione meno solida del solito, ma i suoi errori, fortunatamente, si rivelano senza conseguenze.

Ghoulam 6 – Prima del match contro il Frosinone non calcava un campo da calcio in un match ufficiale da più di un anno, oggi si ritrova a far fronte alla terza presenza in appena una settimana. Gioca molto largo guadagnandosi spesso lo spazio per offendere, ma un egregio Pisacane e una condizione fisica probabilmente non ancora ottimale lo frenano in maniera evidente. Da calcio d’angolo il suo sinistro è un vero e proprio fattore.

Ounas 6 – Dopo la rete capolavoro messa a segno contro il Frosinone, l’algerino è stato chiamato a riconfermarsi ai suoi livelli anche quest’oggi contro il Cagliari. Alterna giocate di pregevole fattura a errori grossolani e potenzialmente molto pericolosi. Sufficienza stentata.

Allan 6 – Non è il solito leone, fiaccato probabilmente dal terzo impegno consecutivo nell’arco dell’ultima settimana. Si limita al compitino senza mai mettersi in evidenza come altre volte ci aveva abituato.

Diawara 5 – Uno dei talenti azzurri che sotto la gestione Ancelotti fatica maggiormente a far emergere le proprie qualità. Oggi era chiamato a far rifiatare un Marek Hamsik apparso in debito d’ossigeno contro il Liverpool. Decisamente più coinvolto nella manovra rispetto alle altre volte, pecca però di ingenuità in più di un’occasione. Degne di sottolineatura un paio di lanci lunghi davvero pregevoli, mai stati prima d’ora il suo pane quotidiano. Acerbo.

Fabian Ruiz 6.5 – Nel prepartita aleggiava il dubbio su chi tra lui e Zielinski potesse giocare al fianco di Mertens. Alla fine Ancelotti punta su di lui, che risulta uno dei più positivi dei suoi per coinvolgimento nella manovra e sotto il profilo della personalità. Manca di freddezza a inizio ripresa, quando spreca una ghiotta occasione nel cuore dell’area avversaria.

Zielinski 5,5 – Schierato ancora una volta sulla catena sinisitra, inizia il match facendo intravedere il proprio talento solo a sprazzi, mancando di concretezza in più di una circostanza. Migliora ad inizio ripresa, cala nuovamente quando passa in posizione centrale dopo l’ingresso di Mertens.

Milik 7,5 – Il goal vittoria arriva dopo 90 minuti di corsa, sacrificio e sfortuna, con la palla che in occasione di un suo colpo di testa rimbalza sulla traversa prima e sulla linea poi, senza finire in rete. La punizione decisiva è un gioiello di rara fattura.

Mertens 6 – Entra e il gioco del Napoli ne risente immediatamente in positivo. Riesce a dare un pizzico di brio in più alla manovra, pur senza brillare in maniera evidente.

Insigne 5.5 – Nervoso, evanescente e poco lucido. Stavolta non riesce a dare il proprio contributo alla causa.

Callejon 6 – Entra nella posizione di terzino destro e si distingue per la solita diligenza tattica con cui riesce ad interpretare la partita.

Pagelle a cura di Marcello Pelosi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy