voti fantacalcio

Pagelle Genoa – Juventus 2-1: Criscito fa esplodere il Marassi!

Dal rigore sbagliato la scorsa settimana nel derby a quello che ridà nuove speranze al Grifone. Criscito è il match-winner di una sfida che negli ultimi dieci minuti di gara è completamente cambiata in maniera a dir poco inaspettata. La...

Voti Fantamagazine

Dal rigore sbagliato la scorsa settimana nel derby a quello che ridà nuove speranze al Grifone. Criscito è il match-winner di una sfida che negli ultimi dieci minuti di gara è completamente cambiata in maniera a dir poco inaspettata. La Juventus aveva trovato il vantaggio ad inizio ripresa con una bella giocata di Dybala di destro. Nei minuti finale l'incredibile rovesciamento di fronte con Gudmundsson che pareggia i conti e Criscito che tira un nuovo calcio al destino. Il Grifone aggancia il Cagliari e si trova a -1 dalla Salernitana, attualmente quartultima. La lotta salvezza, ora, è indecifrabile.

PAGELLE GENOA

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Genoa

Sirigu 7 - Se i rossoblù riescono a ribaltare il match è anche merito del portierone ex Psg che sbroglia la matassa su Kean e Vlahovic facendo rimanere ancora a galla la squadra ligure fino alla fine del match.

Hefti 5,5 - Qualche affanno su Kean: se lo perde in più frangenti. All'inizio con la prima palla-gol sciupata dall'attaccante bianconero fino all'occasione del vantaggio ospite dove è troppo leggero nel contrasto sulla punta della Nazionale italiana.

Bani 6,5 - Partita indomita del centrale rossoblù che si francobolla a Vlahovic limitando le giocate del serbo che impegna Sirigu solamente con una caparbia azione personale. Nel concitato finale sfiora anche il gol.

Østigård 6,5 - Ruvido quanto basta, sfiora anche lui più volte il gol. A volte con tentativi velleitari, in altre circostanze andandoci vicino.

Criscito 7,5 - Il calcio toglie, il calcio dà. Dopo una settimana vissuta praticamente come artefice massimo della sconfitta nel derby ha l'occasione di riscattarsi e di alimentare la rincorsa salvezza: stavolta non trema dal dischetto e spiazza uno specialista come Szczesny riscattandosi.

Badelj 6 - Stavolta non decide lui il match al Marassi, ma si limita a tanto prezioso lavoro oscuro approfittando anche dei ritmi non elevati della sfida.

Galdames 6 - Rileva nello scacchiere tattico Sturaro. Né carne, né pesce. Gara senza particolari difetti o pregi. Esce all'intervallo.

Melegoni 5 - Ha buone idee, ma pecca nella realizzazione delle stesse. Leggerino, si fa ammonire e sparisce dal match.

Amiri 6 - Gara dai mille volti. Ha i colpi per far male, come dimostra lo splendido assist per Gudmundsson, ma è anche sciupone sull'immediato pareggio facendosi parare un rigore in movimento da Szczesny. Deve limare le pause e migliorare sotto il profilo realizzativo.

Portanova 6 - Gara guardinga del giovane jolly di centrocampo rossoblù. Tanta sostanza, poca concretezza anche se, prima di uscire dal campo, impegna Szczesny.

Destro 5 - E' vero, ha pochi rifornimenti. Però, fallisce l'unica occasione che ha a disposizione sembra, orami, sempre più sconsolato. Il digiuno prosegue: è da quasi tre mesi che non festeggia un gol.

Frendrup 6 - Leggero in marcatura su Dybala in occasione del vantaggio bianconero, ha il merito di partecipare attivamente a quella del pareggio di Gudmumdsson.

Yeboah 6,5 - Da prima punta è decisamente più pericoloso rispetto a quando gioca sugli esterni. Ha il merito di procurarsi il rigore della vittoria.

Ekuban 6 - Pronti, ,via e sfiora subito il gol. Non molto concreto, ma quanto ci mette energia positiva e tanta volontà.

Gudmundsson 7 - Nella gara che non ti aspetti arriva il primo gol in A. Ma già prima di segnare si era fatto notare per volontà di essere determinante: sfrutta al meglio l'assist di Amiri e rilancia le ambizioni di salvezza del Grifone.

Pagelle a cura di Mario Ruggiero.

PAGELLE JUVENTUS

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Juventus

Szczesny 6,5 - Non può nulla sulla conclusione di Gudmundsson, ma è decisivo nel salvare il risultato con un intervento su Amiri. Cade ancora nel finale, perdendo il duello dagli undici metri contro Criscito.

Cuadrado 5,5 - Arretra il suo raggio d’azione e si concede qualche leggerezza di troppo, che per sua fortuna il Genoa non sfrutta. Ha il merito di dare il là all’azione che sblocca il match.

Alex Sandro 6 - Come da programma dà il cambio a Cuadrado in vista della finale di Coppa Italia, limitandosi a gestire la corsia di competenza.

Bonucci 6 - Dopo la doppietta decisiva contro il Venezia, lascia il tabellino marcatori ai suoi attaccanti, concentrandosi solo sulla guida della fase difensiva.

Rugani 6 - Scelto al fianco di Bonucci, non sfigura pur prendendosi un giallo evitabile. Altra prova senza infamia ne lode del 24 bianconero.

De Sciglio 4 - Con Cuadrado che si sgancia spesso, rimane bloccato sulla linea difensiva. Rischia in marcatura su Destro, e si addormenta sul filtrante di Amiri nell’azione del pareggio rossoblu. Completa la serata horror con il fallo da rigore su Yeboah.

Miretti 6,5 - Più mezzala che regista oggi, al fianco di Arthur, disputa un’altra partita di grande personalità e di buona qualità in mezzo al campo. Il futuro è suo.

Bernardeschi 5,5 - Impalpabile nella manciata di minuti concessagli da Allegri. Il suo ingresso si nota solo perché dal campo esce Miretti.

Arthur 5,5 - Un’ora di gioco in cui non riesce ad esprimersi come vorrebbe. L’immagine della sua stagione bianconera, è tutta nel fallo e nella reazione stizzita che gli costano il giallo.

Zakaria 6 - Ci mette maggior fisicità e si affianca a Miretti che riprende il posto in cabina di regia. Apporto energico che però non basta alla Juve che stacca la spina nel finale.

Rabiot 5,5 - Passo indietro rispetto alle ultime uscite. Meno esplosivo in fase di interdizione, nel finale regala un pallone velenoso al Genoa, che per sua fortuna spreca e non trova il 2-1.

Dybala 7 - Dopo un primo tempo con poche luce e tante ombre, e un giallo evitabile, comincia la ripresa sbloccando il match con un bel destro dal limite dell’area. Sfiora anche la doppietta, ma il palo gli dice di no.

Akè sv.

Vlahovic 5,5 - Continua il periodo no del serbo, che dialoga con i compagni ma faticando a trovare spazio per concludere. Quando riesce a sfondare trova un grande Sirigu, poco prima di lasciare il campo.

Morata 6,5 - Il suo ingresso da vivacità e fornisce una carta in più per le ripartenze, come nel contropiede che conduce e rifinisce per Kean, che spreca malamente.

Kean 5 - Il più attivo del tridente nella prima frazione, bravo nella giocata e nell’assist per lo 0-1 di Dybala, spreca clamorosamente il goal del possibile 1-2 a porta spalancata in pieno recupero.

Pagelle a cura di Marco Agostinelli

tutte le notizie di