Milan-Bologna, le Fantapills: Deulofeu, Honda e Lapadula valgono l’Europa League

Le Fantapills della sfida Milan-Bologna nella 37a giornata di Serie A. Da Deulofeu a Honda da Lapadula a Montella, il Milan festeggia il ritorno in Europa dopo tre anni, anche se dalla porta secondaria.

di Stefano Giustini, @Alobrasil74

Dopo tre anni di assenza dall’Europa, il Milan torna finalmente nel suo habitat, dove si è fatto conoscere in tutto il mondo. Sarà un ritorno dalle retrovie, ovvero il turno preliminare di Europa League, ma è un primo passo per una società gloriosa come quella rossonera. Montella con i giocatori a disposizione è riuscito a raggiungere l’obiettivo minimo stagionale, lasciando alle spalle i cugini nerazzurri.

Contro il Bologna i tre punti sono arrivati nella ripresa, dopo che  il primo tempo era finito a rete inviolate. I cambi di Mati Fernandez e Honda per Bertolacci e Bacca hanno svoltato la partita, con Deulofeu che tornato vicino a Lapadula sul centro sinistra ha cambiato l’inerzia della partita. Buoni gli impatti di Mati Fernandez (assist) e di Honda (gol su punizione), Lapadula chiude la gara sul 3-0.

– MATI FERNANDEZ: L’ingresso che spacca la partita. Entra al posto di Bertolacci e porta dinamismo e imprevedibilità tra le linee. Suo l’assist per il gol del vantaggio di Deulofeu.

– MONTOLIVO: Il capitano non ha fatto niente di trascendentale, però con esperienza ha tenuto compatto il centrocampo. Fondamentale il suo recupero in questo finale di stagione. Qui di seguito le parole del capitano rossonero a fine partita: Mi sono sentito molto bene, anche alla seconda gara dopo il rientro. Abbiamo fatto una buona partita, spingendo tanto. All’inizio eravamo troppo lunghi, poi sbloccando la partita le cose sono andate meglio. Bravi tutti, davvero“. Sull’Europa League:Siamo contenti ma non dobbiamo accontentarci. Abbiamo la voglia e l’ambizione di crescere e lottare per qualcosa di più. Intanto torniamo in Europa“. Il Bologna come una finale:Sentivamo la pressione e speravamo di sbloccarla subito, ma abbiamo sprecato qualche occasione. Nel secondo tempo siamo passati“.

– DEULOFEU: Imbrigliato nel primo tempo, sale in cattedra nella ripresa dopo l’uscita di Bacca col suo spostamento più vicino a Lapadula. Ha il merito di sbloccare la partita e far impazzire i suoi tifosi sugli spalti. Lo spagnolo tornerà a fine stagione al Barcellona.

–  ROMAGNOLI: Il migliore della retroguardia rossonera. E’ vero che Destro e compagni non gli recano troppo disturbo, però quando ci provano lui risponde presente. Elegante palla al piede, fa ripartire spesso l’azione. Un regista difensivo. Ecco le sue parole a fine partita: Sarà la prima volta per me in Europa League, speriamo di far bene. Io solitamente sono freddo e un po’ riservato, ma oggi sono veramente contento. Un obiettivo inseguito da tutti fin dall’inizio. Gara sudata, vinta grazie agli ingressi di Keisuke (Honda) e Mati Fernandez“. Sulla forza del gruppo:Siamo un grande gruppo. Lo dimostra anche chi gioca meno come Keisuke, felice per il suo gol“. Difesa a 3 o a 4?Non è che cambi poi così tanto. Il mister già ci schierava a 3 anche mesi fa, soprattutto in fase di possesso. Mi trovo bene sempre“. Voto alla stagione: “Positivo, 7.5/8. Potevam fare di più ma va bene così”.

BACCA: La nota stonata del pomeriggio insieme a Bertolacci. Sbaglia appoggi, sponde, non arriva mai alla conclusione. Esce ancora una volta tra i fischi del suo pubblico, probabilmente la sua ultima apparizione a San Siro.

DESTRO:  Gioca troppo lontano dalla porta e fa il solletico alla difesa rossonera. Si impegna, ma non arriva mai ad impensierire Donnarumma.

– VERDI: L’ex rossonero stecca a San Siro. Forse non al meglio per un fastidio alla caviglia accusato nel pre-partita, non offre mai uno spunto degno da segnare sul taccuino.

– KREJCI: L’emblema della sua partita è quando Gustavo Gomez lo salta al volo col tacco! Sostituito da Donadoni nella ripresa. Non pervenuto.

GASTALDELLO: Il migliore del suo reparto per gran parte della partita. Poi affonda con la retroguardia nella seconda parte della ripresa. Qui di seguito le sue parole a fine partita:”Per 60′ ce la siamo giocata, poi dopo il gol subito siamo crollati. Le abbiamo prese, ma non si può. Dobbiamo avere un’altra mentalità. San Siro? Lo stadio più bello d’Italia, sempre un piacere gicoare qui. Ho fatto tanto partite su questo campo ed è sempre un grande piacere“.

MBAYE: Il migliore del Bologna. Lui è uscito sullo 0-0 perchè stremato. Importanti chiusure e limita Deulofeu, che sale in cattedra con la sua uscita.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy