La partita: Palermo-Lazio 0-1

Serie A 2016/2017 – 14a giornata

di Danilo Buonpensiero, @DB1996PA

[opta widget=”temporeale” season=”2016″ team=”1405″ match_day=”14″]


BANNER_PAGELLE_02

PALERMO: Posavec 5,5; Goldaniga 5,5 (80′ Lo Faso sv), Gonzalez 4, Andelkovic 6; Morganella 5, Bruno Henrique 5,5 (54′ Bouy 5.5), Jajalo 5, Chochev 6, Aleesami 5,5; Diamanti 5,5 (46′ st. Quaison 5,5), Nestorovski 6. A disposizione: Guddo, Fulignati, Vitiello, Rispoli, Cionek, Pezzella, Hiljemark, Gazzi, Sallai. Allenatore: Roberto De Zerbi.

LAZIO: Strakosha 6; Basta 6,5, Wallace 6,5, Radu 6,5, Lulic 6 (64′ Lukaku 6); Parolo 6,5, Biglia 6, Milinkovic-Savic 7; F. Anderson 6,5 (68′ Djordjevic 5,5), Immobile 6, Keita 6,5 (81′ Lombardi 6,5). A disposizione: Borrelli, Cataldi, Vinicius, Patric, Hoedt, Leitner, Murgia, Bastos, Vargic. Allenatore: Simone Inzaghi.

ARBITRO: Guida

RETI: 31′ Milinkovic-Savic (L)
ASSIST: Basta (L)
AMMONITI: Lulic (L), Goldaniga (P), Diamanti (P), Bouy (P)
ESPULSI: Gonzalez (P)


Banner-Press

Roberto De Zerbi (Allenatore Palermo): “Lotta salvezza? Anche Empoli, Pescara e Crotone prendono quattro gol dalle big. Io ci credo sempre alla nostra missione. I miei calciatori sono convinti, ci credono, si allenano bene. Poi però la domenica succede altro. Abbiamo creato i presupposti per segnare, vincere o pareggiare. Mentalmente siamo deboli, siamo fragili. La Lazio è un avversario importante, ma bisogna essere convinti e coraggiosi. Non è che sto chiedendo ai miei calciatori di sentirsi più forti di quello che sono. Zamparini? No, ancora non ci ho parlato. La premessa qui è obbligatoria: io sono subentrato e quindi non parto avvantaggiato. Non cerco alibi, ma è la realtà. Abbiamo perso queste sette partite e c’ero io sulla panchina, quindi le colpe sono soprattutto mie”.

Simone Inzaghi (Allenatore Lazio): “Diciamo che avremmo dovuto e potuto fare il secondo goal. Comunque abbiamo fatto un’ottima gara contro un avversario ferito e in condizione. Siamo stati bravi, ci abbiamo creduto. Abbiamo vinto meritatamente e ora prepareremo il derby nel migliore dei modi. Il nostro approccio è stato buono oggi e in questo orario era la prima volta quest’anno. I miei ragazzi sono stati bravi anche ad adattarsi al loro modulo, diverso dal solito. Veniamo da ottime prestazioni, di carattere. Onore a questi ragazzi”.

Marco Parolo (centrocampista Lazio): Oggi abbiamo fatto una grandissima partita, a parte i primi 10 minuti dove forse dovevamo prendere un po’ di confidenza con l’orario. Questa squadra sta continuando un percorso di crescita e noi siamo contenti di fare bene per i nostri tifosi che sono venuti  a sostenerci a Fiumicino prima della partenza. La vittoria è per loro”.


Banner-Highlights


Banner-Fantapills

–  Milinkovic-Savic: match winner. Si fa trovare al posto giusto nel momento giusto, si inserisce bene in area e sfrutta l’assist delizioso di Basta segnando il gol che consegna i tre punti alla Lazio. Fornisce una grande palla a Immobile che dopo il tiro non va oltra la traversa.

– Basta: un assist in serbo. Buona la partita del laterale biancoceleste che sfruttando l’incertezza dei difensori rosanero, si sovrappone bene e fornisce un assist preciso sui piedi di Milinkovic Savic, qualche difficoltà nella seconda parte della partita.

– Posavec: partita sufficiente per l’estremo difensore croato, non può nulla sul gol dei biancocelesti, ma effettua diversi buoni interventi.

– Gonzalez: partita a due volti per il centrale rosanero, attenta e senza sbavature fino a quando non perde la testa ed effettua un intervento da ultimo uomo su Lombardi che lo porta sotto la doccia con qualche minuto in anticipo.

Aleesami: partita da dimenticare per l’esterno norvegese, soffre la velocità e le verticalizzazioni dei biancocelesti sulla sua fascia, difficilmente riesce a trattenere Felipe Anderson ma ciò lo porterà ad accorgersi in ritardo della sovrapposizione di Basta, lasciandolo libero di effettuare l’assist decisivo.
Keita: sgusciante. Ha totalmente un altro passo rispetto ai difensori avversari che sono costretti ad inseguirlo con più uomini per non perderlo di vista,  nessuna azione concreta ma grande lavoro da parte sua con dribbling ubriacanti e involate offensive.
Wallace: sicurezza. Partita attenta per il centrale biancoceleste, con il fisico prevale ai timidi attacchi rosanero, i suoi interventi sono sempre precisi.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy