Irlanda del Nord-Germania 0-1, Mario Gomez e la Germania vince il girone

Vittoria di misura dei tedeschi grazie a Gomez e ad un Muller in crescita. L’Irlanda del Nord, con un grandissimo McGovern in porta, arriva terza e spera.

di Francesco Spadano, @francespadano

IRLANDA DEL NORD – GERMANIA 0-1 – TABELLINO

IRLANDA DEL NORD (4-5-1): McGovern; Hughes, McAuley, Cathacart, J. Evans; Ward (Magennis al 70′), C. Evans (McGinn all’84), Davis, Norwood, Dallas; Washington (Lafferty al 59′).  CT: O’Neill
GERMANIA (4-2-3-1): Neuer; Hector, Hummels, Boateng (Höwedes al 75′), Kimmich; Kroos, Khedira (Schweinsteiger al 69′); Özil, Müller, Götze (Schürrle al 55′); Gomez. CT: Löw
Marcatori: Mario Gomez (G) al 29′
Arbitro: Turpin Clément

IRLANDA DEL NORD – GERMANIA 0-1 – CRONACA

Molto offensivo l’assetto tattico dei tedeschi con Kimmich nel ruolo di terzino sinistro; discorso inverso per gli uomini di O’Neill che partono con uno schieramento molto abbottonato. Germania subito pericolosa con Muller, imbeccato da Ozil, fermato al 7′ da McGovern. Al minuto 11 lancio filtrante di Boateng con Ozil che, approfittando del liscio di McAuley, controlla bene in area di rigore ma di piatto non riesce ad infilare il portiere avversario. Un minuto dopo ancora un’altra chance per la Germania con Gotze che spreca la palla del possibile vantaggio a tu per tu con il portiere nordirlandese. Gli uomini di O’Neill provano a farsi vedere in avanti con Ward e Washington ma la pressione tedesca è costante. Al 27′ grandissima occasione per Muller che coglie il palo su preciso cross di Kimmich. Dopo due minuti arriva il vantaggio tedesco, questa volta con Muller in versione assist man e Gomez freddo in area di rigore. La rete di Gomez è la sua quarta personale nella fase finale dei campionati Europei, solo Klinsmann con 5 gol ha fatto meglio con la maglia della Germania. I tedeschi non si fermano e provano a chiudere il match con Muller che, dopo il palo del 27′ minuto, colpisce la traversa al 34′ minuto. La Germania chiude in attacco il primo tempo che finisce comunque con il risultato di 0-1 per gli uomini di Low.

Nessun cambio nella ripresa e Germania che continua a spingere. Doppia opportunità al 51′ e al 52′ per Gotze ma McGovern gli nega la gioia del gol. Proprio il giocatore del Bayern è il primo ad essere sostituito, al suo posto va in campo Schürrle. Al 58′ nuova azione pericolosa dei tedeschi e questa volta Khedira prova a sorprendere McGovern da fuori area ma il portiere risponde presente; sul susseguirsi dell’azione Gomez manca il tap in di testa. Cambio per l’Irlanda del Nord con Lafferty in campo al minuto 59; gli uomini di O’Neill si rendono pericolosi in avanti con Ward e J.Evans su calcio d’angolo ma non riescono a pareggiare i conti. Due cambi tra il 69′ e il 70′: dentro Schweinsteiger per Khedira nella Germania e Magennis per Ward nell’Irlanda del Nord. La Germania non spinge più con continuità ed abbassa il ritmo delle sue giocate, controllando il possesso palla con buona efficacia. Al 75′ ultimo cambio per Low con Howedes che prende il posto del diffidato Boateng. Gomez vicinissimo alla doppietta all’82’ su cross di Kimmich ma ancora una volta strepitoso McGovern dice di no. Poche emozioni nella parte finale del match e Germania che vince la gara con uno striminzito 1-0 dopo aver creato tanto, specialmente nella prima frazione di gioco. I tedeschi con questo risultato conquistano il primo posto del girone C e Neuer mantiene la sua imbattibilità.

>>> LEGGI LE PAGELLE FANTAMAGAZINE

MIGLIORI

McGovern 7,5 (Irlanda del Nord) – Ma siamo sicuri che Braveheart fosse scozzese? McGovern salva con coraggio per due volte il risultato, con uscite disperate su Muller e Gotze (due volte, una miracolosa), e con un riflesso felino su Gomez. Come nel più classico dei copioni cinematografici, nugoli di frecce lo sfiorano e si stampano su pali e traverse, poi come Mel Gibson è costretto ad arrendersi, ma lo fa da “cuore impavido”.

Gomez 6,5 (Germania) – Il punto di riferimento che mancava alla squadra di Loew, si sbatte su tutti i palloni e gioca di sponda per i compagni. A fine primo tempo trova il gol del vantaggio su assist di Muller e si rende pericoloso su tutte le palle vaganti in area avversaria.

PEGGIORI

J. Evans 4,5 (Irlanda del Nord) – La maggior parte delle azioni offensive tedesche giungono dal suo lato. Serata da dimenticare alla svelta con una buona Guinness gelata.

Schurrle 5,5 (Germania) – Entra al posto dell’opaco Gotze, ma riesce nell’impresa di creare meno di lui.


LE VOCI DEI PROTAGONISTI

Joachim Löw (CT Germania): “Boateng era alle prese con il problema al polpaccio già nel primo tempo, l’abbiamo fatto uscire perché il rischio era troppo alto. Penso che Joshua Kimmich abbia fatto molto bene a destra: ha corso molto fornendo vari cross e non è mai sembrato nervoso. È un ragazzo molto intelligente ed è stato bravo anche nel gioco aereo, quindi sono stato molto contento della sua prestazione”.

Michael O’Neill (CT Irlanda del Nord): “Credo che i giocatori impareranno un sacco della performance di oggi. Non abbiamo elementi in squadra che abbiano giocato a livelli internazionali altissimi, quindi affrontare un avversario del calibro della Germania non può che aiutarci. I tifosi sono magnifici, le canzoni sono bellissime e speriamo che possano cantarle anche durante il fine settimana. Per fortuna non siamo stati ancora eliminati, non credo che i tifosi sarebbero comunque andati a casa presto anche in caso di uscita dal torneo. Volevamo garantirci un posto negli ottavi, ma è difficile non avere questo tipo di ostacoli contro i Campioni del Mondo. È stato molto difficile per noi, ma abbiamo tenuto in piedi il match e difeso alla grande. McGovern ha giocato una partita fantastica, speriamo di avere la possibilità di giocare nella fase ad eliminazione diretta”.

Mesut Özil (Germania)“Volevamo segnare più gol oggi: abbiamo creato un sacco di possibilità e questo è stato positivo, la stessa cosa non era avvenuta contro la Polonia. Abbiamo completamente dominato il match ed abbiamo fatto ciò che era più importante ottenendo i tre punti. Il livello di questo torneo è molto alto: le migliori squadre internazionali si trovano ad affrontarsi e ciò si riflette nell’estremo equilibrio dei punteggi di ogni partita”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy