Juventus-Torino, le Fantapills: Higuain risponde a Ljajic e avvicina i suoi allo scudetto

Le Fantapills del big match tra Juventus e Torino valido per la 35a giornata di Serie A.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

L’ultimo derby della Mole di questa stagione si è chiuso con un pareggio e l’ennesima polemica arbitrale. Dopo un primo tempo segnato dalla traversa colpita da Benatia e da un paio di parate decisive di Hart, a passare in vantaggio era stato il Torino al 52′ con una punizione calciata magistralmente da Adem Ljajic. La successiva espulsione di Acquah ha costretto i granata a ripiegare all’indietro per evitare l’eventuale pareggio della Juventus, che è arrivato comunque a una manciata di minuti dal triplice fischio grazie a una prodezza del solito Gonzalo Higuain. Vediamo assieme allora i protagonisti in positivo e in negativo dell’incontro.

ADEM LJAJIC: un +3 che ha lasciato l’amaro in bocca al serbo, che fino al 92′ aveva visto concretizzarsi la vittoria del Toro in un derby fuori casa grazie alla sua punizione magistrale. Al 52′ infatti, complice una barriera mal piazzata da Neto e la traversa interna su cui si è stampato il pallone, Ljajic aveva sfruttato il calcio piazzato per concretizzare l’unico tiro in porta granata di tutto il match. Peccato dunque, per la beffa Higuain nel finale di gara che ha strappato i tre punti alla sua squadra, ma non ai suoi fantallenatori.

ACQUAH-MIHAJLOVIC: espulsione ingiusta per il calciatore ghanese, reazione spropositata per il tecnico serbo. Se il primo si è beccato il doppio giallo, a quanto pare, per la negligenza e l’imprudenza con cui ha commesso fallo su Mandžukić (intervento prima sul pallone e poi sull’attaccante bianconero, ndr.), il secondo ha esagerato nel protestare vis-à-vis con il quarto uomo e nell’entrare in campo per continuare la sua protesta all’indirizzo del direttore di gara Valeri. Lo stesso Mihajlovic si è poi scusato nel post-gara davanti ai microfoni dei giornalisti per la veemenza della sua reazione. Ora per entrambi si attende il verdetto del Giudice sportivo.

– GONZALO HIGUAIN: lo sappiamo, avete inveito contro di noi e soprattutto contro Allegri quando lo avete visto relegato in panchina in un derby così importante per la classifica della Juventus e per quella marcatori. Ma in fondo, anche Higuain ha bisogno di riposare perché è un essere umano… almeno fin quando non entra in campo, perché una volta messo piede nel suo habitat naturale si trasforma e diventa l’alieno capace di tramutare in goal qualsiasi pallone gli capiti a tiro. E il derby di ieri sera non ha fatto eccezione. Entrato a una decina di minuti dall’avvio della ripresa per via dell’andamento della gara e del goal subito, il Pipita ha provato ad animare le azioni bianconere sbattendosi da una parte all’altra dell’attacco e, quando tutto ormai sembrava perduto, ha sfoderato al limite dell’area di rigore un rasoterra micidiale che si è insaccato alle spalle di Hart a fil di palo. Come nelle migliori tradizioni del derby della Mole, il goal di Higuain è arrivato in pieno recupero finale e, anche se stavolta esso non profuma di vittoria, di sicuro profuma di scudetto. Mica male per chi è arrivato a quota 24 in Campionato e a quota 33 in stagione.

– FASCIA DESTRA BIANCONERA: le serate storte capitano a chiunque e stavolta è capitato all’accoppiata Lichtsteiner-Cuadrado. Inaspettatamente, i due non sono riusciti a dialogare fra di loro e a costruire trame di gioco pulite ed efficienti, come sono soliti fare, e hanno finito per soccombere alle avanzate del centrocampo granata. Insufficienza meritata per entrambi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy