Fantamondiale Russia 2018: la scheda della Germania

Fantamondiale Russia 2018: la scheda della Germania

La scheda dei campioni in carica della Germania, che si presentano a questo Mondiale ancora una volta nel gruppo dei favoriti! Riuscirà Löw a portare a casa una storica doppietta?

di Alessio Ambrosino, @aleambrosini

banner_up

La Die Mannschaft targata Joachim Löw si presenta ai nastri di partenza di questi Mondiali in Russia come campione in carica. Una rivoluzione, quella tedesca, iniziata già nei primi anni 2000, con una riforma dei centri tecnici federali e delle infrastrutture che sta regalando i suoi frutti. I teutonici possono contare su una formazione di assoluto livello, favorita anche per questa edizione della Coppa del Mondo.
Unico grattacapo per Löw e i suoi sono la carenza di risultati nelle ultime apparizioni: la Germania infatti non vince una gara da 5 partite consecutive. Facile pensare però che quando i giochi si faranno realmente importanti, la corazzata tedesca possa essere difficile da fermare per qualsiasi squadra. Anche perché il Gruppo F, dove oltre alla Germania vi sono Messico, Svezia e Corea del Sud, sembra tutt’altro che insormontabile, quindi lo sguardo è rivolto già alla fase ad eliminazione diretta…

GERMANIA

Immagine

La probabile formazione (4-2-3-1): Neuer; Kimmich, Boateng, Hummels, Hector; Khedira, Kroos; Müller, Özil, Draxler; Werner.

In porta sembra potrebbe essere messa in discussione la presenza certa di Manuel Neuer: questo perché il portierone dei bavaresi quest’hanno non ha praticamente mai giocato, scendendo in campo solo una volta negli ultimi 9 mesi. Si scalda ter Stegen, anche se Löw sembra intenzionato a proporre il numero 1 del Bayern Monaco.

Difesa che sarà la stessa dell’ultimo Europeo, con Kimmich ed Hector come terzini e il pacchetto centrale formato da Boateng e Mats Hummels.

A centrocampo la diga davanti alla difesa sarà composta da Khedira e Kroos, con riserve del calibro di Goretzka e Ilkay Gündogan pronti a dire la loro durante la manifestazione. Convocato a sorpresa anche Rudy, che sarà però una semplice riserva.

Nel terzetto dietro alla punta centrale, indiscussa la titolarità per Thomas Müller e Mesut Özil, mentre sulla sinistra sarà bagarre tra Draxler e Reus per una maglia. Il centravanti della squadra sarà l’attaccante del Red Bull Lipsia Timo Werner, da molti dipinto come erede designato di Miroslav Klose. Mario Gomez proverà ad insidiarlo, ma per lui ci si aspetta un Mondiale da comprimario.

Immagine

Neuer 70% – ter Stegen 30%: Un dubbio che non ci si sarebbe mai aspettati di leggere, ma d’altra parte i 9 mesi di stop forzato per Neuer potrebbero incidere sulle scelte di Löw. Il portiere del Bayern è comunque in vantaggio per un posto da titolare.

Draxler 60% – Reus 40%: L’altro dubbio in casa Germania riguarda il ruolo di ala sinistra. A sorpresa non è stato convocato Leroy Sané, dunque il ballottaggio si riduce a Draxler e Reus, con il giocatore del PSG leggermente avanti nelle gerarchie, che durante lo svolgimento del Mondiale potrebbero anche cambiare.

Immagine

ÖZIL: Con quel suo piede sinistro fa magie che deliziano gli occhi di tifosi e appassionati di calcio ormai da anni. Con 89 presenze e 22 gol con la maglia tedesca, è uno dei veterani della propria Nazionale. Uomo assist sublime, dalla tecnica spropositata. Non servono tante presentazioni per lui, assolutamente consigliato anche per questa rassegna mondiale.

MÜLLER: Sotto il punto di vista realizzativo, non è stata una gran stagione la sua. Ma quando veste la maglia della Germania, si trasforma in un rapace come pochi al mondo. Lo testimoniano i 10 gol in 13 partite giocate durante la fase finale della Coppa del Mondo. È a 6 gol dal record all-time di reti nella storia dei Mondiali, detenuto proprio da un giocatore tedesco, Miroslav Klose. Sarà difficile agguantarlo, ma mai dire mai!

HUMMELS: Solidità, concretezza, e anche il vizietto del gol. Un difensore come Hummels in un FantaMondiale può rivelarsi sempre prezioso, da top 3 nel suo ruolo. Puntateci senza riserve.

Immagine

WERNER: È la sua occasione per farsi conoscere ancora di più sulla scena internazionale. 21 i gol stagionali in 45 presenze con la casacca del Red Bull Lipsia, non male per un 22enne dal sicuro avvenire. Potreste sfruttare qualche “debolezza” di conoscenza dei vostri compagni di lega, e accaparrarvelo a prezzi non esorbitanti…

REUS: Finalmente. Dopo che la sfortuna lo ha inseguito sia nel 2014 che nel 2016, quando ha saltato per infortunio sia i Mondiali che gli Europei, per Marco Reus è arrivato il momento di stupire di nuovo, e ricordare a tutti il suo talento purissimo. Non avrà vita facile, perché la concorrenza è alta, ma in ogni caso qualche credito su di lui si può spendere senza patemi.

DRAXLER: Nonostante sia un ragazzo di soli 24 anni, di lui si sente parlare ormai da anni. Per Draxler potrebbe essere il Mondiale della definitiva esplosione, dopo una annata comunque positiva con la maglia del PSG. Gli occhi di diversi top club saranno su di lui, che almeno inizialmente dovrebbe essere il titolare della fascia sinistra. Se non riuscite ad arrivare ad Özil, puntare su di lui può rivelarsi un’ottima idea.

Immagine

HECTOR: Forse l’elemento di minor spessore tecnico nell’11 di Löw, che però lo considera un titolarissimo (anche per la penuria di terzini destri di ruolo). Più che sconsigliato è da considerarsi un profilo buono solo per la titolarità, da prendere per pochi crediti. Se l’asta dovesse protrarsi a prezzi più alti, virate altrove.

GOMEZ: Soltanto 9 gol in campionato con il suo Stoccarda: Mario Gomez sembra aver perso la brillantezza dei tempi migliori. Se avete negli occhi le prodezze dell’ultimo Europeo, dove comunque si era rivelato uno dei migliori della Germania, vi basti pensare a due elementi: l’età che avanza, e soprattutto la presenza di un giovane rampante come Timo Werner.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. giuseppe.verzol_676 - 1 anno fa

    Quel monello di lÖW Ha lasciato a casa Sane’
    Allora non si merita altro

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy