Udinese-Inter, le Fantapills: Perisic spietato, ottime prove per Jankto e Samir

Udinese-Inter, le Fantapills: Perisic spietato, ottime prove per Jankto e Samir

Le Fantapills della sfida tra Udinese ed Inter della 19a giornata di Serie A.

di Mauro Miani, @mauromiani90

Un’Udinese bella ma poco efficace deve cedere il passo ad un’Inter meno appariscente ma tremendamente cinica. A decidere la gara è il croato Perisic che in pieno recupero nel primo tempo trova il pari dopo il gol di Jankto e di testa a pochi minuti dal fischio finale regala la vittoria ai nerazzurri. Delneri, nonostante la delusione per la sconfitta, si è comunque detto soddisfatto per la prestazione dei suoi.

– JANKTO: dopo la Juventus altra vittima illustre per il ragazzino ceco, ma come contro la Vecchia Signora una rete inutile ai fini del risultato finale. Il centrocampista si dimostra ancora una volta un profilo sicuramente molto interessante in ottica fantacalcio, quello che frena però la sua appetibilità è il continuo ballottaggio con Hallfredsson. A fine partita sono state queste le sue parole: “Mi fa piacere che l’allenatore mi stia dando fiducia perché è molto importante per continuare a crescere. Sicuramente per me non è facile giocare il primo anno in Serie A e, se nelle prime gare ho dimostrato qualche timidezza, adesso sto crescendo. Non sono mai contento di me stesso, chiedo sempre di più a me stesso per crescere e migliorare”.

– SAMIR: Insieme a Jankto il migliore dei bianconeri. Si trovava un cliente scomodissimo come Candreva, ma ancora una volta ha dimostrato di essere un giocatore assolutamente affidabile. Suo l’assist per il gol di Jankto del momentaneo 1-0 dopo una fantastica sgroppata. In ottica modificatore difesa, il brasiliano si sta confermando sempre più come una validissima alternativa. A fine partita sono state queste le sue parole: “Personalmente sono felice perché sto giocando. Per me è importante giocare, da difensore o da esterno non importa, cerco di dare il massimo per la squadra. Giocare con Felipe è molto importante perché siamo brasiliani e parliamo la stessa lingua quindi lui, che è un giocatore esperto, mi aiuta molto e anche in partita parliamo spesso analizzando gli errori e se ci sono problemi cerchiamo subito di risolverli.

– DE PAUL: Ottimo modo per iniziare il 2017. L’argentino ha giocato una buonissima partita e soltanto il palo gli ha negato la gioia della prima rete in Serie A. Delneri già in conferenza pre-partita aveva elogiato i progressi dell’ex Valencia nell’adattarsi nel ruolo di esterno destro e, stando alla gara con l’Inter, sembra che i risultati si siano finalmente visti.

– PERISIC: Doppietta a parte, il migliore dell’Inter. I suoi inserimenti sono stati un pericolo costante e in più di un’occasione solamente la bandierina dell’arbitro lo ha fermato a tu per tu con Karnezis. Con le due reti segnate il croato raggiunge quota 6 gol, ad una sola marcatura dal raggiungere lo stesso bottino dello scorso anno.

– ICARDI: Non una grande prestazione per Icardi, anzi sarebbe stata anche gravemente insufficiente se, nell’unico lampo della giornata, non avesse servito l’assist per la prima rete di Perisic. L’argentino nonostante tutto si è dimostrato decisivo.

– MIRANDA: Buonissima la prova del centrale brasiliano. Quando Zapata ha agito dalle sue parti, è sempre stato respinto con perdite, a differenza di quanto accaduto con il suo compagno Murillo andato molte volte in difficoltà contro l’attaccante dell’Udinese.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy