Francia-Irlanda 2-1, illusione Brady, concretezza Griezmann e blues ai quarti

Francia-Irlanda 2-1, illusione Brady, concretezza Griezmann e blues ai quarti

Sotto di una rete, la squadra di Deschamps è costretta alla rimonta che arriva puntuale grazie a un Griezmann in grande spolvero, che fa doppietta e regala i quarti alla Francia.

di Fabiola Graziano

FRANCIA-IRLANDA 2-1 – TABELLINO

FRANCIA (4-3-3): Lloris, Evra, Rami, Kanté (46′ st. Coman (93′ Sissoko)), Griezmann, Payet, Giroud (73′ Gignac), Matuidi, Pogba, Sagna, Koscielny. All. Deschamps

IRLANDA (4-4-2): Randolph, Coleman, Duffy, Keogh, Ward, Brady, McClean (69′ O’Shea), Hendrick, McCarthy (71′ Hoolahan), Murphy (65′ Walters), Long. All. O’Neill

Marcatori: 2′ Brady (I, penalty), 57′ Griezmann (F), 61′ Griezmann (F)

Ammoniti: 26′ Coleman (I), 27′ Kanté (F), 41′ Hendrick (I), 44′ Rami  (F), 72′ Long (I)

Espulsi: 66′ Duffy (I)

Arbitro: Nicola Rizzoli (ITA)


FRANCIA-IRLANDA 2-1 – CRONACA

Neanche il tempo di iniziare che si assiste al primo colpo di scena del match: a soli 120″ dal fischio d’inizio Rizzoli concede calcio di rigore all’Irlanda per il fallo da dietro commesso da Pogba ai danni di Long, che aveva sorpreso la retroguardia francese. Dal dischetto Brady non perdona, con un colpo da biliardo che spiazza Lloris, sbatte sul palo e si infila in rete. Costretta subito a rimontare, la Francia attacca e al 7′ si guadagna una punizione dal limite per un tocco di mano avversario. Sulla battuta Payet, che indirizza in porta con un traiettoria troppo centrale per sorprendere Randolph che blocca in presa sicura. I blues non si arrendono e continuano ad aggredire dapprima con un cross di Pogba che Griezmann spedisce alto di testa e poi con un cross di quest’ultimo per Giroud provvidenzialmente anticipato da Duffy, che gli impedisce la deviazione decisiva a pochi passi dalla porta. Al 16′ l’Irlanda si fa rivedere dalle parti di Lloris, costretto alla respinta con i pugni per anticipare ancora Long. Due minuti più tardi, è lo stesso Long a entrare con un intervento deciso su ‘La Pioche’ bianconera, che in tal modo conquista una punizione dalla trequarti. Il pallone messo in area da Payet finisce sulla testa di Griezmann che lo spizza, ma Randolph lo accoglie nuovamente tra le sue braccia. Al 21′ però è la squadra di O’Neill che va vicina al raddoppio con Murphy che mette in seria difficoltà il portiere francese, che alla fine riesce a fermare l’azione. Dopo il break chiesto per recuperare dal fallo di Long, Pogba ci prova dalla distanza direttamente da fermo con un tiro angolato, che non sorprende l’estremo difensore irlandese che blocca in due tempi. La partita si accende e, tra un’ammonizione e l’altra, si va dall’area irlandese a quella francese. Al 38′ il solito Long aggancia al volo e per poco non riesce a liberarsi di Evra, che si rifugia in corner; poi in pieno recupero doppia occasione per la formazione di Deschamps, ma dapprima Payet e poi Griezmann si fanno murare entrambi i tiri. L’ultimo tentativo di cross nella prima frazione di gioco è dello stesso Pogba al quarto minuto di recupero, ma l’onnipresente Duffy allontana.

Fin dal primo minuto la ripresa promette bene in termini di spettacolo: la Francia ottiene un calcio di punizione dai venti metri per fallo di Coleman su Payet, sulla cui battuta una doppia deviazione favorisce Koscienly che però non trova la giusta coordinazione e indirizza fuori a due passi dalla porta. Sul fronte opposto, al 52′ ancora una volta Lloris anticipa Long evitando un goal quasi fatto del numero 9 irlandese che aveva ricevuto dalla destra da McClean. Dal canto loro, i blues non ci stanno e provano a ristabilire la parità al 55′ con Matuidi, il cui tiro è deviato in angolo da Randolph chiamato agli straordinari. Ma il forcing degli uomini di Deschamps è davvero forsennato e al 57′ arriva finalmente il pareggio con Griezmann, che insacca di testa indisturbato un assist al bacio di Sagna. Il centravanti dell’Atletico Madrid però non è ancora sazio e infatti, solo quattro minuti più tardi, cala la doppietta personale ribaltando così il risultato con un sinistro che concretizza l’ottima sponda di testa di Giroud. Black-out Irlanda che al 66′ rimane perfino in 10 a seguito dell’espulsione di Duffy che, al limite della propria area, stende da dietro Griezmann ancora una volta lanciato a rete. Nell’ultimo quarto d’ora è solo sinfonia francese: al 77′ Coman serve in verticale il neo-entrato Gignac che incrocia un buon diagonale, ma trova l’opposizione di Randolph. Qualche secondo dopo sempre Gignac spaventa gli irlandesi con un destro a giro che si stampa sulla traversa. All’82’ il portiere di O’Neill smanaccia il tiro-cross di Matuidi dopo una combinazione tra Payet e Gignac. Quest’ultimo ci riprova all’86’ con un piattone che esce fuori di poco e all’87’, ma colpisce male il pallone da posizione favorevole. Un minuto dopo è il turno di Payet e del suo tiro radente che si spegne tra le mani di Randolph. Nel recupero la Francia prova a congelare la gara con un facile e sterile possesso palla, ma quando le si presenta l’occasione di mettere a segno la terza rete non si tira indietro: al 93′ ancora Griezmann si ritrova a tu per tu con Randolph che lo ipnotizza tanto da farsi calciare addosso. Finisce qua, con Deschamps & Co. che vincono 2-1, passano il turno e attendono ai quarti la vincente di Inghilterra-Islanda.


>>> LEGGI LE PAGELLE FANTAMAGAZINE

MIGLIORI

Griezmann 7,5 (Francia) – Primo tempo davvero insufficiente; nel secondo si ripresenta un giocatore letteralmente scatenato: prima un colpo di testa poi su sponda di Giroud piazza la doppietta. Sfiora la tripletta.

Long 6,5 (Irlanda) – In trenta secondi procura il rigore del temporaneo vantaggio e nei successivi 60 minuti è il più propositivo dei suoi. Con l’uscita di Murphy si sposta al centro e perde di efficacia, resta comunque l’ultimo a mollare.

PEGGIORI

Kante 5,5 (Francia) – Di lui si ricordano solo le mazzate che distribuisce a destra e a manca. Democraticamente, questo si. Sostituito nel secondo tempo.

Duffy 5 (Irlanda) – Dopo un buon primo tempo scende in campo trasformato, subisce un gol di testa dal giocatore più basso in campo, lascia posizione e campo aperto nel secondo gol e chiude la gara con un rosso diretto. Two-face.


LE VOCI DEI PROTAGONISTI

Deschamps  (CT Francia): “È stata dura, ma abbiamo sollevato la testa e siamo riusciti a segnare. L’Irlanda voleva fare bene, ma volevo più presenza in attacco. Alla fine ce l’abbiamo fatta, soprattutto nel secondo tempo abbiamo fatto soffrire i nostri avversari. Abbiamo avuto anche delle occasioni nitide per fare il terzo goal. Questo torneo è difficile per tutte le squadre, anche le partite di ieri lo dimostrano. Nessuno è già campione d’Europa in questo momento. L’obiettivo è a portata di mano”.

Griezmann (Francia): “Sono molto felice per la qualificazione ai quarti di finale. Siamo stati bravi a rientrare in partita. Adesso cercheremo di riposarci in vista della prossima partita. Spero di continuare così. Il rigore all’inizio ha messo la partita in una certa direzione, ma con il passare del tempo siamo cresciuti mentalmente riportando il match in parità dimostrando che siamo una squadra. Adesso dobbiamo migliorare, anche a livello mentale”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy