Sampdoria, Ranieri cambia la difesa: si passa a 3 con alcuni nuovi interpreti

Importanti indicazioni emerse nelle prime sedute post-pandemia

di Mario Ruggiero, @MarioRuggi

Il processo di normalità è ancora lungo. Le squadre iniziano, pian piano, ad allenarsi mentalizzando corpo e testa al lavoro sul campo tra sedute individuali e facoltative o simil-collettive. Claudio Ranieri, tecnico della Sampdoria, è pronto ad un nuovo punto di svolta: difesa a 3 con nuovi interpreti.

Lo riporta la Gazzetta dello Sport, nell’edizione odierna: i blucerchiati stanno già lavorando per conquistarsi la salvezza. E, a livello tattico, un’opzione tutt’altro che remota porta a riconsiderare la difesa a tre.
Dopo le esperienze dei precedenti tecnici (Giampaolo col dogma della difesa a 4; Di Francesco con vari ibridi, finanche un insolito 3-4-3, ndr) l’ex tecnico della Roma era ritornato all’antico: 4-4-2 e pedalare.

Ora, però, la “rivoluzione”: possibile il passaggio al 3-5-2, modulo utilizzato nell’ultima gara giocata prima del lockdown e  che era in odore di conferma nella gara successiva (poi rinviata) con l’Inter. Rientrano in gioco, dunque, il tridente difensivo formato da Yoshida, Tonelli e Colley con Augello e Bereszynski sulle corsie esterne.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy